Wolfenstein II The New Colossus

by • 15/11/2017 • Rubriche, The Game VaultCommenti disabilitati su Wolfenstein II The New Colossus17


MachineGames dopo il successo del primo capitolo del brand ci riprova e sbaraglia tutti con un seguito ancora più spettacolare del precedente gioco.
Un titolo che con coraggio va controcorrente e che non ha nemmeno una parte online. Il tutto per valorizzare al meglio la storia sicuramente ma anche le ambientazioni e il level design. Il gioco, con la sua storia così bene congegnata, ha settato dei nuovi standard per il genere senza alcuna ombra di dubbio.
Il gioco si gioca tutto sulla sapiente alternanza tra parti giocate a fondo e cutscene di assoluta qualità, con una direzione quasi cinematografica e un senso del sopra le righe che impressiona in maniera molto positiva.
Il gioco poi offre due percorsi distinti quindi saremo incentivati a rigiocare il gioco interamente per comprendere le varie storylines e anche utilizzare le conseguenti armi speciali.
Il plot vede il mitico Blazkowicz che non vuole gettare la spugna e dopo lo scontro finale del primo capitolo sopravvive ma passa del tempo in coma in cui ha un dejavu. Vede un sottomarino nazista preso dalla sua squadra ma subito l’esercito nazista lo riconquista e quindi Blazko è costretto a imbracciare ancora una volta le armi per salvare i suoi. Avremo una nuova armatura e il gioco ci penalizza con un’energia sotto il 50% mentre l’armatura più avanti potrà arrivare fino al 200%. Dovremo fare affidamento su medikit e non sull’autorigenerazione e quindi il livello di sfida aumenta in maniera esponenziale.
Questo perché anche dovremo sempre adottare degli approcci stealth preferibili agli attacchi diretti, dato che i nemici sono abbastanza intelligenti e tenteranno sempre di prenderci alle spalle.  Non saremo mai completamente al sicuro e nel momento in cui l’allarme suonerà ci ritroveremo praticamente circondati.

Il gioco ripropone quindi la formula vincente del primo capitolo, arricchendola di tante sfaccettature. Potremo anche intraprendere varie attività secondarie nella base come decrittare i codici sottratti ai tedeschi.
In single player il gioco è completamente rigiocabile e quindi dopo finita la campagna della durata di una dozzina di ore vorremmo rigiocare tutto da capo per sbloccare le varie cutscenes alternative al nostro percorso precedente.
La narrazione distopica di un mondo comandato dai nazisti è magistrale e si adatta perfettamente al gameplay molto ben strutturato  e che si alterna con successo tra l’eccesso e  la misura.
Potremo anche impugnare due armi contemporaneamente e anche selezionare dei gadget particolari che se utilizzati cambieranno il corso del gameplay in generale.
I potenziamenti del personaggio sono basati sui risultati sul campo quindi una sequenza di headshot potranno farci guadagnare più resistenza o più velocità a seconda della skill che andremo a migliorare.
Il level design ha scorci fantastici con ambientazioni ricche e molto ben costruite. Dovremo conoscere i livelli a fondo per avere la meglio sui nemici in ogni occasione. Anche le boss fight sono un vero e proprio spettacolo con degli avversari veramente colossali come suggerisce il nome. I frame rimangono sempre sessanta in maniera granitica.
Il livello di difficoltà è poi generalmente livellato verso l’alto e quindi servirà un po’ di pratica, almeno inizialmente. Ottimi poi il doppiaggio in italiano e la colonna sonora.
Un titolo praticamente eccellente, uno sparattutto con dinamiche del passato ma che guarda dritto al futuro con una storia veramente eccezionale. Bentornato Blazko.

Voto: 9.5

Related Posts

Powered by Calculate Your BMI