White Shadows

by • 15/12/2021 • Rubriche, The Game VaultCommenti disabilitati su White Shadows527

White Shadows è un ottimo platform a scorrimento di taglio cinematografico che prende ispirazione da grandi classici come Limbo e Inside e che mette al centro della narrazione una distopia in bianco e nero dove l’oppressione e la disuguaglianza regnano tra gli animali.

Il gioco come detto è in tre dimensioni anche se potremo muoverci esclusivamente su un’unica asse bidimensionale. Monokel ha puntato tutto sull’approccio narrativo e cinematografico quindi non c’è tanto spazio per la frenesia quanto più per movimenti lenti e morte istantanea a seguito di brutte cadute.

C’è una componente di enigmi ambientali tramite interazione di scatole e meccanismi vari. Il mondo di gioco è popolato da suini e da corvi e la protagonista è proprio un corvo umanoide. I maiali sono la razza dominante e vivono nell’agio mentre i corvi vivono nel sottosuolo tra gli stenti. La propaganda insiste sul fatto che tutti gli abitanti sono uguali salvo poi agitare lo spauracchio dei corvi quando le cose non vanno per il verso giusto.

In questo platform con innesti stealth dovremo quindi tentare di migliorare le condizioni nostre e del nostro popolo attraverso l’esplorazione dei vari livelli e la scoperta di una terza razza di animali che forse potrà venire in soccorso dei corvi.

Il gioco potrà essere terminato in poche ore come gli illustri predecessori ma la storia vale veramente la pena di essere giocata per il significato profondo che trasmette e per gli spunti di riflessione che sa regalare.

Il titolo è di chiara ispirazione orwelliana e quindi con un racconto di grandissimo spessore e qualità. Il comparto grafico poi vede delle ottime visual in bianco e nero e dei giochi di luce molto ben orchestrati sotto ogni punto di vista. Bella a questo proposito anche l’ambientazione steampunk del tutto.

Un ottimo platform ricco di significato e ben realizzato.

Voto: 8

Related Posts

Powered by Calculate Your BMI