Van Hunt a Milano

by • 01/12/2004 • NewsComments (0)337

Nativo dell’Ohio e residente ad Atlanta, Van Hunt è balzato agli onori della stampa con il suo debutto discografico omonimo, in cui sonorità black alla Prince prima maniera si uniscono a leggiadri fraseggi blues come pochi sono riusciti a fare nell’ultimo decennio. Già salutato da Alicia Keys come “uno dei più incredibili musicisti che io conosca”, Van Hunt è compositore, produttore, arrangiatore, polistrumentista e cantante che si è avidamente nutrito dei molti linguaggi della musica nera, dimostrando uno spiccato amore per l’universo musicale degli anni Settanta, e ha creato un album dal sound squisitamente pop e ricco di tessiture soul, funk, rhythm’n’blues, che attinge alla tradizione ma risulta estremamente moderno.

Molte le partecipazioni eccellenti nell’album: dalla chitarrista Wendy Melvoin (Prince & The Revolution) al batterista Matt Chamberlain (David Bowie, Tori Amos), dal percussionista Lenny Castro (Eric Clapton, Rolling Stones) al tastierista Patrick Warren (Red Hot Chili Peppers, Macy Gray), fino al trombettista Nolan Smith (Marvin Gaye) e all’arrangiatore delle partiture per archi (in “What Can I Say” e “Precious”), David Campbell, padre di Beck. Le partecipazioni rimandano inoltre al background al quale l’artista di Dayton (Ohio) -oggi residente ad Atlanta- dichiara di ispirarsi: primo fra tutti Prince, la cui scoperta lo indirizzò, ancora adolescente, verso quel composito universo musicale e quel preciso sound; ma anche Muddy Waters, James Brown, Ray Charles fino a Duke Ellington.

Relazioni sentimentali in difficoltà, ricordi -non felici- d’infanzia, rimpianti per ciò che si è perduto, uno sguardo –personalissimo- venato di blue sulla vita sono gli argomenti che compaiono più spesso nelle canzoni, che Hunt tratta per creare scenari evocativi universali, nei quali il dolore non è mai trattato con autocompiacimento ma lascia sempre spazio a una via d’uscita, per comporre quella che egli stesso definisce “situation music”.

Già considerato, in patria, uno dei leader tra i produttori e compositori dell’era soul contemporanea, Hunt oltre a cantare si produce al sassofono, basso, batteria, tastiere e chitarra, dimostrando una reale perizia musicale non comune, anche nell’affollata scena black mondiale.

GIOVEDì 2 DICEMBRE 2004

ZOE CLUB (zona Baggio) – MILANO

Ingresso posto unico: 18 euro + 2,70 prev

Inizio ore 21.00

PER INFORMAZIONI : 02.76113055 – www.barleyarts.com

Related Posts

Powered by Calculate Your BMI