The Surge 2

by • 29/10/2019 • Rubriche, The Game VaultCommenti disabilitati su The Surge 2653

The Surge 2 migliora tutto quanto di ottimo già visto nel primo capitolo. Un soulslike molto sui generis quello di Deck 13 che non vede il dark fantasy come base del gioco ma punta tutto invece sul cyperpunk.

Gli sviluppatori hanno fatto tesoro dei consigli della community e hanno corretto tutto ciò che non andava in precedenza.
Torniamo a Jericho City quindi, dato che il nuovo capitolo riprende da dove avevamo abbandonato alla fine del primo titolo.

Cominceremo con il nostro alter ego digitale che potremo personalizzare attraverso un editor e quindi scopriremo che ci ritroveremo all’interno della città piagata da un morbo generato dalle nanomacchine. Ci ritroveremo all’interno a causa di un disastro aereo che ci ha fatto perdere la memoria.

La città è composta da nove settori interconnessi che dovremo esplorare per trovare percorsi alternativi e magari scorciatoie. Ovunque sono presenti nemici armati di innesti robot o potenziati da esoscheletri.

Molto bello il level design che in questo caso lascia spazio all’esplorazione anche se alcune aree saranno inevitabilmente bloccate prima di aver rinvenuto alcuni dispositivi. Necessario e doveroso quindi il backtracking. Ci sono molti vicoli così come ascensori magnetici da prendere per vedere la città dall’alto  e quindi la mappa vi sembrerà ancora più ampia.

Il setting urbano consente di sperimentare anche in verticale e quindi questo rappresenta un netto punto a favore. Non solo città comunque dato che a Gideon’s Rock troveremo elementi naturali come una foresta lussureggiante.

Anche il combat system ha migliorato nettamente quanto visto nel primo capitolo. Potremo personalizzare il nostro stile impossessandoci degli strumenti in mano agli avversari. Questo sia per quanto riguarda gli strumenti di offesa che di difesa.
Questo elemento garantisce grande varietà negli scontri e vi incentiverà a sperimentare molto.

Molto tecnicismo poi è stato introdotto grazie alle parate direzionali in cui dovremo utilizzare tecnica e riflessi.  Potremo comunque sempre schivare e contrattaccare, anche se con meno potenzialità rispetto a una parata ben eseguita naturalmente.
Starà sempre a noi comunque deciderà se optare maggiormente sulla rapidità o sulla potenza per avere la meglio sui nemici.

Potremo poi sempre utilizzare il drone modulare che potremo personalizzare con attacchi, funzioni e vari ammenicoli come torrette, scosse elettriche e via discorrendo.
Nella norma il comparto tecnico.

Un buon more of the same che innova e migliora quanto visto in passato. Il gioco poi si differenzia per dinamiche e ambientazioni rispetto ai classici del genere quindi va sicuramente provato se siete amanti del genere.

Voto: 8.5

Related Posts

Powered by Calculate Your BMI