The Permanent Marker

by • 28/12/2002 • RecensioniComments (0)426

Lui è un beatboxer, su questo non ci sono dubbi… uno dei più noti, certo, anche uno dei più bravi. Dopo due 12'' ha infine deciso di far uscire per la "Jazz Fudge" il suo primo vero LP intitolato "The Permanent Marker". E su questo nulla da dire, anzi. Certo, un cd intero, 11 tracce, interamente dedicate al beatboxin' sarebbe stato una vra rottura di palle, sicuramente lo stesso Kela l'ha pensato: e infatti "The Permanent Marker" è un cd completo di beatbox, rime, scratch e tutto quello che è hip hop, musica nera ed elettronica.

Molte le partecipazioni per un album così corto: Normski, Harry Love, Fallacy, Akrobatik e Plus One supportano in modo eccezionale le qualità "vocali" (come definirle altrimenti?) di Killa Kela che riesce perfettamente ad alternare sonorità hip hop e drumm'n'bass (come in "Check One").

L'abilità di Kela nel beatboxin' è tale che al primo ascolto si fa fatica a distinguere quali suoni siano creati da lui e quali dagli stumenti.

Un album interessante e divertente consigliato non solo agli appassionati ma anche a chi ha voglia di esplorare la "quinta arte". Sconsigliato invece a chi non sopporta minimamente queste sonorità o il beatbox in generale.

Per maggiori informazioni potete leggere lo special a lui dedicato, visitare il sito di Killa Kella www.killakela.com, potete guardare il video di presentazione del disco ed ascoltare il sample in formato mp3.

Related Posts

Powered by Calculate Your BMI