The Overstanding

by • 19/05/2007 • RecensioniComments (0)356

Dopo qualche periodo di stasi e silenzio, il prolifico Miguel Collins, universalmente conosciuto con il nome di battaglia Sizzla Kalonji, torna sulle scene con questo ottimo The Overstanding. A prima vista potrebbe sembrare l’ennesimo greatest hits ma così proprio non è. Garantito.
Sì perché è vero che questo disco contiene tutti i successi più importanti del cantante, più l’inedito Take Myself Away ed il relativo remix, ma completamente riarrangiati in una chiave più rap e R&B. Quindi chi già ama Sizzla potrà apprezzarlo in questa nuova versione mentre chi non lo conosce ancora lo sentirà in una chiave molto meno aggressiva e perciò più godibile rispetto al solito.

Kalonji segue il suo percorso intrapreso da qualche anno di estensione del suo pubblico con sonorità molto più americane, se così vogliamo dire. Ciò è finalizzato per colpire il pubblico black urban made in USA. E la sua grande ecletticità e la sua capacità di cambiare registro vocale glie lo consentono appieno. Il cambio di registro è anche solare grazie alla partecipazione all’intero lavoro del manager Damon Dash, ex partner di Jay Z e personaggio di punta della scena hip hop americana. Abbiamo detto che il Sizzla di The Overstanding è molto più riflessivo e tranquillo, sulla sintonia di album come Soul Deep o Rise to the Occasion. Perciò dimenticatevi la proverbiale furia dei bashment più tirati! Molto bella Break Free su ritmo ska, e impressionanti le incisive riproposizioni delle immortali Solid as a Rock, Thank You Mama e Just One of Those Days.

C’è ben poco altro da dire se non che l’ascolto è consigliato proprio ad ogni tipo di pubblico. Gli amanti del rap troveranno un buon disco, gli amanti del reggae e di Sizzla faranno un sorriso compiaciuto, pezzi leggendari completamente rifatti.

Related Posts

Powered by Calculate Your BMI