The Fuel Injected E.P.

by • 14/04/2002 • RecensioniComments (0)371

Sono molto emozionato nel recensire questo cd perché rappresenta per me una doppia iniziazione: 1. è il mio primo EP; 2. è la prima volta che mi trovo a commentare un prodotto che arriva in redazione direttamente dalla cara e vecchia Inghilterra. Immagino che per molti questi due particolari non abbiano significato, ma devo dire che, se teniamo conto del mio secondo parametro di stupore, la differenza dalle altre produzioni di origine anglosassone si sente.

Tecnicamente si tratta di un promo-cd, masterizzato "in casa" ma corredato di una più che dignitosa copertina e di un cd-rom contenente rassegne stampa, riferimenti a recensioni precedenti, biografie e fotografie degli artisti. Una dimostrazione di professionalità che merita di essere sottolineata. Un ep, dicevamo, quattro tracce prodotte per tre quarti dallo stesso Specifik, la quarta da Rola, che si è anche occupato di tutti i mixaggi.

Quello che abbiamo tra le mani è il primo lavoro ufficiale del duo (il secondo della loro label, la "Sudden Debt Recordings"), dopo diverse collaborazioni con altri artisti tra i quali ci piace citare J-Live ("..that Fuel Injected Funk tune is the bomb…"), DJ Sure D (Def Tex – "…those guys have got some mad energy…") e Lord Louis (Headz Together – "…They’re live show is mad. They rip the roof off with their dynamism. The E.P.illustrates the variety and energy this crew has, and will surely set them up for a great 2002…"). La registrazione delle tracce è successiva ad una serie di showcase che hanno toccato in pratica tutta la parte meridionale dell'Inghilterra e che hanno fatto conquistare ai due mcs molto, molto rispetto. Ma andiamo ad esaminare più in dettaglio l'aspetto musicale del cd.

La prima traccia si intitola "Way Back When"; la base è ben costruita, e contiene campioni di diversi pezzi "classici" dell'Hip Hop mentre Project Cee al microfono intrattiene con stile sottolineando che nell'Hip Hop conta dove si trova la tua mente, non dove vivi ("it's about where your mind is, not where you're living"). La seconda traccia ("The Fuel Injected Funk") passa senza infamia né lode, mentre nella terza ("Makin Sense") Specifik ci dona alcuni virtuosismi lirici che innalzano decisamente il livello. A chiudere il mini-cd "The Freedom Principle", interessante a mio parere soprattutto per gli scratch.

Nel complesso, mi è sembrato un gran bel lavoro, molto curato, come ho già accennato, sia dal punto di vista della promozione che da quello puramente musicale. Restiamo in attesa di maggiori informazioni dalla Sudden Debt Recordings per sapere come si evolverà questo progetto.

Miglior traccia: Way Back When

Per maggiori informazioni: [email protected]

Related Posts

Powered by Calculate Your BMI