Talent Not Included Xbox One

by • 15/05/2017 • Rubriche, The Game VaultCommenti disabilitati su Talent Not Included Xbox One73


Quando un titolo merita è giusto che raggiunga quanto più pubblico possibile. Talent Not Included ha esordito su computer ma ora è giunto anche su console.

Un gioco ricco di feature e molto divertente è sempre una manna per i videogiocatori. Quando poi si tratta di un indie e si punta con la semplicità tutto diventa ancora meglio.
Talent Not Included l’ultima creazione dei canadesi Frima Studios, gli stessi di Chariot, hanno creato un gioco sull’interessante concept del teatro, della scenografia e della magia del palcoscenico con delle meccaniche da platform molto basilari.

Il titolo è uscito in precedenza per Pc ma adesso è approdato anche su Xbox One per la gioia di tutti gli utenti console.

Bisogna tuffarsi quindi nello spettacolo creato dal malvagio Zot e dai suoi tre mostri.

Nella terra di Notthatmuchfurther Zordok, Kevin e Derp amano spaventare a morte la gente e Shakespeare.

Decidono quindi di iniziare uno spettacolo teatrale il critico Zot propone gli attori principali, ossia Cecile, un guerriero forte e potente, l’agile Bonnie e il mago Gundelf.

I personaggi così inizieranno la loro avventura in tre atti più uno bonus, per un totale di 46 livelli.

Il gioco durerà all’incirca sei ore anche se per ottenere tutte le valutazioni al massimo dovremo spendere molto più tempo.

Il fulcro del gioco si incentra sul gameplay e sull’umorismo delle battute e dei siparietti che si rifanno ai grandi classici del mondo dei videogiochi.
Il platform raccoglie meccaniche classiche e quindi praticare un doppio salto, aggrapparsi a un muro o effettuare un attacco.

Ci sono poi le abilità speciali che vanno dal dash di Bonnie, alla capriola invulnerabile di Cecile, fino agli attacchi magici alla distanza e al teletrasporto di Gundelf.

Il level design è molto ben realizzato e basato su diverse scene teatrali. Ci sarà quindi un riflettore e il pubblico che applaudirà o mormorerà in base alle nostre azioni sul palco.

La scenografia cambia di continuo soprattutto dal secondo atto e quindi le cose si complicheranno parecchio e la difficoltà aumenta in maniera esponenziale. Potremo comunque giocare anche in co-op locale.

I setting sono deserto, foresta e lande ghiacciate e i relativi boss sono tre che vi impegneranno molto anch’essi.

Buono il comparto tecnico con una grafica ben realizzata ed effetti sonori, soprattutto quelli del pubblico, di ottima fattura.

Un buon titolo indie che su console rende ancora di più che in passato.

Voto: 8.5

Related Posts

Powered by Calculate Your BMI