Taj Weekes: l’intervista

by • 13/09/2021 • Copertina, IntervisteCommenti disabilitati su Taj Weekes: l’intervista159

Taj Weekes è un ottimo artista reggae ma ancora di più un campione di solidarietà. È appena uscito il suo settimo album intitolato Pause e quindi gli abbiamo rivolto qualche domande su questo nuovo lavoro da studio e sullo stato delle sue molte iniziative benefiche.

Haile Anbessa: sei nato a St. Lucia, com’è stato crescere lì? In che modo ha influenzato la tua musica?
Taj Weekes: crescere a St. Lucia è stata una tipica infanzia caraibica, una vita solare. Musicalmente abbiamo avuto un’educazione varia perché le stazioni radio di St. Lucia e la maggior parte dei Caraibi non sono standardizzate, quindi abbiamo avuto la possibilità di ascoltare tutti i tipi di musica crescendo, dal Rock al Reggae al Jazz, Calypso, R&B e Classica. Essere esposto a tutti i generi ha sicuramente influenzato i miei gusti musicali, quindi quando ho iniziato a suonare tutte queste influenze si sono manifestate nelle mie canzoni. Ho anche avuto la possibilità a 14 anni di essere un DJ alla Radio Nazionale e questo ha aumentato ancora di più la mia esposizione ai vari generi musicali. Anche in tenera età io e i miei fratelli abbiamo trovato una band e abbiamo cantato ovunque ogni volta che ne avevamo la possibilità, ma quando il reggae ha iniziato a diffondersi nelle onde radio me ne sono completamente innamorato. Non solo la musica, ma il movimento rasta. È stato un periodo incredibile per crescere a metà degli anni ’70 nei Caraibi.

H.A.: chi sono i tuoi artisti preferiti?
T.W.: ascolto di tutto quindi non ho un artista preferito in realtà amo la musica, ma ovviamente ascolto molto del reggae delle origini con Jimmy Cliff, The Wailers, ma ho anche ascoltato molto calypso crescendo, quindi le mie influenze sono state una varietà di musicisti di tutti i generi.

H.A.: come sta andando la tua attività di Campione UNICEF dei Bambini?
T.W.: le attività con l’UNICEF sono le stesse attività che faccio con la mia organizzazione benefica They Often Cry Outreach (TOCO) dove offriamo programmi odontoiatrici, aiuto in casi di abusi domestici e tutto ciò che riteniamo utile che possa migliorare la vita dei giovani nei Caraibi ma soprattutto a St. Lucia perché è da lì che io provengo.

H.A.: sei stato recentemente nominato anche Goodwill e Brand Ambassador. Come è accaduto? Cosa significa per te adesso?
T.W.: il governo e la gente si sono accorti del lavoro che stavamo facendo e continuiamo a fare con la Charity e l’UNICEF e hanno pensato che valesse la pena farmi un diplomatico, con passaporto diplomatico e darmi il titolo di Sua Eccellenza. Per me significa semplicemente che apprezzano il lavoro che abbiamo svolto e hanno ritenuto necessario riconoscerlo.

H.A.: e le tue attività con TOCO?
T.W.: la missione di TOCO è prendersi cura dei bambini svantaggiati e a rischio a St. Lucia e nei Caraibi attraverso programmi sanitari e di arricchimento. Quindi li aiutiamo a ottenere borse di studio per il calcio negli Stati Uniti, inviamo cibo per aiutare i diseredati, regaliamo biciclette, 2 anni fa abbiamo donato 513 biciclette al governo per condividerle tra la popolazione, abbiamo inviato tablet per aiutare i ragazzi con l’apprendimento a distanza e insieme al governo abbiamo acquistato 94 biglietti aerei per rimandare a casa alcuni dei nostri studenti che erano rimasti bloccati negli Stati Uniti durante la pandemia. Il lavoro che facciamo richiederebbe troppo tempo per essere menzionato nell’intervista, ma se le persone vogliono conoscere di più su ciò che facciamo dovrebbero controllare su www.theyoftencryoutreach.org

H.A.: parlami ora del tuo nuovo album Pause…
T.W.: Pause è il mio settimo cd e il primo senza la mia band Adowa. È una raccolta di canzoni scritte durante l’anno più significativo della mia vita come musicista e quello è l’anno in cui la musica è morta. L’anno in cui siamo stati tutti costretti a fare una “Pausa”.

H.A.: quali sono i tuoi prossimi progetti?
T.W.: abbiamo altri album in lavorazione, ma per ora l’obiettivo è ottenere la massima visibilità per questo album e fare interviste e spettacoli per supportarlo. Questo mese il 25 settembre sarò ad Accra in Ghana per uno spettacolo e porto con me 5.000 paia di scarpe da regalare ai giovani del Ghana.

Related Posts