Surfinikta

by • 18/09/2016 • NewsCommenti disabilitati su Surfinikta230

surf

È il primo estratto dall’album Assud in uscita il 16 settembre per Bajun Records, in collaborazione con Irma Records.
Una parte del ricavato della vendita del cd andrà alla onlus italo-senegalese Casa di Ibrahima, che ha come finalità principale la tutela e il rispetto dei diritti universali dei bambini e trova la sua piena giustificazione nel difficile contesto e nelle situazioni di forte disagio in cui vivono tanti bambini in Senegal.

Luigi Bruno, già frontman dei Muffx, collabora con nomi importanti del rock sperimentale italiano; ha lavorato, ad esempio con Claudio Simonetti (Goblin), Aldo Tagliapietra (Le Orme) e Richard Sinclair (Caravan). Bruno è anche ideatore della Sagra del Diavolo, appuntamento cult dell’estate salentina, che quest’anno si svolgerà il 20 agosto.

Surfinikta è una rivisitazione in chiave surf rock and roll del brano Kali nifta, canzone popolare delle colonie di origine greca in Italia (Grecìa salentina) e scritta e cantata in griko nel Salento.

Il pezzo si ispira allo stile compositivo di Dick Dale “Misirlou”, diventato celebre col film Pulp Fiction; Dick Dale fece questa rivisitazione surf rock di un brano folkloristico greco e Luigi Bruno ha voluto fare la stessa operazione su un brano della tradizione salentina.

È un brano provocatorio e di denuncia nei confronti della strumentalizzazione e dello sfruttamento commerciale, territoriale e dell’immagine del Salento.

La regia è stata affidata ad Alberto Caroppo. Gran parte del video è stata girata al Kilometro Zero, un locale sulla costa leccese, l’unico pezzo di mare appartenente a Galatone, città di Luigi Bruno. La scelta del luogo non è casuale: siamo in piena Macchia mediterranea, in un territorio incontaminato, che è stato in passato spesso oggetto di degrado e riqualificato grazie ad un importante lavoro e alla volontà dei cittadini della zona. L’anno prossimo è prevista la costruzione di tre stabilimenti balneari in questo luogo: il video vuole denunciare anche questo e (se queste costruzioni verranno realizzate) essere un ricordo della natura splendida di questo tratto di mare.

La collaborazione con Nandu Popu

Luigi Bruno ha scelto Nandu Popu per questo pezzo perché è il più attivo nelle cause ambientaliste nel territorio pugliese e non solo e la loro collaborazione è in essere da molto tempo. I due hanno combattuto insieme contro le trivelle e la discarica nel territorio di Nardò e Galatone (in provincia di Lecce). La loro amicizia nasce qualche anno fa quando Luigi Bruno e la sua band si sono esibiti sullo stesso palco dei Sud Sound System nel concerto evento “Salentu. Lu sule, lu mare, l’amianto”, iniziativa nata dopo la diffusione della notizia che una nave carica di amianto stesse per approdare a Gallipoli, destinata poi alla discarica galatonese in località Vignali-Castellino. Dopo qualche tempo Nandu Popu ha chiamato Luigi Bruno, assieme ad altri artisti, ad una sua iniziativa legata al referendum sulle trivelle e da lì è nata fra i due una simpatia umana e musicale.

Related Posts

Powered by Calculate Your BMI