Sud Sound [email protected] 11 dicembre

by • 08/12/2009 • NewsComments (0)878

Riceviamo e pubblichiamo

Un nuovo appuntamento rosso – giallo – verde al Live Club di Trezzo
Venerdì 11 dicembre saranno i salentini Sud Sound System
ad animare la serata con le migliori selezioni reggae, roots e ragamuffin
E come nella migliore tradizione dancehall si esibiranno cantando e infuocando i microfoni sulle basi di volta in volta selezionate

Continua il successo della band e di DAMMENE ANCORA, il loro settimo album di studio, impreziosito dalle collaborazioni di Jah Mason, Kiprich, Esco,
Morgan Heritage, Neffa, Laza, Bling Dawg, Daddy Freddy.
I Sud Sound System realizzano assieme ad Universal Music e Radio Deejay il brano ‘Danne Culure’ il cui ricavato viene devoluto alla LILT (Lega Italiana Lotta ai Tumori). Il 21 Aprile 2009 realizzano assieme a 56 artisti italiani il brano ‘Domani 21-4-09’ I proventi ricavati dalla vendita del brano andranno per la ricostruzione del Conservatorio ‘Alfredo Casella’ e la sede del Teatro Stabile del l’Aquila.
Nel frattempo Nando Popu ha recentemente rilasciato un nuovo brano intitolato “Blow Job in parlamento” per denunciare la decadenza dell’attuale classe politica italiana.
Le origini del Sud Sound System risalgono al movimento italiano delle “posse”, considerato oggi – a 15 anni di distanza dal suo nascere e crescere come realtà musicale sulla scena nazionale – forse l’evento più dirompente e creativo che si sia verificato in Italia negli anni ’90, musicalmente parlando. Di quel movimento, “antagonista” al tempo stesso tanto sul versante musicale che su quello più precisamente sociale, i Sud Sound System stessi sono stati una parte fondante e un’energia propulsiva di prim’ordine. Il Sud Sound System – composto da un gruppo di amici dai soprannomi significativi: Treble, Don Rico, Terron Fabio, GGD, Papa Gianni, Nandu Popu – esordisce nel 1991 provocando un notevole impatto con il mondo musicale italiano, a partire dall’uso del dialetto salentino nel reggae, dalla freschezza delle trovate musicali, dall’impegno senza retorica dei testi. Ma la storia del Sud Sound System comincia da molto prima, in linea con la tradizione del reggae dancehall giamaicano: casse, due piatti e il microfono. Ed è così che nascono le prime dancehall per i più stretti, per gli amici più intimi, in casa. Presto, però, lo spazio di quella abitazione non potrà più contenere la gente accorsa numerosa con un semplice passaparola, e la situazione si sposterà dapprima nelle campagne salentine, poi in tutto lo stivale. A maggio 2008 arriva nei negozi il nuovo album dei Sud Sound System, DAMMENE ANCORA, il loro settimo album di studio, impreziosito dalle collaborazioni di Jah Mason, Kiprich, Esco, Morgan Heritage, Neffa, Laza, Bling Dawg, Daddy Freddy. Il primo singolo estratto dall’album è il brano “Chiedersi come mai”, che contiene il featuring di Neffa. “È un disco che esplora il reggae in tutte le sue forme e stili, un viaggio al centro di un’unica, profonda, vibrazione” – racconta il gruppo salentino – “Che vuole parlare dal Salento al Mondo, e sceglie di farlo promuovendo a suo contenuto portante quelle che da sempre sono le caratteristiche della nostra musica e della nostra proposta artistica: l’amore per la musica e per la propria terra, l’odio per ogni forma di ingiustizia e di oppressione, la tolleranza e il rispetto per l’altro”. Durante il periodo estivo i Sud Sound System realizzano assieme ad Universal Music e Radio Deejay il brano ‘Danne Culure’ il cui ricavato viene devoluto alla LILT (Lega Italiana Lotta ai Tumori) per la quale la band sta svolgendo un operato encomiabile con l’obiettivo della salvaguardia ambientale in Puglia e la costruzione di un centro oncologico a Lecce. Per i SUD SOUND SYSTEM ”Dane Culure” è un vero inno alla vitalità della natura in aperta opposizione ai danni causati dall’inquinamento nella loro terra (e non solo), scritto appositamente a conferma del consolidato impegno nel sociale della band dopo il concerto del 6 settembre a Lecce che ha visto sul palco la presenza di Serena Dandini come madrina della manifestazione. Accanto ai Sud ritroviamo Alessia di cui tutti ricordano la voce nel brano ”Le radici ca tieni”.  Obiettivo di questa operazione è quello di raccogliere fondi e proseguire la campagna di sensibilizzazione intrapresa dalla LILT sui gravi danni causati dall’ inquinamento ambientale in Puglia.  Il 21 Aprile 2009 realizzano assieme a 56 artisti italiani il brano ‘Domani 21-4-09’ scritto e prodotto da Mauro Pagani, Giuliano Sangiorgi (Negramaro) e Jovanotti. Il proventi ricavati dalla vendita del brano andranno per la ricostruzione del Conservatorio ‘Alfredo Casella’ e la sede del Teatro Stabile del l’Aquila.
Open h 22 | Start h 23 | Ingresso € 12, solo se acquisti on line sul portale www.liveclub.it il prezzo di ingresso è ridotto a € 10. Servizio di biglietteria on line www.mailticket.biz
Un po' di vocabolario…
DANCEHALL:
La Dancehall è un tipo di musica Reggae sviluppato attorno al 1979 grazie ad esponenti quali Yellowman, Super Cat, Barrington Levy, Buju Banton e molti altri. Questo tipo di musica è conosciuta ora anche come Bashment o Ragga, e nei primi anni 1990 è stato coniato anche il termine Raggamuffin. Lo stile è caratterizzato da un DJ che canta o rappa (toasting) sopra riddim ruvidi e ballabili.
Il ritmo nella dancehall è molto più veloce del reggae, grazie alle drum machines che rimpiazzano i set acustici classici. Nei primi anni del genere, le rime erano considerate crude e oscene (slack), nonostante questa caratteristica il genere è diventato popolare tra i giovani giamaicani.
Così come il suo predecessore reggae, il genere si è poi successivamente espanso sulla scena musicale mondiale, l'esempio più noto del genere è Sean Paul.
Dance hall come evento musicale

La dance hall è un evento musicale, in cui dei dj e/o dei rapper suonano dal vivo musica ragga muffin (prevalentemente facendo una selezione dove prevalgano brani particolarmente ritmati, musica dancehall)
Origini

Le dance hall, importate dalla jamaica, si diffondono in Italia in seguito alla nascita e all'affermarsi di nostrani artisti ragga muffin. Se all'inizio degli anni novanta trovano terreno fertile nelle masserie del salento (ad opera dei Sud Sound System), successivamente si affermano anche nelle grandi città e nel resto del paese.
Peculiarità

La dance hall è una versione alternativa della discoteca. Infatti, come in quest'ultima, vi è uno o più dj, oltre che dei vocalist, che fanno ballare il pubblico. Diversa è però la musica che al contrario di altri ambienti, è caratterizzata da contenuti di impegno sociale (musica dancehall o raggamuffin). Nel ragga, infatti pur con ritmi molto orecchiabili, spesso si affrontano problemi come la pace, la spiritualità, l'eguaglianza, il rispetto ecc. Anche se non mancano alcuni esponenti che trattano di argomenti omofobici e di razzismo nei confronti degli Americani e degli europei.

Related Posts

Powered by Calculate Your BMI