Star Fox 64

by • 23/09/2011 • Rubriche, The Game VaultComments (0)463

Dopo il restyling di The Legend of Zelda: Ocarina of Time, titolo che da solo vale l’acquisto di Nintendo 3DS, ecco fare capolino sulle nostre console portatili 3d Star Fox 64. La storia parte con un prologo nel quale si racconta della disastrosa missione che ha visto come protagonisti James McCloud, Peppy Hare e Pigmar Degnar, inviati sul pianeta Venom. Qui, secondo quanto riferito dal mandante della spedizione, il comandante Pepper di Corneria, l’esiliato Scienziato Andross starebbe creando un esercito per conquistare la galassia di Lylat. Purtroppo James, tradito da Pigmar Degnar, viene ucciso e solo Peppy Hare riesce a salvarsi. Qualche anno dopo vediamo nascere una nuova squadra, formata dal reduce Peppy Hare, Fox McCloud figlio di James, il fiero Falco Lombardi e la rana Slippy Toad. Sarà compito di questo nuovo team fermare l’avanzata delle truppe di Andross, deciso a conquistare la galassia Lylat. Lo stile di gioco, seppur ambientato in altre circostanze e supportato da un’altra trama, riprende a piene mani il genere promosso da Star Wars. Il gioco si configura come il medesimo titolo visto quattordici anni fa sul glorioso Nintendo 64, ovvero uno sparattutto tridimensionale in cui il giocatore vestirà i panni di Fox McCloud alla guida dell’Arwing, supportato dai suoi compagni di viaggio, ognuno dotato di un proprio mezzo. Le novità introdotte a livello di gameplay, che vedremo più avanti, sono identificabili soprattutto nella gestione dei comandi. Durante l’ottima sezione di addestramento, apprenderete come guidare al meglio l’Arwing, deciderete se utilizzare i comandi preimpostati, intuitivi, con A adibito alla funzione di Laser e B come freno oppure quelli tipici che appartenevano alla versione Nintendo 64, A come freno e B Laser o, ancora, e questa è una vera novità, se utilizzare i comandi Nintendo 3DS. Se i primi due prevedono essenzialmente l’inversione della funzione di due pulsanti, la versione tutta nuova utilizza il giroscopio per governare l’Arwing, supportato comunque dalla levetta analogica. Finito l’addestramento poi, prima di intraprendere la modalità Storia, sceglierete se affrontare le vostre avventure in modalità Nintendo 3DS, facilitata dall’assistenza durante gli scontri, o dall’originale Nintendo 64. La levetta analogica risulta perfetta per ogni movimento, mentre i comandi, sempre pronti e precisi, consentono di effettuare vere e proprie evoluzioni. Con il dorsale R potrete infatti svoltare agilmente a destra mentre, con la pressione di L, a sinistra. Le bombe invece, una volta rilasciate e premuto nuovamente il rispettivo pulsante, recheranno un attacco distruttivo in grado di sbaragliare più nemici. Come se non bastasse, durante gli scontri troverete anche upgrade capaci di incrementare la potenza delle vostre armi e renderle ancora più devastanti, oppure di ripristinare l’energia perduta. Le missioni si potranno svolgere in due maniere: in modalità scorrimento, nella quale avanzerete nei livelli, o in campo aperto, dove combatterete ogni genere di nemici in una zona circoscritta. Durante le missioni non sarete mai soli, ma accompagnati dai vostri fidi compagni di avventure, i quali richiederanno spesso il vostro supporto, oppure vi avvertiranno dei pericoli a voi vicini. L’IA dei nemici si attesta su livelli decisamente buoni, mentre i boss, nonostante a volte siano davvero mastodontici, non sono impossibili da battere se fronteggiati con un po’ di padronanza dei comandi e una volta individuato il loro punto debole. La modalità battaglia, oltre a consentire ad un solo giocatore di sfidare altri tre guidati dalla CPU nelle arene, aggiunge il multiplayer, che permette a fino a quattro amici di sfidarsi in modalità ad hoc, con una sola cartuccia. L’aggiornamento estetico c’è e si mostra in bella forma, con texture completamente ridisegnate e accuratamente rielaborate. In questi frangenti il 3D aiuta molto il giocatore ad ‘entrare’ veramente nel gioco, anche se ci saremmo aspettati effetti molto più dinamici e meglio calibrati nell'”uscire dallo schermo”. Interessanti risultano le esplosioni, molto realistiche. Il comparto sonoro, seppur con qualche miglioria nella rimasterizzazione, è praticamente identico a quanto ascoltato su Nintendo 64, con un gradito doppiaggio in italiano, davvero ben fatto. Proprio come Ocarina of Time, Star Fox 64 3D si ripropone a distanza di anni dalla sua apparizione su Nintendo 64 e si mostra come uno dei titoli che dovrebbero per lo meno essere provati dai possessori di Nintendo 3DS.

GRAFICA: 8,5
SONORO: 8,5
GIOCABILITA’: 9
LONGEVITA’: 8,5
VOTO FINALE: 8,5

HOT SPOTS:
–    Giocabilità alle stelle
COLD SPOTS:
–    Purtroppo non c’è l’online

Produttore: Nintendo
Sviluppatore: Nintendo
Genere: Sparatutto

Related Posts

Powered by Calculate Your BMI