Spazio Autogestito Lolocaust #6: Recensioni di rapper senz’audio

by • 23/10/2013 • Copertina, Rubriche, Spazio Autogestito Lolocaust, VideoComments (0)1064

Disclaimer a cura della redazione di Hotmc: Siamo lieti di annunciare che siamo giunti all’episodio 6 della simpatica serie Recensioni Di Rapper Senz’Audio e nessuno ha ancora picchiato i Lolocaust, nonostante un paio di tentativi di censura preventiva. Questo dimostra una grande maturità della scena hip hop italiana, che talvolta sembra preferire essere recensita senz’audio piuttosto che con. Per chi non avesse familiarità con la nostra rubrica, ricordiamo che questo spazio è riservato ai Lolocaust, notoriamente le persone meno serie dello stivale, che recensiscono un video rap cercando di immaginarsi la trama SENZA ascoltarlo. Il consiglio, come al solito, è quello di farsi una bella risata. Detto questo, cediamo la parola agli amici del lol. Anche stavolta tocca a uno dei video più singolari e impressionanti del periodo, un piccolo kolossal nel suo genere. Buona visione! (E grazie a Gulag Zampetti per il nuovo logo della rubrica)

Nell’attesa che i poteri forti sblocchino la puntata numero 4 siamo felici di presentarvi la puntata 6: Dyno feat. Fulo – Supernova2317

Ci troviamo all’interno di un campo di pallamuro adattabile a diversi livelli di difficoltà. Notiamo comunque che il pavimento non è stato rifinito a modo e comunque non sembra neanche in bolla. Il signor Fromboli è indeciso: vorrebbe fare una bella partita di pallamuro ma non si sente sicuro della propria abilità e non sa se scegliere la porta grande o quella media (sa già che quella piccola è al di fuori della sua portata, siamo matti scegliere quella? no no no). Va un attimo in bagno così da dar modo allo spettatore di ammirare nuovamente il pavimento fatto male, grande spreco di denaro pubblico come del resto spesso accade al sud mentre il Gabibbo non guarda. Anche l’impianto di areazione non è mai stato completato, solo dei grossi tubi rimangono a testimonianza di quello che poteva essere un esempio di eccellenza nel campo dell’ingegneria dei tubi e invece niente. E’ un momento di grande dramma per il signor Fromboli, la sudorazione è copiosa ed il respiro difficile. His palms are sweaty, etc. Ma ha subito un’illuminazione: dove io da solo fallirei di certo posso invece incontrare la gioia della vittoria se uso un pò di kage bunshin! E puf! ecco che appaiono altri due signori Fromboli! Ora infatti il Frombolo principale sembra aver acquistato più sicurezza e parla da solo con lo sguardo severo di chi sa di avere dalla propria parte due cloni di se stesso pronti a coprirgli le spalle. O MAMMA ODDIO COS’E’ praticamente si scopre che quando sei qui con me questa stanza non ha più pareti! Ma galassie! Soli sorgono sulle pareti del campo da pallamuro! Come si poteva prevedere il pavimento, costruito con materiali di seconda scelta, non regge al peso dell’emozione e si frantuma ed inizia quindi a suppurare funghi di fiamma. Il signor Fromboli è molto contrariato. Una persona non può mettersi a praticare un pò di sport che subito deve scontrarsi contro il demone dello spreco di denaro pubblico. E LA GENTE NON FA NIENTE! Una volta erano i topi nelle mense, poi la pioggia nelle scuole e adesso si scoprono universi dentro i campi da pallamuro. Misteriose piante iniziano a germogliare dall’infame pavimento mentre Fromboli inizia a fare smorfie di disappunto. UNA COSA VI DICO RAGA – dice Fromboli – ANZI 4. NO, UNA. NO OK QUATTRO. La prima cosa che dice è che ordina alle piante di convergere a spirale verso un punto all’orizzonte. Dimostrato alle piante chi comanda, il secondo giorno Fromboli dice “GALASSIE, BASTA” ed il campo di pallamuro torna ad essere quello che era, ovvero una fatiscente struttura mai ultimata. E’ il momento di trovare i responsabili, probabilmente bisognerà chiamare le Iene o il Gabibbo. Fromboli si avvicina ad uno dei suoi cloni per chiedergli se è a conoscenza delle percentuali di casi risolti delle Iene e del Gabibbo per scegliere a quale dei due eroi affidare la questione. Il clone gli dice non lo so, ma guarda quanto è brillante lo schermo del mio smartphone, ed apre la mano per mostrarglielo. Guarda, con quest’app possiamo penetrare nei muri dei campi di pallamuro per osservarne la struttura, vieni. Il campo adesso è vuoto. Il signor Fromboli ormai è all’interno dei mattoni a fare compagnia alle vittime del crimine organizzato, da sempre fondamento di ogni edificio stabile. Di lui ci resta soltanto un prezioso ricordo ed una firma in lettere tridimensionali all’interno del campetto.
Poi niente, pensavo fossero i titoli di coda ma era avanzato un po’ di girato e quindi rieccoci nel campo con il signor Fromboli ah no erano in effetti i titoli di coda. Bom ora è finito davvero.

Related Posts

Powered by Calculate Your BMI