Spazio Autogestito Lolocaust #2: Recensioni di rapper senz’audio

by • 18/09/2013 • Rubriche, Spazio Autogestito LolocaustComments (0)1319

Disclaimer a cura della redazione di Hotmc: Cari lettori, vi ricordiamo che non appena terminerete di leggere queste poche righe in grassetto la parola passerà ai Lolocaust, che autogestiscono questo piccolo spazio settimanale in completa autonomia. Vi ricordiamo che i Lolocaust sono degli amabili guasconi (occasionalmente anche degli amabili fattoni) e non bisogna prenderli troppo sul serio (anzi, meglio non farlo per niente). Ma se decideste di prenderli comunque sul serio e andare a farglibbrutto, il loro indirizzo di casa è sempre disponibile presso la portineria della redazione di Hotmc. Anche questa settimana hanno deciso di recensire un video rap senza ascoltarne l’audio e dando la loro personalissima interpretazione della trama: stavolta rendono omaggio a una vera eccellenza del rap di casa nostra, Nitro, la cui crew Machete ha cambiato la storia recente dei videoclip nell’hip hop italiano. La redazione di Hotmc ci tiene a specificare che spera che i Macheteros ci rivolgeranno ancora la parola dopo la pubblicazione di quest’articolo, perché sono uno dei nostri collettivi preferiti. Fine della captatio benevolentiae, cediamo la parola ai Lolocaust.

Recensione video rap senza ascoltarlo

Episodio 2: Nitro – Family Affair

 

E’ il giorno della festa dei coscritti e tutti i diciottenni di Usmate si radunano in piazza per fare la conta di chi guida. E’ la grande serata in cui i loro corpi si uniranno a quelli di apposite ragazze importate dai paesi a basso PIL. In programma c’è una pizzata da Alvaro che fa pagare poco il coperto e poi ci si recherà alla sala circoscrizionale per fare la conoscenza delle signore. Ma Armando non ci sta! Lui proviene da una famiglia di umili origini e si vergogna a far sapere agli altri coscritti che i suoi non gli hanno dato i soldi per la pizza. O RAGA FANCULO LA CENA ASSALTIAMO DIRETTAMENTE IL FURGONE DELLE PROSTITUTE E FORNICHIAMOCELE DIRETTAMENTE SUL SELCIATO!

Dopo una guida di quelle che si vede che la patente l’avrai anche da poco ma che comunque guidi già da un certo tempo di nascosto perché tanto il vigile urbano è comunque tuo cugino, i coscritti riescono finalmente a raggiungere il furgone all’interno del quale le loro partner sessuali stanno transumando verso la sala circoscrizionale. La consecutio temporum nel frattempo si assenta che deve fare una cosa e quindi si alternano i momenti dell’assalto a quelli in cui Armando fomenta i coscritti a quelli in cui comunque pianificano la cosa perché nulla è il durello senza cervello. Nella pianificazione si distingue subito la mente del gruppo in quanto privo del cappello per poter far fuoriuscire meglio le idee dal cuoio capelluto. ECCO, QUESTO E’ UN PARAURTI! E’ QUESTA LA PARTE DELL’AUTOMOBILE CON LA QUALE DOVREMMO IMPATTARE IL FURGONE – dice.

Ma ecco che ci troviamo sbalzati sempre per la questione temporale all’interno del furgone. E’ vuoto! Che le informazioni ricevute fossero sbagliate? O forse ci troviamo in un futuro possibile all’interno del quale l’atto sessuale è già stato consumato ed il nostro eroe si reca nel furgone per annusare il profumo di donna rimastovi all’interno? C’è eccitazione nell’aria, ma non ci sono le ragazze per sfogarla. Si rende necessario praticare un foro in una parete per giocare al gloryhole. Il buco riesce un pò male perchè uno dei due occhi è coperto da una parte di berretto ma nonostante questo l’opera prosegue (intervallo su numerose erezioni principalmente riguardanti i diti medi). Meraviglia! Nel muro c’è una stanza segreta con dentro una videocassetta. RAGA NON ABBIAMO AVUTO LE RAGAZZE MA AVREMO I FILM DI DONNE NUDE STASERA! Eh no. Meglio la gallina domani che l’uovo oggi, propone un coscritto: andiamo direttamente nella casa di produzione dei film osè e rubiamo la bobina gigante! Salto nel futuro e i coscritti sono già nei corridoi del palazzo di Schicchi pronti a trafugare il prezioso bottino. Viene rinvenuta una cassetta dal titolo Family Affair ed Armando la inserisce subito nel lettore vhs sperando che si tratti di un clip amatoriale twincest dei gemelli Kaulitz (non so se si scrive così intendo quelli dei Tokio Hotel). Subito partono i problemi quando una tempesta fulmina le antenne TV e fa apparire uno sturmtruppen morto su tutti i teleschermi. La visione si fa disturbata e niente, così è andata la festa dei coscritti.

 

 

Related Posts

Powered by Calculate Your BMI