Soul Searching

by • 30/10/2019 • Rubriche, The Game VaultCommenti disabilitati su Soul Searching390

QubicGames e Kayabros hanno dato vita a un titolo in cui la navigazione è il perno principale di tutta l’avventura e il contorno di personaggi strambi e isole da esplorare e su cui sopravvivere farà il resto.

Il gioco ha spiccate dinamiche da survival e questo genere soprattutto sta sempre più raccogliendo un folto numero di fans in tutto il mondo.
Cominceremo con l’editor del nostro personaggio anche se il gioco è interamente in pixel art alla Minecraft con una visuale perennemente dall’alto.

Ci ritroveremo catapultati in un mondo per così dire surreale ed etereo dove ci verranno poste delle domande sulla nostra esistenza e sul motivo che ci spinge a lasciare la nostra isola di partenza.
In questo caso prenderemo confidenza con i comandi e terminato il questionario per così dire la stanza bianca si dissolverà in favore di una spiaggia di un’isola deserta.

Potremo quindi esplorare l’arcipelago che ci circonda e scopriremo che il nostro compito principale sarà quello di fare proprie le preoccupazioni che affannano le anime degli altri concittadini in modo da dare sollievo come veri soul searchers.
Le tematiche sono molto adulte e parecchio crude nella loro veridicità.  Coloro i quali dovremo prenderci cura avranno problemi molto pesanti come l’aspirazione al suicidio, il rancore profondo nei confronti di qualcuno o la perdita del primogenito.

In tutto questo vivremo anche dei flashback in contesti urbani di un non ben precisato passato che ci aiuteranno a ricostruire meglio il nostro contesto e la nostra memoria.

Il gameplay è quindi ridotto all’osso ma non per questo meno efficace rispetto ad altri titoli più blasonati. Avremo sempre tre barre da tenere piene ossia fame, sete ed energia ovvero degli indicatori di salute primari ed essenziali. Per recuperare energia dovremo dormire il giusto naturalmente.

Molto importante è quindi la gestione delle scorte sulla nostra barca che utilizzeremo per navigare da un’isola all’altra. Potremo anche reperire delle risorse direttamente sulle isole che visiteremo sotto forma di banchetti o di acqua sorgiva.
Non esiste un inventario dato che il compito è svolto dalla stessa barca su cui viaggeremo.

L’imbarcazione è totalmente customizzabile e quindi non solo potremo ampliarla ma anche renderla più confortevole con vari accessori atti a farci vivere meglio in mare aperto e più a lungo. Potremo anche scegliere se navigare con timone o a remi che rende il tutto molto più difficile.

Potremo anche raccogliere oro e quindi commerciare beni di prima necessità in cambio del metallo prezioso.
Durante i nostri spostamenti dovremo fare anche grande attenzione ai draghi che potrebbero rivelarsi il più delle volte realmente fatali. Anche le tempeste possono essere naturalmente molto pericolose per la nostra navigazione anche se in nostro soccorso potranno sopraggiungere altri navigatori.

Il tema magico e delle anime arriva in un secondo momento quando arriveremo in una particolare isola e in questo modo potremo utilizzare incantesimi che ci faranno spendere punti magia appunto.

Presente anche una sorta di modalità arcade chiamata Random Mode dove le isole sono casuali. Potremo anche giocare l’avventura fino a quattro giocatori.

Lo stile grafico è minimale ma chiaro e pulito mentre una menzione d’onore merita il comparto sonoro, assolutamente eccellente.
Un titolo sicuramente da provare.

Voto: 7.5

 

Related Posts

Powered by Calculate Your BMI