Snoop Dogg ha trovato Jah, ma i rastafariani lo odiano

by • 24/01/2013 • NewsComments (1)1662

Antefatto: Snoop Dogg ha da poco cambiato il suo nome in Snoop Lion, si è convertito alla religione rasta e si prepara a pubblicare un album reggae prodotto da Diplo, anticipato da un documentario sulla sua recente illuminazione spirituale, dal titolo Reincarnated. C’è chi però, oltre a sospettare che si tratti di una mossa pubblicitaria, crede maliziosamente che il nostro eroe voglia godere soprattutto dei vantaggi riservati ai figli di Jah: in molte nazioni, infatti, chi si professa rastafariano ha il permesso di trasportare e fumare pubblicamente ganja per motivi religiosi, senza incorrere in problemi con la legge. E visto che Snoop ha collezionato forse più arresti di chiunque altro per detenzione e importazione di marijuana – soprattutto durante i suoi tour – l’ipotesi sembra più che fondata.

Date le premesse, non è così strano che i veri rastafari siano piuttosto irritati nei confronti del rapper. E’ Bunny Wailer, fondatore dei Wailers, a dare voce alle perplessità di tutti: “Ho visto il documentario e la sua conversione è del tutto fasulla” ha dichiarato. “Snoop sta usando in maniera fraudolenta il nostro simbolismo e i nostri valori. E non ha assunto nessuno degli impegni prescritti dalla nostra religione”. A rincarare la dose è arrivata anche la principale assemblea religiosa dei rastafari, i cui massimi esponenti hanno rilasciato un comunicato stampa di sette pagine sulla questione, che si chiude con l’emblematica frase “Fumare erba, amare Bob Marley e ballare la musica reggae non sono fattori che definiscono la vera cultura rastafari!”. Per ora, dal diretto interessato ancora nessuna replica.

Related Posts

Powered by Calculate Your BMI