Remembering Peter Tosh

by • 10/05/2015 • NewsComments (0)591

remembering_peter_tosh

Peter Tosh è una figura iconica del mondo del reggae ma spesso non conosciuta del tutto e soprattutto non celebrata a sufficienza come invece meriterebbe.

Ceil Tulloch, grazie al contributo fondamentale di Ian Randle Publishing casa editrice di Kingston, ci mette una pezza e regala un ottimo volume in cui la figura dell’artista viene sviscerata in tutte le sue diverse sfaccettature.

Un gigante del firmamento del reggae che si è sempre battuto contro il sistema e le ingiustizie. Tulloch però approfondisce la psicologia di Tosh sfatando i tanti miti che circolano intorno a lui e che lo vedono perennemente acido, serio e in lotta con tutto e tutti.

Tutti gli aneddoti e le storie raccontate nel libro sono tratti da interviste dirette a persone che hanno conosciuto per anni e ci hanno lavorato assieme a lungo, interagendo con lui su piano molto personale.

Sfogliando le pagine di questo libro si ha la sensazione di vivere spalla a spalla con l’artista chiacchierando e potendolo vedere esibire sul palco ancora, privilegio che a molti è stato purtroppo negato data la prematura scomparsa dell’artista nel 1987.

Le persone interpellate per la compilazione di questo prezioso volume coinvolgono nomi come Sly Dunbar, Robbie Shakespeare, Herbie Miller, Dennis Thompson, Dr. Omar Davis, Roger Steffens, Dermot Hussey e tanti altri ancora.

Potremo scoprire quindi che Peter Tosh era un eccellente cuoco, un amante degli animali e sempre pronto a dialogare e scherzare e giocare con tutti quegli ammenicoli che data l’infanzia disagiata gli erano stati negati per ovvi motivi. Anche i suoi gusti musicali vi sorprenderanno soprattutto la sua passione per Tchaikovsky.

Un volume fondamentale per comprendere e conoscere a pieno il grande Peter Tosh e che data la scorrevolezza e la facilità di lettura si esaurisce tranquillamente in una giornata.

Related Posts

Powered by Calculate Your BMI