Reloaded

by • 01/05/2006 • RecensioniComments (0)405

Mean Street, Easy Rider, Taxi Driver, 8 e mezzo, Fuga Di Mezzanotte…non è il programma di una rassegna cinematografica dedicata a grandi classici ma la tracklist di Reloaded , sequel a due anni di distanza de Lo Spettacolo è Finito di Jimmy Spinelli/Rischio, già uno dei migliori prodotti sfornati dalla scena nostrana negli ultimi anni.

Reloaded però, a differenza di quanto succede spesso nel cinema, non solo è un seguito all’altezza del primo episodio, ma migliorato sotto diversi aspetti.

Innanzitutto non soffre più di quei problemi che avevano penalizzato la voce di Rischio nel precursore, conferma che quest’ ultimo é un mc dotato di spessore sia interpretativo (come quando ci accompagna dentro al plot di Taxi Driver attraverso la mente di Travis Bickle) che lirico in costante progressione, unitamente a uno stile e una metrica che sfuggono a ogni definizione conferendogli una personalità artistica assolutamente originale.

Aggiungete poi che qui si trova in compagnia di un parterre de roi di ospiti che vanno dalla Dogo Gang ai Cosang, da Primo Brown a Esa e Word passando per alcuni dei membri più “in vista” della PMC e vi avvicinerete a farvi un idea della qualità dei “microfoni” presenti.

Ma la cosa più eclatante, come sempre quando è Dj Shablo a buttar giù le strumentali, è il livello delle produzioni che è altissimo e pressochè senza cadute per tutta la durata del disco.

L’italo-argentino riesce a far coesistere vecchia e nuova scuola in ogni suo beat orientandosi tra epigoni diversissimi che vanno dalla Stone Throw a Scott Storch, passando tanto per la golden age quanto per gli Heatmakerz; il tutto mantenendo comunque sempre identificabile il proprio copyright.

Reloaded da questo punto di vista è uno di quei dischi che dissolve le distanze tra l’Italia e le altre scene come fossero neve al sole ed, in ultima analisi, è senza dubbio un serio candidato a entrare in una ideale top 5 del 2006 della penisola.

Related Posts

Powered by Calculate Your BMI