Red Faction Armageddon

by • 11/06/2011 • ArticoliComments (0)425

Red Faction: Armageddon è un titolo che torna alle origini della serie. Il terzo capitolo della serie, Guerrilla, si era dimostrato un buon esperimento, fondendo una discreta struttura open world con delle meccaniche TPS. La trama del titolo. Sono passati ormai quasi 50 anni dagli eventi narrati in Guerrilla e siamo nel 2170. Su Marte la situazione non sembra essersi stabilizzata, anzi le guerre tra diverse fazioni sono ancora all’ordine del giorno. Un gruppo di terroristi attacca il Terraformatore, il depuratore dell’atmosfera marziana. Darius, il protagonista, arruolato nel gruppo di difesa terraformatori, non riesce a sventare l’attacco che porta a un immane disastro ecologico su Marte. Qualche anno dopo ci ritroviamo disoccupati e senza speranza per il futuro. L’umanità si è rifugiata nelle viscere nel pianeta per sottrarsi alle avverse condizioni meteorologiche e sopravvivere alle radiazioni. Gran parte delle risorse, però, giacciono in superficie o in profondità inaccessibili, dando modo al nostro protagonista di trovare lavoro con certa facilità. Ma un giorno Darius si imbatte in una costruzione luccicante che violata risveglia dei terribili alieni mangia-uomini. Da questo punto in poi l’azione prende piede e starà proprio a noi riscattarci e sventare l’ennesima minaccia per il pianeta rosso. In tutto questo contribuisce al realismo dell’azione un ottimo doppiaggio di livello cinematografico.  Il gioco punta ancora una volta sulla totale distruzione degli ambienti e sull’ampia possibilità di girare negli spazi aperti degli scenari. Poco spazio per i tatticismi ma grande possibilità di sparare indiscriminatamente a tutto ciò che si muove a schermo. Grandiosa su tutte la possibilità di utilizzare il martello emblema della serie per fracassare le pareti e giungere così alle spalle dei nemici. Non appena però Darius precipita nella parte più oscura del pianeta i termini dei combattimenti cambiano quasi radicalmente. La totale distruttibilità degli ambienti rimane tale, ma a cambiare sono le strutture da distruggere. Soprattutto ne  viene ridimensionato il numero per lasciare più spazio a scontri basati sul puro scontro a fuoco. Il neo arruolato nella Fazione Rossa si troverà a doversi confrontare con orde di alieni nelle loro diverse forme. L’arsenale è sempre molto ricco e sarà un piacere utilizzarlo a pieno per fare fuori tutti i vari alieni. Potremo utilizzare dalle pistole magnetiche a un gigantesco esoscheletro carico di missili e mitragliatori. Il multiplayer risulta molto immediato e divertente e propone le modalità Infestation e Ruin. La prima è la classica modalità cooperativa a quattro giocatori che ci porterà sulle mappe della campagna single player con una marmaglia di alieni affamati. Ruin Mode, invece, ci arruola nella sezione demolitori professionisti, calcolando il punteggio sulla nostra capacità di disintegrare le strutture presenti sulla mappa. Red Faction appare essere uno dei titoli plug ‘n’ play più divertenti di questa generazione.

GRAFICA: 8
SONORO: 8
GIOCABILITA’: 7,5
LONGEVITA’: 7
VOTO FINALE: 8

HOT SPOTS:
–    Sistema di combattimento molto variegato
COLD SPOTS:
–    Poca varietà dei nemici

Produttore: THQ
Sviluppatore: Volition Inc.
Genere: Shooter

Related Posts

Powered by Calculate Your BMI