Red Dead Redemption

by • 22/05/2010 • ArticoliComments (0)440

Inizi del Novecento. Stati Uniti d’America. L’epopea del west sta volgendo al termine. Noi vestiremo i panni di John Marston, un uomo dal passato burrascoso che ha però pagato il suo debito con la giustizia e adesso è in cerca di redenzione ma anche di vendetta. Queste le linee principali dell’autentico capolavoro Rockstar che le mie parole potrebbero solo sminuire. Tutto sembra ricordare il fortunatissimo franchise di Gta ma qui in Red Dead Redemption possiamo dire che c’è molto di più. Inizierete il gioco in un ranch appartenente a una donna che vi ha salvato da morte certa. In questo ranch potrete prendere confidenza con i comandi e con le possibilità che il gioco vi può offrire. Il titolo è strutturato infatti proprio come Gta in varie missioni principali e ancor più svariate missioni secondarie. Le sidequest rispecchiano l’ambientazione west nella quale ci troveremo a vivere. Potremo essere bounty hunter, domatori di cavalli, cacciatori di bufali, membri di ronde notturne e chi più ne ha più ne metta. Il tutto per ben 50 ore di gioco! Il gioco è totalmente in free roaming e perciò vi ritroverete a dovere viaggiare parecchio per raggiungere i vostri obiettivi. Farete trottare parecchio il vostro fido cavallo e visiterete quindi numerosissimi paesini di frontiera. A questo proposito vorrei mettere in evidenza le movenze e i comportamenti dei cavalli, ai limiti del realismo documentaristico. Dovrete prendere confidenza immediatamente con la vostra cavalcatura perché risulterà indispensabile per sopravvivere nel mondo di Red Dead Redemption. Non dovrete farvi disarcionare e quindi dovrete sempre dosare al meglio la velocità in base al grado di resistenza dell’animale. Viaggiare in cavallo non è comunque strettamente necessario poiché potrete anche utilizzare treni o diligenze a pagamento che vi porteranno comodamente a destinazione. Durante i viaggi a cavallo potrete anche dedicarvi alla caccia per guadagnare qualche dollaro in più oppure aiutare vari personaggi che vi interpelleranno per chiedervi una mano. La fauna varia naturalmente in base al luogo in cui vi ritroverete. In montagna troverete i puma mentre nelle sconfinate pianure saranno presenti bisonti, daini o cervi. Tutto all’insegna dell’estremo realismo. Attenzione quando ucciderete una preda perché richiamerete all’istante tutta una serie di pericolosissimi predatori. I combattimenti vi metteranno a disposizione numerose armi da fuoco e armi bianche con cui abbattere i vostri nemici. Il sistema di copertura è quello classico mentre il dead eye ricorda molto da vicino il vecchio bullet time di Max Payne. Tutto verrà rallentato insomma e voi potrete con comodo prendere la mira, soprattutto quando si creeranno delle autentiche mischie. Tutto ciò che farete influenzerà la vostra fama e il vostro onore. In base a queste due qualità infatti potrete ottenere bonus o meno. Tutto dipende insomma se la gente vi amerà o meno. Uno dei benefit maggiori è il forte sconto che otterrete nei vari emporii dello sconfinato mondo di Red Dead Revolver. La grafica è un degli elementi forti di questo titolo. Gli open space sono sconfinati e potrete esplorare tutto ma proprio tutto ciò che vi si parerà all’orizzonte. I vari ambienti e la ricostruzione climatica sono fantastici e pressoché perfetti, la caratterizzazione dei personaggi è ottima grazie anche al grande doppiaggio e sottotitolato in inglese.
Insomma cosa state ancora a perdere tempo nel leggere questa recensione? Correte a procurarvene una copia!

GRAFICA: 9,5
SONORO: 9,5
GIOCABILITA’: 9,5
LONGEVITA’: 10
VOTO FINALE: 9,5

HOT SPOTS:
– vi immergerete totalmente nel mondo di Red Dead Redemption e difficilmente potrete staccarvi dalla console

COLD SPOTS:
– difficile trovarne qualcuno. Sul serio.

Produttore: Rockstar
Sviluppatore: Rockstar
Genere: Azione in free roaming

Related Posts

Powered by Calculate Your BMI