Partisans 1941

by • 03/11/2020 • Rubriche, The Game VaultCommenti disabilitati su Partisans 1941126

Partisans 1941 ha un setting atipico per un gioco dedicato alla Seconda Guerra Mondiale e infatti scruta il punto di vista della Resistenza, ma non in Francia o in Italia, bensì sul cosiddetto Fronte orientale.

Il tattico in tempo reale firmato Alter Games riesce a ritagliarsi il suo spazio all’interno di questo affollato scenario di genere.

Il gioco è stato pubblicato da Daedalic e ha come setting l’invasione nazista dell’Unione Sovietica e avremo il controllo quindi di un piccolo gruppo di partigiani russi che dovranno mettere i bastoni tra le ruote delle truppe del Terzo Reich.

Vestiremo i panni del comandante Zorin che, dopo essere fuggito da un campo di prigionia, riesce a riorganizzare un manipolo di eroi sempre più numeroso che tenterà quindi  di difendere la madre patria con azioni di disturbo e di guerriglia.

I personaggi sono ben  caratterizzati e variegati, anche grazie ai dialoghi di briefing prima della missione e vede dal giovane pieno di ideali, all’ex criminale in cerca di libertà e redenzione. Simpatiche anche le battute tra i vari personaggi durante la missione stessa. In questo modo è anche piacevole seguire la trama di gioco e quindi inframmezzare le missioni anche con le storie dei vari protagonisti.

Dopo ogni missione ci si potrà ritirare nel proprio quartier generale e quindi potremo anche gestire le nostre scorte a livello di cibo e munizioni che dovremo sempre tenere sotto controllo. Potremo quindi mandare gli uomini della nostra squadra a razziare un po’ di vettovaglie in giro così come magari migliorare il proprio arsenale o fabbricare granate fatte in casa. Un buon diversivo a livello micro gestionale che spezza bene la tensione.

Le missioni si svolgono con visuale isometrica e una componente stealth molto pronunciata in cui dovremo nasconderci nella vegetazione e nascondere i cadaveri. Gli spari dovranno quindi essere ridotti al minimo e solo in alcune circostanze per non attirare troppo l’attenzione.

Un ottimo titolo che ha veramente stoffa per un potenziale capolavoro.

Related Posts

Powered by Calculate Your BMI