Nuovo album per Treble

by • 21/04/2010 • NewsComments (0)416

Esce l'album più atteso dalla reggae massive: "TREBLE", del veterano Antonio Petrachi.

Conosciuto anche come Lu Professore per l'intensa carriera di "autore" e "compositore" , con il suo nuovo lavoro si riconferma musicista vivo e propositivo
 
Ex componente e  fondatore del Sud Sound System, ha firmato brani storici per il movimento reggae-hiphop italiano, come "Stop al panico"(Isola posse all stars), "Reggae internazionale","Solidu comu na petra"," Le radici ca tieni" ( S.S.S.) ed altri ancora; dal 2005 decide di iniziare un cammino solitario fondando il TrebleStudio e l'etichetta Elianto, collaborando con ROOTZBAND,talentuosa reggae band salentina.
 
Con quest'album Treble non solo lascia una finestra aperta sul suo vissuto, "cantando" di nostalgici ricordi, come in "Era sira", dedicando "Father" all'indimenticato padre del Reggae salentino , MILITANT P; ma lascia anche un chiaro "manifesto" dei suoi intenti musicali, denunciando gli aspetti negativi che la musica reggae ha evidenziato nell'evoluzione "subita" negli ultimi anni  : affari e  potere distorcono il vero messaggio delle 'radici'(in "Reggae business",in combinazione con Payà dei Boomdabash)facendo perdere ad artisti e fruitori l'entusiasmo di collaborare e condividere umilmente le proprie esperienze musicali (in"Pensi che").

Il cd contiene anche "Il sutra del cuore", il singolo che aveva anticipato, in versione digital dub prodotta da Insintesi, l'uscita dell'album, adesso in versione  reggae-roots, eseguito dalla rootz band.
 
Track list  composta da tredici brani interamente suonati, caratteristica fondamentale per Treble nella produzione del suo disco, e che sta diventando, purtroppo, una  rarità nel mondo della musica.

Un viaggio all'ascolto della musica condivisa tra artisti di differente estrazione e background,   alla riscoperta della  melodia dello "strumento" che si alterna e supporta quella della voce.

Tante, quindi, le collaborazioni, che  impreziosiscono le sonorità della Rootz band. Si leggono nomi di musicisti salentini e non: A. Nocco, G. Blandini, G. Milanese, R. Hasa, R. Chiga, V. Curlante, Ficupala. Ai cori invece D. Silk, Marina e Ventre Ianca. Ad alternarsi con la voce de lu professore:  Big & Payà dei Boomdabash, il veterano  Gopher e la giovanissima e promettente Alessia Tondo.

Testi intensi, musica di alta qualità e artisti scelti con cura: tre aspetti che rendono unico questo lavoro e che lasceranno una traccia indelebile nel cuore di chi lo ascolterà.

Related Posts

Powered by Calculate Your BMI