Nhl 12

by • 10/09/2011 • Rubriche, The Game VaultComments (0)451

Il nuovo NHL è arrivato sugli scaffali ed è meglio che mai. Preparate quindi mazze e pattini che si scende in campo! NHL 12 arriva sulle console maggiori con la consueta offerta infinita di modalità e statistiche e, soprattutto, con un paio di interessanti novità. Partiamo dall’implementazione più importante e di maggior peso per il gameplay: il “Full Contact Physic Engine”. Lo stesso motore fisico è stato modificato pesantemente e reso in grado di calcolare e riprodurre in modo decisamente più realistico i contatti tra i giocatori, siano essi corpo a corpo o bastone contro bastone. Il miglioramento è tangibile nel momento in cui si scende sul ghiaccio e si notano partite più fluide e credibili, soprattutto se confrontate con le vecchie edizioni. Ad accompagnare questa miglioria ci pensa la rinnovata IA dei portieri, ora molto più attivi e intelligenti: ogni estremo difensore ha un proprio grado di spregiudicatezza che lo porta a uscire dai pali e a partecipare attivamente all’azione difensiva, esponendosi a maggiori rischi, ma aiutando così i compagni di squadra. Portieri e “Full Contact Physic Engine” risultano, di fatto, le grandi modifiche di cui beneficia un gameplay rimasto alla base immutato. Il sistema di controllo impostato di default dal gioco è quello gestito principalmente tramite le due levette analogiche, lo stesso già proposto in NHL 11, qui riveduto e perfezionato per quanto riguarda la precisione di passaggi e tiri. Il titolo è una simulazione accurata e fine, un titolo in grado di ripagare con grandi soddisfazioni quando dominato dopo un lungo periodo di tirocinio. La moda e la richiesta del pubblico lo impongono: una simulazione sportiva che si rispetti deve offrire una modalità carriera profonda e complessa, in cui il giocatore si senta coinvolto. Il “Be a Pro”, così come in altri titoli, è quindi divenuto molto più che un valore aggiunto, assumendo un’importanza pari alle classiche “Season” e “Play-off” e donando all’intero pacchetto un’ottima varietà e, inevitabilmente, alti tassi di longevità. Da segnalare anche l’introduzione, in un “Be a Pro” parallelo, delle leggende di questo sport: un bel diversivo in cui impersonare giocatori del calibro di Jeremy Roenick e Wayne Gretzky. Grandioso anche il comparto online. L’immancabile 1 contro 1 classificato, la possibilità di creare e partecipare a leghe personalizzate e l’ormai celeberrimo Ultimate Team vi divertiranno parecchio. Parallelamente all’evoluzione del gameplay, i titoli sportivi EA si aggiornano in egual misura anche dal punto di vista tecnico. FIFA e Madden godono di motori grafici ormai assodati e difficilmente assisteremo ad una rivoluzione in questa generazione di console. Il Full Contact Physics Engine, innanzitutto, è accompagnato da un nuovo set di animazioni che donano una grande varietà a tutte le situazioni di gioco. Non assisteremo più a contrasti e a pattinate sempre uguali ma il peso e lo sbilanciamento del corpo influiranno anche graficamente sul comportamento dei giocatori. Questa è la novità di maggior impatto per quanto riguarda il comparto tecnico, a cui fanno da corollario dettagli come modelli poligonali leggermente più definiti e un pubblico dinamico e globalmente più curato. L’ammiraglia della scuderia sportiva di EA si conferma una simulazione rigorosa e di alto livello. Le poche, ma interessanti aggiunte alla fisica e alla IA avvicinano ulteriormente il motore di gioco alla perfezione, regalando partite sempre più credibili e vicine a ciò che si vede in televisione.

GRAFICA: 9
SONORO: 9
GIOCABILITA’: 8.5
LONGEVITA’: 9
VOTO FINALE: 9

HOT SPOTS:
–    Miglior simulazione di hockey in circolazione
COLD SPOTS:
–    Un po’ complesso per i principianti

Produttore: Electronic Arts
Sviluppatore: Ea Canada
Genere: Sportivo

Related Posts

Powered by Calculate Your BMI