Nasce lo swaghili, la nuova lingua di Kanye West

by • 26/06/2013 • NewsComments (0)1068

Nel suo ormai celeberrimo album Yeezus, e più precisamente nel brano I’m in it, Kanye West dice di parlare “Swaghili”, un gioco di parole tra lo swahili, dialetto africano realmente esistente, e swag. La redazione di Esquire si è chiesta come sarebbe lo swaghili se esistesse davvero, e ha chiesto una consulenza a un esperto d’eccezione: David Peterson, il linguista che ha creato due tra gli idiomi fittizi più famosi al mondo, ovvero il dothraki e l’alto valyriano del telefilm Game of Thrones. Per intenderci: quando Daenerys Targaryen recita in questi dialetti non pronuncia parole a caso, ma usa una grammatica, un vocabolario e una sintassi creati ad hoc da Peterson. Proprio come l’elfico e il klingon, altre celeberrime lingue inventate, si possono parlare davvero.

Ma tornando allo swaghili, l’illustre linguista è partito da questi presupposti: a) deve effettivamente contenere un po’ di inglese e un po’ di swahili, b) deve contenere un bel po’ di slang parlato nella zona di Chicago, ovvero la città di Kanye, c) deve contenere un sacco di rime, preferibilmente una ogni tre parole. Dopo attento studio, David Peterson ce l’ha fatta. Eccone un saggio:

Stralcio originale da un’intervista di Kanye in cui fa il modesto: I will be the leader of a company that ends up being worth billions of dollars, because I got the answers. I understand culture. I am the nucleus.

Traduzione in swaghili: Mi ta sababishaya na kompanili i tathaminiwa bilingi dolingi, kami mi nawa ansringi. Mi nayelewa kultili. Mi nuklili.

Se vi piace l’idea di imparare a parlarlo, Esquire ha pubblicato la grammatica e le regole di base in un lungo articolo che trovate qui.

 

Related Posts

Powered by Calculate Your BMI