Ms. Jackson cita in giudizio gli Outkast

by • 30/03/2005 • NewsComments (0)794

Sembra incredibile che un gruppo come gli Outkast, l'antitesi del gangsta per eccellenza, venga trascinato in tribunale per un'ennesima, infinita serie di processi al pari di 50 Cent o di Ja Rule: a quanto pare, invece, dopo la causa intentata al duo dall'icona del Movimento per i Diritti Civili Rosa Parks, Andre e Big Boi saranno nuovamente citati in giudizio, anche se per questioni di diritti d’autore.

Questa volta (paradossale, ma tragicamente vero) la querelante è Jacqueline Jackson, una pacifica nonna della Florida. La signora afferma infatti di essere la vera autrice, nonché protagonista, della hit Ms. Jackson, come il suo cognome chiaramente evidenzierebbe: la canzone sarebbe stata composta dopo che la figlia Monique, ancora adolescente, fu messa incinta da un coetaneo. Il testo sarebbe passato nelle mani del gruppo tramite Antonio Seals, ex compagno di scuola e collaboratore dei due Outkast, nonché conoscente della signora Jackson, che avrebbe rubato il manoscritto e l’avrebbe poi passato agli artisti.

La signora Jackson, che nei giorni successivi alla citazione non si è certo negata alla stampa, ha dichiarato al programma tv Celebrity Justice "Gli Outkast sono in debito con me, perché quel pezzo è il frutto delle mie fatiche e della mia ispirazione: non è giusto che l'intera ricompensa vada a loro". Per il momento non ci sono repliche ufficiali da parte degli Outkast che, ironia della sorte, proprio in questi giorni sono impegnati in un altro tribunale, nell'ennesima udienza per la causa contro Rosa Parks.

Related Posts

Powered by Calculate Your BMI