Moonlighter

by • 07/06/2018 • Rubriche, The Game VaultCommenti disabilitati su Moonlighter97

Il genere roguelike, soprattutto in ambito indie, continua a raccogliere svariati successi anche se forse sta diventando un genere un po’ troppo inflazionato.

Proprio per questo motivo è necessario differenziarsi un po’ dalla massa attraverso idee nuove e innovative.
In Moonlighter il protagonista è un eroe sui generis perché non è un eroe. Ha un lavoro come tanti e proprio da questo viene il senso di straniamento del titolo.

11bit Studios sembra avere fatto centro un’altra volta grazie a un Kickstarter che gli ha permesso di dare vita a questo progetto molto interessante, dopo i grandi successi di This War of Mine e Frostpunk.

Dovremo dividerci tra l’essere commercianti e eroi sempre in bilico tra roguelike e rpg. Un equilibrio mantenuto molto bene dagli sviluppatori di Digital Sun.

L’ambientazione è quella di Rynoka e in esso potremo trovare vari portali che ci collegheranno facilmente con altre dimensioni.
Will è il gestore del negozio Moonlighter ed è spinto dalla curiosità di esplorare i vari dungeon in modo da ridare lustro all’attività dei propri antenati.

Il tutto spinto da uno spirito di avventura per esplorare luoghi inaccessibili in cui nessuno si è mai spinto.
Suo nonno Pete gli aveva spiegato che ci sono chiavi in possesso di alcuni guardiani che possono spalancare mondi ricchi di tesori ed è proprio questo che cercheremo, in modo da rimpinguare gli scaffali del nostro negozio.

I dungeon sono quattro e ognuno ha per così dire tre livelli differenti di interazione.
La narrazione procede attraverso i vari messaggi che troveremo in giro sparsi per i dungeon.  Questi ci serviranno anche per procedere e comprendere al meglio i misteri che si celano dietro a ogni dungeon.

Ogni dungeon ha nemici e combinazioni diverse e al quarto piano una boss fight impegnativa e di volta in volta differente.
Il tutto naturalmente in maniera procedurale come il gameplay di questo tipo di giochi impone.
Buone le ambientazioni e la sensazione generale del gioco tutta in pixel art. Ottimo anche il combat system soprattutto nel caso dei boss, con un approccio classico e un paio di novità interessanti sotto questo profilo.

Potremo sfruttare infatti una rotolata e due slot liberi per scegliere delle armi per due tipi di attacchi o parata.
Quando moriremo non c’è permadeath ma dovremo tornare in città o nel primo piano del dungeon. Manterremo invariato però il contenuto del nostro zaino.

Potremo anche in ogni momento catapultarci a Rynoka per svuotare i nostri tesori in negozio e ributtarci a capofitto nell’avventura.
Tutto è incentrato per portare nuovi oggetti in negozio e quindi soddisfare nel migliore dei modi la nostra clientela molto esigente.

Saremo in grado di scegliere il prezzo della mercanzia e l’esposizione all’interno nel negozio. Trovare il prezzo giusto sarà la chiave giusta per vendere tutto in fretta.

Bisognerà anche considerare sempre la domanda e l’offerta. L’approccio esploratore e negoziante è fresca e divertente ed è una boccata d’aria in questo mondo dei roguielike.

Voto: 8

Related Posts

Powered by Calculate Your BMI