Monster Hunter World: Iceborne

by • 08/10/2019 • Rubriche, The Game VaultCommenti disabilitati su Monster Hunter World: Iceborne130

L’espansione dell’ottimo titolo Capcom ci porta nelle distese gelide a caccia di nuovi mostri. Un’espansione talmente grande da quasi sembrare un gioco a sé stante.

Il gameplay quindi è inevitabilmente quello del gioco principale ma Iceborne comunque mette sul piatto moltissime novità interessanti. Questo avviene sia a livello di giocabilità che di contenuti veri e propri.

Quello che si nota fin da subito sono i miglioramenti a livello di trama e sceneggiatura generale del titolo in cui l’attività di caccia è corroborata da una storia di un certo peso, godibile da osservare nel suo scorrere a schermo nei vari eventi.
Il plot vede i Legiana, una razza del mondo nuovo, spostarsi dalle proprie terre seguendo una melodia che li guida verso nuovi orizzonti.

I cacciatori Astera quindi cominciano a seguire questa migrazione e scoprono così Velkhana, un drago antichissimo che varia a piacimento gli ecosistemi.
Si andrà all’inseguimento del drago quindi fino alle distese brinose e al nuovo avamposto di Seliana.

Per iniziare le avventure di Iceborne dovremo essere al meno al grado di Cacciatore 16, con la presenza del livello di difficoltà di Gran Maestro.
Vengono introdotti una ventina di mostri di grandi dimensioni con tante variazioni sul tema glaciale di quanto abbiamo conosciuto nel 2018.

Il comportamento dei mostri però sarà completamente inedito e quindi dovremo reimparare come affrontarli nel migliore dei modi per avere la meglio.

Nelle sfide con draghi leggendari come Namielle o lo stesso Velkhana il gioco assume contorni epici, dato che gli scontri saranno ultra tecnici e super frenetici per tutto ciò che dovremo schivare a schermo.

Anche gli scontri con i mostri più anziani che sono saliti di rango offrono un ottimo grado di sfida e divertono molto.
Tutto è stato reso ancora più chiaro per quanto riguarda la gestione delle risorse e la produzione delle varie armi e delle armature. Anche i punti deboli sono stati resi ben evidenti per non fare dell’esperienza in game un’esperienza troppo punitiva e proibitiva.

Introdotti anche nel gameplay tutta una serie di bilanciamenti per il sistema di armi e di combo. Anche le tecniche speciali sono state livellate per il bene dell’esperienza generale.
Torna anche a gran voce la fionda. Viene utilizzata in simbiosi con il rampino. Potremmo inserire attacchi di fionda all’interno delle combo con un proiettile esplosivo per arrecare maggiori danni ai mostri. Potremo in questo modo anche aggrapparci ai mostri e quindi lavorare anche sulla resistenza del mostro sfiancandolo.

Il multigiocatore è sempre eccellente e il titolo anche in questo caso dà il meglio di sé.
L’hub di Seliana  è un ottimo villaggio. Pieno di servizi, confort e molto accessibile. Tutto è stato ottimizzato per non perdere tempo in giro e quindi trovare immediatamente nuovi compagni di viaggio.  Divertente anche abbellire gli alloggi con tutti i collezionabili.

Un’ottima espansione in tutto e per tutto per uno dei titoli più soprendenti dell’anno.

Voto: 9

Related Posts

Powered by Calculate Your BMI