Magic the Gathering sbarca a Rimini

by • 28/07/2010 • NewsComments (0)758

IN MIGLIAIA A RIMINI PER IL CAMPIONATO ITALIANO DEL GIOCO DI CARTE FANTASY PIU’ FAMOSO AL MONDO

La riviera romagnola per un week end ospiterà il raduno degli appassionati di Magic: The Gathering, un fenomeno da 11 miliardi di carte

 L’hanno già soprannominato il Meeting dei giovani aspiranti stregoni. Più di mille ragazzi provenienti da tutta Italia si ritroveranno per un intero week end, da venerdì 30 luglio a domenica 1 agosto, al Convention Bureau di Rimini per il Campionato italiano di Magic, il gioco di carte a base di magie e sortilegi, diventato un fenomeno di culto in ogni parte del mondo e che diventerà nel 2011 un kolossal hollywoodiano prodotto dalla Universal. 

11 miliardi le carte vendute, 12 milioni i giocatori in tutto il mondo, 67 i paesi in cui il gioco è diffuso, 9 le lingue in cui le carte sono state tradotte, 100.000 i giocatori solo in Italia per ben 9000 tornei organizzati ogni settimana da Palermo ad Aosta. Sono solo alcuni numeri del fenomeno Magic: The Gathering, il “cult game” di ispirazione fantasy che in 17 anni ha saputo conquistare milioni di appassionati, imponendosi come un vero e proprio fenomeno di costume fra giovani e adolescenti di tutto il mondo.

Il Campionato Nazionale 2010 Magic: the Gathering è un evento unico, ad invito, rivolto alle migliaia di appassionati che durante l’anno, superate la fasi di qualificazione sia locali che regionali, si sono appunto meritati di partecipare alla competizione nazionale. In palio il premio più ambito in assoluto per ogni appassionato: la partecipazione al Campionato Mondiale che l’anno scorso per la prima volta si è svolto a Roma, mentre quest’anno si terrà dal 9 al 12 dicembre a Chiba in Giappone.

Il primo classificato alla tre giorni di Rimini, oltre ad essere insignito del titolo di Campione Nazionale, otterrà quindi il diritto a partecipare al Campionato Mondiale. I 4 semifinalisti inoltre, cioè quelli che si aggiudicheranno più partite collezionando più punti possibili, comporranno poi il Team Nazionale (il 4° in veste di riserva) che rappresenterà l’Italia sempre in occasione dei Mondiali, ricevendo in premio un voucher viaggio del valore di 1000 €, oltre ad ambire al premio finale di circa 50 mila dollari.

Saranno perciò abbastanza agguerriti i mille e passa giocatori presenti a Rimini dal 30 luglio al 1° agosto in occasione del Campionato italiano di Magic: the Gathering. Dopo decine e decine di tornei e centinaia di partire saranno infatti ad un passo dal coronare il sogno della loro vita, eguagliare Kai Budde, lo studente universitario 25enne tedesco che ha vinto in pochi anni la cifra record di 359.000 dollari. In Italia, la nazione che con i suoi ben 9 mila tornei detiene il primato del mondo per numero di competizioni, lo scettro al momento appartiene al giovane romano Dario Minieri, 23 anni, uno dei più talentuosi campioni di Magic, che ha vinto tornei un po’ in tutto il mondo.

Tutti i tornei del Campionato italiano 2010 si svolgeranno a partire dalle ore 15.00 di venerdì 30 luglio sino alle 18.00 di domenica 1 agosto presso il Convention Bureau di Rimini, in Via della Fiera al 52, e saranno naturalmente aperti al pubblico.

Per maggiori informazioni: www.magicthegathering.com

Identikit dei 100 mila stregoni d’Italia: tutti casa, scuola ed heavy metal

Per sapere cosa sia Magic basterebbe chiedere a qualunque ragazzino o adolescente maschio di età compresa fra i 10 e i 17 anni (anche se sono tantissimi i giocatori over 18). L’Italia è infatti il paese al mondo dove si organizzano più tornei (circa 9 mila ogni anno). Ogni città, ogni paese ha i suoi fan di Magic.

Il loro identikit? Maschi, generalmente bravi o molto bravi a scuola (con una predilezione per la matematica), appassionati di fantasy (tutti, in assoluto, hanno letto Il Signore degli Anelli di Tolkien, tantissimi conoscono a memoria la saga di Eragon del giovane Christopher Paolini), poco inclini alle trasgressioni di tanti loro coetanei. Insomma, dietro un look che privilegia jeans larghi e malridotti, ingombranti sneakers e magliette nere che inneggiano ai loro gruppi heavy metal preferiti si nascondono ragazzini tranquilli e studiosi, che hanno trovato in Magic una community di amici e compagni (sparsi in ogni angolo del mondo) con cui sfidarsi, divertirsi e scambiarsi carte da gioco e idee.

Internet, videogiochi e… migliaia di dollari in palio.
I più bravi? Diventano star del Poker

Non è un caso che Internet sia servito per alimentare esponenzialmente le dimensioni del fenomeno e degli appassionati. Oltre ai tornei live esiste la possibilità di sfidarsi online, così come attraverso un videogioco per Xbox, PC e Play Station 3 appena lanciato con grande successo.

Il bello, poi, è che oltre alle partite “amatoriali”, esiste un circuito professionale di giocatori di Magic, che organizza tornei ragionali, nazionali e mondiali (ed è il caso del raduno di Rimini). I tornei mondiali – 4 all’anno, uno per continente – sono rigorosamente ad invito, ottenibile solo dopo aver passato vere e proprie sessioni di qualificazione. In palio ci sono cifre importanti, almeno per un ragazzo di 16 anni (anche 50 mila dollari). Kai Budde, uno studente universitario 25enne tedesco ha vinto in pochi anni la cifra record di 359.000 dollari. Alcuni tra i giocatori di Magic sono poi diventati vere e proprie star internazionali: tra questi lo statunitense Jon Finkel e il giapponese Katsuhiro Mori, campioni del mondo e plurivincitori di tornei Pro-Tour. Il giovane romano Dario Minieri, 23 anni, uno dei più talentuosi campioni di poker italiani, è stato per anni una delle star italiane di Magic, vincendo tornei un po’ in tutto il mondo.

Magic: storia di un successo planetario. Da un garage di Philadelfia

“Magic: The Gathering” (questa la dicitura completa del gioco) nasce nel 1993 ad opera di Richard Garfield, allora un giovane matematico di Philadelfia. Garfield pubblica il primo pacchetto delle mitiche carte con la Wizards of Coast, una casa editrice di giochi americana specializzata in fantasy. Il successo è immediato: in solo sei settimane vengono letteralmente polverizzate le scorte previste per 6 mesi. Successivamente la Wizard viene acquistata dalla Hasbro, la multinazionale dei giochi famosa per il Monopoly e il Trivial Pursuit, che lo trasforma in un fenomeno globale. Da allora vengono vendute oltre 11 miliardi di carte in più di 67 paesi. A distanza di 17 anni l’intera serie comprende oltre 14.000 carte, da quelle più comuni a quelle più rare e introvabili.

Ma come si gioca a Magic? Tipico di questi casi: più facile farlo che spiegarlo, risponderebbe un ragazzino. Scopo di ogni partita è quello di portare il punteggio dell’avversario da 20 a 0, usando i poteri descritti sulle varie carte (ce ne sono di differenti tipologie, da quelle raffiguranti temibili sortilegi a quelle che invece raffigurano fantastiche creature). Ciascun giocatore utilizza il proprio mazzo di carte e la particolarità di Magic è che non esiste un mazzo di carte predefinito: ogni giocatore si presenta al duello con un mazzo che ha assemblato scegliendo tra le sue carte (c’è chi ne ha migliaia ovviamente). E' facile pertanto intuire come ogni duello sia assolutamente unico e irripetibile.
Le carte sono disegnate dai più famosi illustratori fantasy e rappresentano suggestive ambientazioni, sortilegi e creature da evocare al proprio servizio per contrastare le forze dell’avversario. Esistono gruppi fondamentali di cards che vengono classificate in base al colore (bianco, blu, nero, rosso e ver
de). Ogni colore (e tutte le carte che ad esso appartengono) ha caratteristiche proprie inconfondibili. Le carte principali, la cui presenza è indispensabile, sono le Terre. Esse forniscono il mana e cioè l'energia magica necessaria per giocare. Per ciascuno dei cinque colori, esiste una Terra base appropriata:
• Pianure (forniscono il mana Bianco)
• Isole (forniscono il mana Blu)
• Paludi (forniscono il mana Nero)
• Montagne (forniscono il mana Rosso)
• Foreste (forniscono il mana Verde)
Con il mana attinto dalle Terre, possono essere giocate le magie, che si classificano in:
• Creature
• Incantesimi
• Stregonerie
• Istantanei
Una delle ultime novità è costituita dall’esordio dei cosiddetti Planeswalkers, ovvero i più potenti maghi dell’universo Magic, attorno alle figure dei quali è già in fase di produzione in America un kolossal firmato dalla Universal.

Related Posts

Powered by Calculate Your BMI