Lydia

by • 24/01/2020 • Rubriche, The Game VaultCommenti disabilitati su Lydia278

Lydia è un titolo molto peculiare che più che intrattenere vuole narrare in maniera seria e convincente così come puntare tutto sull’atmosfera.

Un titolo molto particolare dove il gameplay è ridotto molto all’osso per essere più liberi nel raccontare una storia fatta con tutti i crismi del genere.

Non avremo molto modo di interagire nel senso stretto del termine anche se l’intreccio e la storia sono veramente di altissima qualità e di un livello eccelso.

La storia è molto cupa e un’atmosfera oppressiva che vi lasceranno senza fiato.
La protagonista è una bambina che vive una situazione familiare molto disastrata. I suoi genitori la ignorano completamente lasciandola crescere sola come due irresponsabili. Tutto è effimero con feste a musica alta e alcool a fiumi, uno scenario per nulla edificante per una bambina di quell’età.

Lydia è costretta ad ascoltare discorsi da adulti che toccano argomenti assolutamente inadatti per una bambina di quell’età, con gravi ripercussioni sulla sua crescita.

Lo stile della narrazione è unico e contiene varie allegorie sulla situazione della bambina con personaggi che simboleggiano sempre qualcosa d’altro.

La metafora del mostro è quindi sempre presente e ogni giocatore avrà modo di interpretarla per proprio conto.
Il gioco quindi più che divertire racconta una storia profonda che fa riflettere, un po’ come accaduto con Kojima e il suo recente Death Stranding.

Gli scenari di azioni sono sempre piuttosto ridotti e abbiamo sempre il compito di camminare da un punto A a un punto B magari interagendo con qualche oggetto e raccogliendolo.
Potremo anche affrontare dei dialoghi a scelta multipla, sempre con un approccio quasi da visual novel in cui dovremo interagire con tanti personaggi non giocanti differenti.

Presenti anche alcuni enigmi ma sempre in maniera mai frustrante ed estremamente lineare.

Il gioco è un’esperienza breve ma molto intensa che non vi annoierà un solo istante. Un gioco per tutti coloro che vogliono intrattenersi con una storia che colpisce per la sua profondità.

Per quanto concerne il comparto meramente tecnico il gioco vede una grafica a disegni molto ben realizzata e una gestione dell’illuminazione in generale di primissimo livello. Tutta la parte artistica è veramente superlativa con un’atmosfera molto cupa, con colori sbiaditi e un ottimo uso delle allegorie.

Le ambientazioni sono spaventose e riflettono la visione del mondo distorta di Lydia. Tutto è mostruoso e demoniaco così come è visto dalla protagonista. Ottimo anche il comparto sonoro con momenti ovattati quando la bambina non comprende esattamente di cosa stiano parlando due adulti.

Una storia toccante che merita di essere vissuta almeno una volta.

Voto: 7.5

Related Posts

Powered by Calculate Your BMI