Lego Harry Potter Collection

by • 09/11/2018 • Rubriche, The Game VaultCommenti disabilitati su Lego Harry Potter Collection91


TT Games ha deciso di raccogliere i due titoli del 2010 dedicati al famoso ciclo di Harry Potter, usciti circa otto anni fa. Giochi che rappresentano gli albori di questo famoso franchise, senza ancora un open world definito e quindi il prototipo di una formula risultata vincente negli anni.

Il gioco è uscito anche su Switch e Xbox One ora.  Potremo cimentarci in Lego Harry Potter Anni 1-4 e Anni 5-7.
Questi titoli non furono mai doppiati dalla casa di sviluppo e quindi troveremo ancora tantissima ironia basata principalmente sul linguaggio dei segni. Parodie quindi di quanto si è visto su grande schermo condite da versi e grugniti.

Per chi è abituato ai dialoghi degli ultimi anni forse l’effetto sarà leggermente estraniante anche se vedere ad esempio Voldemort in questa chiave di lettura è abbastanza comico e divertente.

Un gioco comunque aficionados agli appassionati del mago della Rowling anche perché i dettagli sono talmente molteplici e divertenti che sembrerà di trovarsi di fronte un gigantesco Easter Egg.

Il gameplay è immediato e adatto a tutti, anche ai bambini più piccoli. Questo significa che le campagne sono abbastanza facili e rapide da concludere. I livelli però sono altamente rigiocabili per scoprire i vari segreti.

Il castello di Hogwarts funge da una sorta di hub per i vari livelli e quindi si può intravvedere in questo senso un approccio all’open world e al sandbox. Essendo comunque due titoli diversi  di livelli per sbizzarrirvi ne avrete a iosa.

Come sempre la progressione è scandita dagli scontri con i nemici  e la distruzione dei vari mattoncini per poi poter utilizzarli per acquistare potenziamenti e collezionabili.

Potremo poi rigiocare i livelli in maniera libera sbloccando i personaggi nuovi, ognuno con una peculiarità e questo vi aiuterà a sbloccare ulteriori passaggi tramite la risoluzione di rompicapi legati a una determinata abilità. Potremo naturalmente anche imparare nuovi incantesimi e quindi sfidare sempre nuovi avversari.

Il lavoro di rimasterizzazione non è stato tanto profondo e infatti il codice pare essere quello di un tempo tale e quale, senza tanti stravolgimenti. Tutto però a livello di immagini è pulito e molto più chiaro. Il gioco ha certamente qualche anno sulle spalle anche se si lascia giocare molto bene, soprattutto perché l’aspetto grafico passa in secondo piano.

Una buona conversione di un titolo oramai diventato un classico che ha segnato l’epoca e il sentiero per successi futuri. Da rigiocare o riscoprire in ogni caso.

Voto: 7

Related Posts

Powered by Calculate Your BMI