L’alba

by • 12/06/2003 • RecensioniComments (0)605

Jack The Smoker (mc) Mace (produzioni)

16 pezzi + 2 bonus tracks

70minuti

Un cd che nel suo insieme puo' essere considerato un ottimo inizio per questo gruppo. Tenendo conto di chi ci sta dietro orbita intorno ai 20 anni si rimane anche stupiti per la qualita' del prodotto.

Beat: sono le basi a stupire di più: veramente ben fatte e qualche pecca gliela si può pure perdonare (some campione troppo palese). Insomma: fanno muovere la testa esattamente come quelle di produttori con parecchi anni di esperienza alle spalle. Fate vobis.

Rime: Jack è sicuramente un buon mc, ma a causa del modo di rappare -lineare fin troppo – l'alchimia con la base non sempre risulta efficace.

Ho avuto la fortuna di sentirlo in freestyle allo Show Off: in quel contesto si muove con più disinvoltura e forse il suo flow risente di questo aspetto: imposta allo stesso modo i pezzi, ma in un contesto "cd" fa sì che risulti poco variegato.

Contenuti: ci sono dei picchi di contenuti ben scritti, altri risultano però banali (al di là dell'esperienza personale in sé, che non discuto). In generale, nei contenuti è il classico cd di rap: esperienze di vita e sana aria di cazzeggio.

Featuring: tanti. BloodyB, Naghe, Zeus, Bassi (scratch), Rido, Zampa, Gomez, Jap, Mdj, Duein, Snake1, Kuno, Bat. Questa abbondanza è utile per fare miniconfronti (non del tutto attendibili comunque) da cui saltano fuori mc's originali (Duein, Snake1 e l'ottimo ritornello di Rido) in una media che resta elevata (segnatevi il nome di questa crew: "Spregiudicati").

Alti: come già detto le basi, l'impostazione a mò di dialogo intrapersonale della seconda bonus track, la qualità eccezionale per un "primo cd".

Bassi: può risultare monotono alla lunga, 18 pezzi sono troppi: sarebbe stato meglio condensare il prodotto (11/12 tracks) escludento qualche pezzo che risulta "tiepido" (tracce numero 8, 10, 12, 13 e la prima bonus track, a mio parere). Il cd avrebbe avuto maggior potenza e densità. Jack ha ampi margini di miglioramento (nella metrica e nella trattazione dei contenuti) perché traspare una profondità non trascurabile. L'influenza di personaggi della scena milanese (ovvia e garante di qualità) è ancora troppo palese.

Commento finale: La Créme non è una promessa dell'Hip Hop. Grazie a questo cd può essere considerata una realtà: proprio per questo deve impegnarsi di più per uscire dal "classico" rap italiano (portato ad alta qualità) per esplorare altre vie (evitando così i problemi di "monotonia" relativa).

Pezzi migliori

> Cupole di Vetro

> Barre pt2

> Bonus track n2

Se ti piace ascolta pure

> Bassi Maestro (classico/background)

> Banhana Sapiens (come la biglia numero 8)

Related Posts

Powered by Calculate Your BMI