La CNN realizza uno special sull'hip hop

by • 24/02/2007 • NewsComments (0)376

Nell’ambito di una settimana interamente dedicata a una serie di reportage sulle contraddizioni dell’America contemporanea, la CNN ha realizzato uno special sull’hip hop. Per la prima volta, lo storico network giornalistico apre le porte ai protagonisti del caso musicale che negli ultimi trent’anni più ha segnato la cultura di massa statunitense.

Il dibattito, dal controverso titolo Hip hop: art or poison? è andato in onda il 21 febbraio e ha visto la partecipazione di numerosi ospiti interni alla scena hip hop americana, tra cui Chuck D, Russell Simmons e Eve. Scopo della discussione era determinare se l’hip hop influenza in modo negativo i comportamenti giovanili e, in caso affermativo, se il problema sia di natura artistica o se riguardi piuttosto le realtà economiche che speculano su di esso. Particolarmente duro è stato l’intervento di Chuck D: il leader dei Public Enemy ha infatti affermato che l’hip hop ha preso una direzione violenta e materialista solo in seguito all’intervento dell’industria discografica bianca, criticando aspramente il music business e i media.

Parte del programma è disponibile in streaming sul sito dell’emittente: per chi fosse interessato, per tutta la settimana la programmazione della CNN proseguirà con i reportage di Uncovering America, focalizzati sulle minoranze etniche e culturali presenti negli USA e su tutti i fenomeni ad esse correlati.

Related Posts

Powered by Calculate Your BMI