La black music sbanca i Grammy Awards

by • 14/12/2004 • NewsComments (0)454

Come prevedibile dai trend delle classifiche discografiche di quest’anno, la black music sarà protagonista assoluta dei prossimi Grammy Awards, che nel febbraio del 2005 giungeranno alla quarantasettesima edizione.

La lista delle nomination parla chiaro: qualitativamente e quantitativamente, rap e soul pesano in maniera decisiva in tutte le 107 categorie da premiare. In entrambe le sezioni principali, canzone dell’anno e album dell’anno, tre nominati su cinque rientrano in ambito black music: si tratta di Black Eyed Peas, Ray Charles e Usher nel primo caso e di Ray Charles, Usher e Alicia Keys nel secondo. A detenere il record assoluto di nomination personali di tutta la manifestazione è Kanye West, che ne ha ricevute dieci in tutto (si stima però che, se si dovesse tenere conto anche della sua collaborazione come produttore ad altre opere in concorso, il numero delle nomination da lui ottenute sfiorerebbe la ventina); seguono a ruota Usher e Alicia Keys, con otto nomination a testa.

Curioso record, inoltre, per Ray Charles e Alicia Keys, che gareggeranno entrambi contro se stessi perché nominati due volte nella stessa categoria. Il primo ha infatti spopolato nella sezione Best Pop Duet, dove è presente sia con il brano Sorry seems to be the hardest word (in coppia con Elton John) che con Here we go again (in coppia con Norah Jones); la seconda raddoppia invece in zona miglior collaborazione R&B grazie alla sua Diary (collaborazione con i Tony! Toni! Tone!) e a My Boo (collaborazione con Usher).

Nessuna sorpresa per quanto riguarda il rap: a parte la solita, eccezionale poliedricità di Kanye West, l’unico che riesce a presenziare con ben tre brani diversi (nello specifico Through the wire, Jesus walks e All falls down), come previsto Jay Z, Black Eyed Peas, Llyod Banks, Beastie Boys e Roots la fanno da padroni. Una nota di folklore è invece rappresentata da un ingresso assolutamente imprevisto nelle nomination della musica religiosa: tra gli aspiranti al premio per il miglior album gospel, infatti, figura anche una formazione dal nome Holy Hip Hop, in concorso con il disco Taking the Gospel to the streets.

Related Posts

Powered by Calculate Your BMI