Kymani Marley: l'intervista

by • 14/02/2009 • IntervisteComments (0)996

Nel backstage del Rototom abbiamo avuto il privilegio di incontrare Kymani Marley, figlio del re del reggae Bob Marley. Kymani è un artista a tutto tondo perché è sia cantante che attore. Ecco quello che ha raccontato al microfono di Hotmc.com.

Haile Anbessa: ciao Kymani è un piacere incontrarti!

Kymani Marley: il piacere è mio Mario!

H.A.: come sei entrato nel mondo della musica?

K.M.: ti sembrerà strano ma quando ero piccolo non mi interessava cantare. Cantavo solamente nel bagno di casa! Mia madre mi faceva prendere lezioni di batteria e di chitarra ma non mi piaceva affatto perché non avrei mai pensato di avere successo una volta adulto. La musica era realmente l'ultima delle mie priorità. A 14 anni andare a lezioni di chitarra era solo una punizione per me! (ride). Ero troppo giovane per capire!

H.A.: ora vorrei sapere del tuo interesse per la musica hip hop come è testimoniato da una tua collaborazione con Pras dei Fugees…

K.M.: la musica hip hop mi ha ispirato molto da sempre. Sai, io sono nato in Giamaica ma quasi tutta la mia vita l'ho passata negli Stati Uniti, a Miami. Sono là da quando avevo 16 anni perciò il mio retaggio è quasi esclusivamente hip hop. Io amo la musica a tutto tondo. L'hip hop mi ricorda molto la dancehall giamaicana per il suo spirito ribelle e la sua vita di strada. Devi sapere che uno dei miei gruppi preferiti sono i Run DMC. Ma ripeto: sono un fan di tutta la buona musica. Quindi posso ascoltare indifferentemente della salsa così come Eric Clapton o George Michael.

H.A.: so che sei uno dei più grandi amici di Alborosie. Vorrei saperne di più del tuo rapporto con lui e con il suo grande manager Clifton "Specialist" Dillon…

K.M.: con Specialist ho iniziato la mia carriera. Il mio primo album l'ho realizzato sotto la sua supervisione ed è stato lui che mi ha fatto salire a un gradino di esperienza superiore. Alborosie invece è un buon amico. Lui è in Giamaica da molti anni oramai e abbiamo fatto parecchie cose assieme tra cui una cover in featuring del grande successo di mio padre Natural Mystic. Secondo me ha molto talento e apprezzo molto quello che sta facendo.

H.A.: mi racconti della tue emozioni quando nel 1998 hai cantato l'inno nazionale prima della partita Giamaica-Brasile davanti all'intero Orange Bowl Miami Stadium gremito?

K.M.: cantare l'inno della mia patria è stato incredibile! In quell'occasione non rappresentavo solo Kymani ma tutta la nazione giamaicana. Ero molto nervoso perché solitamente sul palco, dietro di me, ho sempre tutta la mia famiglia presente mentre quella volta ero realmente solo. Ma è stato realmente incredibile!

H.A.: a proposito di emozioni incredibili, ora mi parleresti del concerto Africa Unite in onore di tuo padre e di tutta l'Africa che hai tenuto in Etiopia assieme a tutta la famiglia Marley?

K.M.: quell'esperienza è stata come raggiungere la vetta di una montagna altissima. Lo scopo era essere tutti uniti nella madre-terra, l'Etiopia e credo che si siamo proprio riusciti. Portare il messaggio di amore e unità a più di 300.000 persone è stata una delle cose più belle della mia vita. Celebrare poi il 60mo compleanno di mio padre là dove il Re risiede (Haile Selassie I n.d.r.) è stato sia per me che per tutta la famiglia Marley, perché posso parlare a nome di tutti, il momento più alto di sempre sia umanamente che artisticamente parlando.

H.A.: cosa ne pensi dei nuovi riddim del reggae?

K.M.: non si può mai lasciare il roots perché senza radici non ci sono né rami né foglie. Nel reggae tutto proviene dal roots perché queste sono le fondamenta. Tutti prima o poi ci ritornano. Così è stato e così sempre sarà. La gente e i tempi cambiano ma la lotta rimane sempre la stessa e il roots è la sola musica della lotta. È l'unica musica che porta coscienza alle persone. Tutte le altre musiche parlano di cose futili mentre solo il roots parla all'anima. Solo il reggae può parlare contemporaneamente sia al corpo che al cuore delle persone. Quando esci da un concerto reggae stai bene anche fisicamente e il tuo cuore è leggero.

H.A.: posso darti un suggerimento? Continua anche a recitare perché hai molto talento. Ti ho visto in Shottas recitare con Spragga Benz e Wyclef Jean tra gli altri e  e sei risultato molto credibile, a mio parere. Mi racconti anche di questa esperienza?

K.M.: sai, per me recitare è solo un'altra forma d'arte a cui sono stato sempre molto interessato fin da quando ero bambino. Avere avuto quest'opportunità per ben 2 volte, perché ho recitato anche nel film One Love diretto da Don Letts con Cherine Anderson, è stato qualcosa di molto speciale. Ma non farei mai l'attore a tempo pieno perché altrimenti dovrei lasciare la musica. Però devo dire che mi piacerebbe molto interpretare altri ruoli positivi. Preferisco comunque sempre la musica perché nelle mie canzoni sono sempre me stesso mentre in un film devo fingere di essere sempre qualcun altro.

H.A.: è stato un piacere Kymani, grazie mille!

K.M.: grazie a te! Alla prossima!

Per commentare: http://community.hotmc.com/forum/index.php/topic,3601.0.html

Related Posts

Powered by Calculate Your BMI