Julian Marley abbraccia il Rototom Sunsplash

by • 18/07/2010 • NewsComments (0)487

JULIAN MARLEY ABBRACCIA IL ROTOTOM SUNSPLASH
A ITALIA WAVE LOVE FESTIVAL
A Livorno il 25 luglio il figlio del leggendario Bob partecipa allo spazio dedicato
ad un’anticipazione del più importante festival reggae d’Europa, esule in Spagna
Sarà Julian Marley, il più giovane degli eredi del grande Bob, il re del reggae, il
protagonista dell’angolo che l’Italia Wave Love Festival di Livorno ha ritagliato su
misura per Rototom Sunsplash, il più grande festival reggae d’Europa nato in
Friuli ma “esiliato” da quest’anno in Spagna per una persecuzione giudiziaria del
tutto incomprensibile.
Domenica 25 luglio la serata conclusiva del Festival costruirà un’occasione di
incontro per riflettere sulle ragioni che fanno sì che in questo Paese non sia più
concesso a realtà come Rototom Sunsplash di rappresentare un altro mondo
possibile, che parli e pratichi la pace, la tolleranza, il rispetto, l'apertura verso le
diversità: come mai nell'Italia di oggi l'utopia pacifica di Bob Marley appaia
invece come una pericolosa eresia da bandire ed esiliare.
Se ne discuterà in“Exodus: storie da Rototom Sunsplash”, un incontro che
alle 18.30 alla Fortezza Vecchia di Livorno riunirà Filippo Giunta (direttore
artistico Rototom Sunsplash), Mauro Valenti (direttore artistico Italia Wave) e
Giuliano Giuliani. A loro ha voluto unirsi anche Julian Marley che non si limiterà a
esibirsi in serata sul main stage del “Picchi”, ma parteciperà anche al dibattito
portando le ragioni per cui esiliare da un Paese un festival come il Sunsplash
significa cancellarvi il sogno di pace, di fratellanza e armonia che aveva per
ambasciatore privilegiato proprio suo padre.
La sera poi allo Stadio Comunale Julian Marley sarà anche sul palco a
presentare il suo ultimo lavoro “Awake”: prima di lui si esibiranno gli Arawak,
vincitori del Rototom Sunsplash Contest e nomi di rilievo come Hanggai e
Apreè la Classe. A chiudere la serata saranno gli spagnoli Ojos de Brujo.
Allo Stadio Comunale sarà inoltre presente una postazione dove saranno
disponibili biglietti e abbonamenti per Rototom Sunsplash 2010, che si
svolgerà dal 21 al 28 agosto a Benicassim, località balneare non distante da
Valencia.
SCHEDA SU JULIAN MARLEY
Tra i diretti eredi del grande re del reggae ad occuparsi di musica, Julian Marley
e' stato uno degli ultimi a venire alla ribalta: e' nato a Londra nel 1975 e pare
abbia registrato il suo primo demo ai Tuff Gong Studios a 5 anni (prima quindi
della scomparsa di suo padre) riprendendo 'Slave driver' dal repertorio paterno.
Durante gli anni Novanta Julian ha formato la sua band “The Uprising” ed ha
girato il mondo sia con la sua formazione promuovendo i suoi brani sia insieme
ai fratelli Damian e Stephen come “Ghetto Youths Unite”, una vitale crew che va
ad affiancarsi ai “Melody Makers” di Ziggy Marley nel portare avanti l'eredita'
musicale paterna.
Nel 1996 ha pubblicato il suo primo CD 'Lion in the morning'. Oltre ad aprire nel
1997 insieme a Damian Marley i concerti del tour mondiale dei fratelli Melody
Makers e a partecipare – sempre con Damian – al Lollapalooza, ha contribuito
alla realizzazione dell'album tributo 'Chant down Babylon' e registrato insieme a
vari suoi fratelli e a Spragga Benz una torrida rilettura di 'Mater blaster' di Stevie
Wonder. La sua carriera va avanti nel 2003 con il suo eccellente secondo CD 'A
time and place' registrato ancora una volta con apporti vari provenienti dalla sua
famiglia. La gestazione dei suoi lavori continua a rimanere però piuttosto lunga e
bisogna aspettare altri sei anni per un suo nuovo album. Hip hop, dance hall,
R&B e reggae sono gli ingredienti dell’esplosiva mistura di “Awake”, che dal
2009 non smette di raccogliere consensi dal pubblico ed elogi dalla critica.
“Awake” è sicuramente il disco fin qui più ambizioso e ben riuscito, in cui
dimostra di non limitarsi ad imitare il padre ma cerca di percorrere vie originali.
Come il grande Bob, Julian non smette di unire il suo ruolo di ambasciatore della
pace a quello di fiero alfiere della Jamaica: l’occasione per riunirli entrambi è
arrivata nel 2008 quando si esibì a Pechino in occasione delle Olimpiadi
portando un forte messaggio di fratellanza, ma celebrando contestualmente
anche il trionfo dello sprinter caraibico Usain Bolt. Degno erede del re del
reggae anche per il suo amore per l’Africa, Julian si è recentemente esibito in un
Paese a rischio come la Guinea, per testimoniare in prima persona la vicinanza
alla brama di riscatto della gente africana.

Related Posts

Powered by Calculate Your BMI