Jubba White: l’intervista

by • 09/07/2021 • IntervisteCommenti disabilitati su Jubba White: l’intervista1621

Jubba White è un produttore reggae numero 1 nelle classifiche di Billboard, oltre che musicista e cantante nominato ai Grammy che si è classificato al numero 3 della classifica Reggae di iTunes.
Jubba ha anche portato alla vittoria la sua band Dubtonic Kru, rappresentando se stessa e la Giamaica nella competizione multigenere Global Battle of the Bands nel 2010 in Malesia. Erano tra le band di 17 paesi in lizza per il titolo di Best New Band in The World
. Ha pubblicato di recente il suo album Solar Riddim con tanti artisti celebri della scena. Vediamo che cosa ci ha raccontato.

Haile Anbessa: sei sicuramente un artista poliedrico a tutto tondo con talenti come cantante, produttore, batterista e compositore. Se potessi scegliere quale ami maggiormente come ruolo nella musica?
Jubba White: Il mio ruolo preferito da interpretare nella musica è la musica stessa (sorride). La batteria è stata lo strumento in cui ho investito più tempo ed energia, ma durante la mia adolescenza ho esercitato giocosamente le mie corde vocali. Sebbene mi senta più a mio agio con la mia batteria, vedo la musica come un corpo con vari organi, ugualmente vitali per la funzione generale del corpo.

H.A.: è vero che hai iniziato già all’età di 3 anni con la batteria sulle pentole della cucina?
J.W.: verissimo, mi sedevo nel cortile sul retro, con vecchie pentole e padelle di vernice, usandole come batteria, mentre cantavo ad alta voce. Mia madre cantava canzoni gioiose a squarciagola nel cortile, quindi immagino di averla semplicemente imitata.

H.A.: raccontami dell’esperienza del canto in chiesa…
J.W.: La mia esperienza di canto in chiesa è stata il risultato di diversi motivi. Quel bambino (io) si è fatto una reputazione suonando pentole e padelle e cantando ad alta voce, che si è rivelato il miglior invito alle amicizie e al riconoscimento dei talenti posseduti. Dato che sono cresciuto in una famiglia cristiana, da genitori che erano alcuni dei membri fondatori della chiesa nella nostra comunità, era naturale che i miei talenti si sarebbero ulteriormente sviluppati su quella piattaforma. Le opportunità variavano dall’essere il batterista della chiesa al cantare in alcuni degli eventi della chiesa già all’età di otto anni. È stato molto divertente e a una tale età, non c’era nulla che potesse scoraggiarmi. I bambini saranno sempre i più coraggiosi di tutti.

H.A.: com’erano i tempi con Winta e Maka Lox? E i tempi come Dubtonic Kru?
J.W.: i tempi con Winta e Maka Lox come parte dello stesso gruppo sono sicuramente uno dei periodi cardine del mio viaggio nella musica e nella vita in generale. Maka era la mia amica d’infanzia, dello stesso quartiere, mentre il nostro legame con Winta e Koxx (Veron Dinnall) era nei nostri primi anni dell’adolescenza. Noi quattro abbiamo iniziato a suonare insieme come una band allora, ancora al liceo, ma eravamo più che semplici adolescenti in una band insieme, eravamo come fratelli, vivevamo insieme, mangiavamo insieme e ci supportavamo in ogni modo allora. Erano tempi fantastici. Molte delle nostre pietre miliari sono state vissute insieme come musicisti e amici.
L’esperienza Dubtonic Kru è stata un’altra fase molto importante, che è arrivata con un altro livello di maturità nella musica. Già essere benedetti con l’opportunità di viaggiare in gran parte del mondo con leggende del nostro genere musicale, in giovane età, ci ha preparato come individui a intraprendere i nostri viaggi. Il mio era concettualizzare e creare una band che avrebbe fatto la sua musica originale, riflettendo i diversi generi e culture in cui ci siamo imbattuti come individui, studiati e amati; fusi con la nostra cultura. Quella mossa ha sicuramente creato un impatto non solo sulle nostre vite ma anche su altre.

H.A.: qual è l’artista con cui hai lavorato come band di supporto con cui hai più bei ricordi?
J.W.: c’era qualcosa di speciale in ogni artista con cui ho avuto l’opportunità di lavorare. Questo ha creato le basi per bei ricordi. Una delle cose migliori è stata la possibilità di suonare dal vivo parte della musica che abbiamo registrato e a cui abbiamo partecipato. La creazione per il pubblico di tutto il mondo. Alcuni esempi sono Junior Kelly, Bushman, Richie Spice, Chuck Fender e altri. Altri bei ricordi sono stati quelli con leggende come Daddy U-Roy, Max Romeo e The Ethiopians. Quello che sono oggi lo devo proprio a queste esperienze.

H.A.: parlami del tuo trasferimento in Oregon e della fondazione della White Stone Production…
J.W.: L’allontanamento a malincuore dalla Giamaica è stato motivato da due fattori. Passavo mesi alla volta lontano da casa e dalla famiglia. Mentre i tour e le esibizioni erano il mio sostentamento e il mio principale pane quotidiano, il tempo fuori era piuttosto lungo e quando sono tornato a casa, sono tornato subito in studio e ad organizzare eventi. A quel punto, eravamo molto in tournée negli Stati Uniti, e poiché la mio partner è originaria degli Stati Uniti, aveva più senso fare quella mossa, avendo più tempo per la famiglia e per noi stessi, oltre ad essere nel paese in cui stavamo facendo molti viaggi come band. Era più facile gestire la logistica in quel modo e, inoltre, il bassista Stone aveva già vissuto qui.
White Stone Productions era originariamente un’iniziativa mia sia per Stone che per me, dal momento che ora eravamo entrambi negli Stati Uniti, e di nuovo aveva senso avere un marchio che potesse aiutare con la logistica per noi come Dubtonic Kru a livello nazionale. Stone non era molto interessato all’idea in quel momento, quindi ho continuato da solo.

H.A.: parlami della tua ultima produzione Solar Riddim…
J.W.: la produzione più recente Solar Riddim è una cosa fantastica che include artisti come Mykal Rose, Prezident Brown, Perfect Giddimani, Turbulence, Tuff Like Iron, Twiggi, Aaron Nigel Smith, Ranking Joe, Frassman Brilliant, Arturas e me.
“Rise and Shine”, il primo singolo uscito dal progetto, è una collaborazione tra me, Frassman Brilliant e Arturas, che è anche accompagnata da un video, disponibile su YouTube. È prodotto da me sotto White Stone Productions in collaborazione con DJ Colonel di Simmer Down Sounds ed è distribuito da Tuff Gong International. Questo è un album riddim che la massive apprezzerà sicuramente.

Related Posts

Powered by Calculate Your BMI