Jay-Z dedica una nuova canzone alle vittime nere della brutalità della polizia

by • 08/07/2016 • Copertina, NewsCommenti disabilitati su Jay-Z dedica una nuova canzone alle vittime nere della brutalità della polizia218

jigga

Se il razzismo è un tema tragicamente attuale anche in Italia, dopo l’omicidio del rifugiato nigeriano Emmanuel Chidi Namdi a Fermo, in America non se la cavano meglio, con la sola differenza che in questo caso è la polizia – quella che dovrebbe difendere la cittadinanza – a prendersela con i cittadini afroamericani. Gli ultimi episodi in ordine di tempo risalgono a qualche giorno fa: Alton Sterling, venditore ambulante, è stato ucciso a sangue freddo a colpi d’arma da fuoco da un poliziotto mentre era disarmato e spalle a terra, mentre Philando Castile era in macchina con moglie e figlia quando un agente lo ha invitato ad accostare per via di un fanalino rotto e successivamente ha esploso quattro proiettili fatali contro di lui, per motivi futili e ancora non meglio precisati.

Questi ultimi fatti di sangue, ovviamente, non potevano che scuotere la scena musicale americana e soprattutto quella hip hop/R’n’B. Se diversi esponenti di primo piano si sono già espressi con dichiarazioni di sdegno e condanna (tra cui anche Beyoncé, che qualche mese fa era stata velatamente minacciata dalla polizia americana, che si era dichiarata intenzionata a non proteggere più la sua incolumità se avesse continuato ad accusarla di razzismo), Jay-Z ha fatto ancora di più e ha dedicato al tema una nuova canzone dal titolo Spiritual, per ora ascoltabile solo tramite Tidal. I versi sono inequivocabili: No, I’m not poison/ Just a boy from the hood/ That got my hands in the air, in despair/ Don’t Shoot/ I just wanna do good (“No, non sono veleno/ sono solo un ragazzo del quartiere/ con le mani alzate in aria, in segno di disperazione/ non sparare/ voglio solo fare le cose per bene”). La canzone è stata accompagnata da una breve dichiarazione da parte di Jigga: “Ho registrato questa canzone un po’ di tempo fa, ma non ho mai avuto occasione di finirla. Punch della TDE mi ha detto che avrei dovuto farla uscire quando è morto Mike Brown (altra vittima delle violenze della polizia, ndr), ma con tristezza gli ho risposto “Questa questione sarà sempre attuale”. E la mia consapevolezza che la sua morte non sarebbe stata l’ultima mi fa male… Sono rattristato e deluso da questa America, dovremmo essere molto più avanti di così”.

 

Related Posts

Powered by Calculate Your BMI