James’ Noir Hollywood Crimes

by • 28/11/2011 • Rubriche, The Game VaultComments (0)398

Il Professor Layton è stato capace di creare un genere a sé. Unendo la tradizione delle avventure grafiche, a quello dei giochi basati sulla risoluzione di enigmi matematici e logici, l’ormai noto eroe virtuale ha saputo crearsi una fedele schiera di fan. James Noir’s Hollywood Crimes 3D, prodotto da Ubisoft, senza celare il debito nei confronti di Level-5, intende accontentare questa fetta di utenza, facendo dimenticare almeno per un po’ l’esistenza dell’affascinante Professore. Più puzzle game, che avventura grafica, il gioco si distingue sensibilmente dalla fonte ispiratrice non solo per lo stile grafico adottato, ma anche per un gameplay più limitato, ma non per questo incapace di intrattenere a dovere. La trama che funge da collante alle varie prove logiche è piuttosto banale, ma è diretta con intelligenza e sfrutta una direzione artistica inusuale.State vivendo nella Los Angeles dei primi Anni 60. Compilati i moduli necessari e scattata una foto del vostro fotogenico visino sfruttando la telecamera del 3DS, dopo qualche giorno di attesa riceverete una telefonata dalla produzione, che vi informa che la vostra candidatura è stata accettata. I primissimi enigmi dovrete superarli come partecipanti di questo quiz che, settimana dopo settimana, vi imporrà di raggiungere un certo punteggio, attraverso quattro round, corrispondenti a un uguale numero di prove logiche dalla difficoltà variabile. Tuttavia sarà solo al termine dello spettacolo televisivo che prenderà avvio la trama noir alla quale il titolo fa riferimento. Avvicinati in un bar da un vostro ex-compagno di scuola, ora agente dell’FBI, sarete messi al corrente di un killer che ha preso di mira i vecchi concorrenti dello show al quale voi state prendendo parte. Incapace di risolvere il caso, l’investigatore di volta in volta vi sottoporrà una serie di enigmi, utili a scoprire nuove prove che possano condurvi alla vera identità dell’assassino. L’avventura viene così bipartita tra puntate dello spettacolo e incontri con l’agente, mentre gioco e indagine si mescolano tra loro e la lista degli indagati si allarga sempre più fino a includere persino voi stessi. Prove matematiche, indovinelli logici, rompicapi che tirano in ballo forme e linee: non manca nulla e tutto, indubbiamente. James Noir’s Hollywood Crimes 3D risulta un titolo riuscito anche sotto quest’aspetto. Un paio di enigmi sfruttano gli accelerometri e di tanto in tanto dovrete scattare qualche foto. Dal punto di vista grafico, James Noir’s Hollywood Crimes 3D sfoggia uno stile estremamente azzeccato e molto Anni 60. Sullo sfondo virtuale infatti, si stagliano le sagome digitalizzate di attori reali, mossi da una manciata di scattose animazioni. Il risultato fa tanto retrò e sicuramente non verrà apprezzato da tutti, ma allo stesso tradisce un minimo di ricerca artistica. Buono il sonoro: se i temi musicali sono pochi e non tutti si lasciano apprezzare, il doppiaggio, in italiano, è di tutto rispetto. Infine, parlando di longevità, il titolo offre oltre 140 enigmi. Come detto però alcuni, pochi in realtà, sono molto simili tra loro. Inoltre per portare a termine l’indagine non dovrete risolverli necessariamente tutti. Il gioco quindi offre dalle sette alle dodici ore di intrattenimento, sebbene sia difficile fare delle stime accurate, visto che in base alla vostra abilità potreste finire molto prima, o molto dopo. James Noir’s Hollywood Crimes 3D è un buon  rappresentante del genere. Grazie a una trama ben diretta e uno stile grafico particolare, la produzione Ubisoft dimostra di avere carattere da vendere. Il titolo è consigliato agli amanti dei puzzle game.

GRAFICA: 8
SONORO: 8
GIOCABILITA’: 8
LONGEVITA’: 8
VOTO FINALE: 8

HOT SPOTS:
–   Trama ben diretta

COLD SPOTS:
–    Alcuni enigmi leggermente ripetitivi

Produttore: Ubisoft
Sviluppatore: Ubisoft
Genere: Puzzle

Related Posts

Powered by Calculate Your BMI