Il tempo è un bastardo (e il music business pure)

by • 02/05/2012 • Knowledge is Power, RubricheComments (0)768

Il libro di questa settimana è particolare, rispetto ai soliti che presentiamo. Innanzitutto perché è un romanzo (anche se piuttosto sui generis: ci arriveremo più avanti). Secondariamente, perché non parla di hip hop, ma di industria musicale. Terzo, perché a scriverlo non è stato un musicista, ma una vera e propria scrittrice: Jennifer Egan, che nel 2011 ci ha pure vinto un premio Pulitzer. Si intitola Il tempo è un bastardo, ed è una lettura che vale decisamente la pena intraprendere.

Dicevamo che è un romanzo diverso, rispetto alla media di quelli pubblicati. Non racconta una singola vicenda in maniera lineare, ma un intero mondo. Il vero protagonista è il music business, esplorato da ogni punto di vista: quello del discografico, della sua assistente, del minuscolo gruppo punk adolescenziale, del musicista fallito e dei loro amici, degli amici degli amici e via dicendo. Ogni capitolo è dedicato a un personaggio e a un’epoca storica diversa, ma tutti i personaggi si conoscono e hanno un legame con uno degli altri: sta a voi scoprire con quale. Ognuno di loro è raccontato in maniera diversa, usando uno stile diverso, fino ad arrivare all’estremo vero: la ragazzina dodicenne che tratteggia in modo incredibilmente efficace la sua storia tramite le slide di una presentazione Powerpoint (non è una metafora, sia chiaro: c’è un intero racconto che è proprio da leggere slide per slide).

Leggendo il romanzo, scoprire qualcosa di più sull’industria musicale non è automatico: in realtà quella musicale è più che altro una cornice, ma rende molto bene l’idea della tipologia di personaggi che affollano l’ambiente. Le conclusioni che uno sarebbe portato a trarre sono piuttosto deprimenti, perché l’autrice ritrae un notevole campionario di miserie umane. Ma è un ritratto estremamente verosimile, purtroppo. Pure scritto incredibilmente bene, il che non guasta. E anche se la scena musicale di riferimento di cui si racconta nel libro è quella del punk di San Francisco, è quasi garantito che vi appassionerete alla storia come se fosse ambientata nei block party di Bed Stuy o a Compton.

Jennifer Egan
Il tempo è un bastardo
Minimum Fax
Euro 18,00

Related Posts

Powered by Calculate Your BMI