Il proprietario di 5 Pointz spiega le ragioni della distruzione dei graffiti

by • 20/11/2013 • NewsComments (0)1247

A meno di 24 ore dal disastro di 5 Pointz, in cui decine di pezzi di storia del writing sono stati cancellati da una mano di bianco, parla il proprietario del palazzo, Jerry Wolkoff. In un’intervista rilasciata al New York Magazine (che potete leggere interamente qui) l’imprenditore spiega che è stata una decisione molto dolorosa per lui, quella di distruggere per sempre le opere che per anni avevano impreziosito i muri del suo magazzino abbandonato.

“Mi avevano dato finalmente il permesso di demolire, e sarebbe stato bruttissimo sia per me che per i writer vedere quei muri distrutti un pezzettino dopo l’altro, buttando giù i graffiti con loro. Molto meglio cancellarli, prima di procedere alla demolizione” ha spiegato. Ha aggiunto che la presenza della polizia, che era lì su sua richiesta, era per evitare rivolte e mantenere la situazione pacifica, e ha aggiunto che nei nuovi condomini che costruirà ci saranno numerosi muri appositamente creati per i writer, sul quale potranno esprimersi liberamente. “La street art non è fatta per durare” ha concluso. “Uno fa un pezzo e dopo sei mesi viene cancellato o coperto da un altro pezzo. Era normale che neanche quelli di 5 Pointz durassero per sempre: ci sarà spazio per nuovi graffiti negli edifici che sorgeranno al suo posto, e i writer saranno sempre i benvenuti”. Sarà, ma purtroppo nulla restituirà al mondo e alla città di New York quell’incredibile patrimonio artistico che era rappresentato da quel luogo.

Related Posts

Powered by Calculate Your BMI