Il Primo Templare

by • 23/09/2011 • Rubriche, The Game VaultComments (0)472

Il team di sviluppo Haemimont Games ha confezionato un hack ‘n’ slash con forti contaminazioni GdR, incastonando una ventina di missioni che permetteranno al giocatore di rivivere i passaggi più significativi della storia stessa dei Templari. Nonostante sia possibile gustarsi l’intera campagna in solitario, in cooperativa il titolo di Haemimont Games raggiunge il massimo delle potenzialità. Se non avete amici non preoccupatevi: anche da soli Il Primo Templare resta un titolo estremamente godibile. Il giocatore, infatti, potrà scegliere “liberamente” i personaggi da utilizzare tra quelli presenti in ogni capitolo dell’avventura. A parte Celian, il cavaliere templare armato di scudo e spada, gli altri protagonisti dell’avventura si potranno selezionare di volta in volta. Per esempio, il massiccio Ronald dimostrerà il proprio valore con un enorme spadone a due mani in perfetto stile highlander; la bella Marie, invece, si dimostrerà letale giocando con i suoi simpatici coltelli. Ogni personaggio ha poi le proprie caratteristiche/peculiarità, c’è anche un sistema di crescita delle abilità, che permettono al giocatore di utilizzare un diverso approccio nel completamento delle missioni: è possibile andare allo sbaraglio facendo roteare in aria la propria spada e sparagliando file di nemici, così come è attaccare di soppiatto gli avversari con un atteggiamento “stealth”. Le missioni sono strutturate in modo da costringere il giocatore a variare il proprio approccio strategico. I combattimenti, poi, si rivelano piuttosto impegnativi e divertenti, anche se richiedono un tempestivo sviluppo delle abilità dei personaggi. Nello specifico si parla di combo, parate e poteri magici che si potranno ottenere nelle quasi 60 ramificazioni della schermata delle skill. Un altro parametro da tenere in considerazione nelle scazzottate è la cosiddetta “Furia”: si tratta di una barra d’energia che si riempe durante i combattimenti o ritrovando dei bonus speciali esplorando l’area di gioco. In alcuni degli scrigni sparsi in giro per la mappa troverete potenziamenti di vario tipo e punti abilità: se rovistate bene nelle ambientazioni troverete anche armature e abiti del XIV secolo, oppure imbattervi in stanze segrete e trappole/meccanismi letali. Per quanto riguarda il comparto grafico, texture e modelli poligonali sono di buona fattura. L’Intelligenza Artificiale dei compagni è complessivamente soddisfacente, e dimostra un’insolita versatilità nell’adattarsi allo stile di gioco scelto dal giocatore, visto che si possono impartire ordini anche a distanza. Per le partite in locale, infine, è disponibile anche l’opzione “schermo condiviso”. Per quanto riguarda le richieste hardware, il titolo di Haemimont Games non richiede certo un PC dell’ultima generazione per essere apprezzato pienamente, mentre è da rimarcare l’ottimo lavoro svolto da FX Interactive per quanto riguarda la localizzazione del gioco in lingua italiana. Insomma, se amate i Templari e volete un po’ d’azione in salsa medievale in compagnia di un amico, il titolo di Haemimont Games merita ben più di una chance, considerando anche il prezzo amichevole proposto da FX.

GRAFICA: 8
SONORO: 8
GIOCABILITA’: 8
LONGEVITA’: 8
VOTO FINALE: 8

HOT SPOTS:
–    Ottimo in cooperativa

COLD SPOTS:
–    Un po’ lineare

Produttore: Fx Interactive
Sviluppatore: Haenimont Games
Genere: Action

Related Posts

Powered by Calculate Your BMI