Hotmc proudly presents: Le Classifiche 2018!

by • 31/12/2018 • Articoli, CopertinaCommenti disabilitati su Hotmc proudly presents: Le Classifiche 2018!967

Come ogni anno rieccoci qui a esorcizzare l’anno appena passato con le nostre leggendarie (o tristemente note, a seconda del punto di vista) classifiche di fine anno, che vantano molteplici tentativi di imitazione ma nonostante tutto restano l’unica vera tradizione di capodanno, insieme a quella di indossare mutande rosse e di mangiare lenticchie a mezzanotte. Per chi non conoscesse il meccanismo, è molto semplice: abbiamo bombardato i tre quarti della scena hip hop italiana con pressanti richieste di mandarci una loro classifica di fine anno, idealmente composta dai 10 album preferiti usciti nel 2018, di qualsiasi genere o nazionalità. Naturalmente il bello delle regole è infrangerle, quindi c’è anche chi ha scelto di mandarci molto più (o molto meno) che dieci dischi, chi ha fatto una lista dei singoli, chi ci ha mandato la classifica dei propri momenti preferiti dell’anno, chi quella dei buoni propositi, chi ha fatto un’analisi social, chi una playlist Spotify, eccetera eccetera. Mai come quest’anno siamo pieni di ritardatari, quindi tenete d’occhio questo articolo, perché pian piano aggiungeremo i nomi mancanti. Ah, una piccola nota di metodo, prima delle nostre consuete statistiche di fine anno. Per il 2018 trovate solo due grandi sottosezioni, una per lo staff di Hotmc e l’altra per il resto del mondo, comprensivo di artisti e addetti ai lavori: in una scena in perenne fermento, in cui gli artisti conducono programmi radio e aprono etichette, e gli addetti ai lavori sono anche dj o produttori, abbiamo pensato che fare troppe distinzioni era diventato ridondante.

E ora, un po’ di numeri: il disco internazionale più citato all’interno delle classifiche è senz’altro Daytona di Pusha-T, seguito a ruota da Nasir di Nas; stranamente meno presenti quelli che ci si aspettava vincessero facile, ovvero i vari Travis Scott, Anderson.Paak, Kanye West o Jay-Z e Beyoncé. Per l’Italia, è un’imprevista gara al fotofinish tra due teste di serie: al momento, Memory di Johnny Marsiglia e Big Joe è leggermente più avanti di Playlist di Salmo (ma siccome mancano ancora i ritardatari di cui sopra, vedremo come finirà). I campioni dell’underground, invece, sono praticamente a parimerito Blo/B e Johnny Gioielli (con MOMA) e naturalmente i Colle der Fomento (con Adversus). Grande exploit dell’R’n’B grazie a una carica tutta al femminile guidata da Janelle Monàe, Jorja Smith e Kali Uchis; si registra anche un’ottima performance degli outsider Nu Guinea, con la loro Nuova Napoli. Detto questo, vi auguriamo un nuovo anno pieno di dischi favolosi, momenti favolosi e tutto quello che desiderate. Arrivederci al 2019! (Continua dopo la foto)

Lo staff di Hotmc:

Blumi:

Ogni anno ascolto un disco e mi dico “Questo sì che è una figata, devo segnarmelo per ricordarmi di inserirlo nelle classifiche di fine anno di Hotmc!”. Dopodiché ne ascolto altri venti, trenta, quaranta, cento, duecentottanta, e mi dimentico. Indi per cui non è una top 10 ma una top 15, in ordine casuale, perché ascolto troppi dischi e cambio troppo spesso idea.

Johnny Marsiglia & Big Joe – Memory
Luché – Potere
Mecna – Blue Karaoke
Janelle Monàe – Dirty Computer
Kali Uchis – Isolation
Masego – Lady lady
Colle der Fomento – Adversus
Dutch Nazari – Ce lo chiede l’Europa
Young Fathers – Cocoa Sugar
Rancore – Musica per bambini
Jorja Smith – Lost & found
Anderson.Paak – Oxnard
Pusha T – Daytona
Nas – Nasir
Vince Staples – FM

Premio speciale della critica alla più geniale outsider: Tierra Whack – Whack World

Fabio Festa aka Fugu:

In nessun ordine particolare, i 10 album che ho ascoltato di più quest’anno:

B.E.N.N.Y. The Butcher – Tana Talk 3
Colle der Fomento – Adversus
Crimeapple – Aguardiente
Evidence – Weather or not
Fatima – And Yet It’s All Love
Jericho Jackson – Khrysis & Elzhi Are Jericho Jackson
Jorja Smith – Lost & Found
Pusha T – Daytona
Rosalía – El mal querer
Tom Misch – Geography

Gabriel Marciano:

Ho voluto provare a fare una classifica degli album usciti nel 2018 che per più tempo ho ascoltato, nonostante sapessi che non ne sarebbe uscita la mia playlist ideale. Sia perché avrei voluto ascoltarne e approfondirne altri molto di più, italiani ma soprattutto americani, sia perché alcuni di questi (Rockstar su tutti) li ho ascoltati più per osmosi in compagnia di amici che da solo in cuffietta, sia perché quest’anno ho affrontato quasi tutto ciò che è uscito di nuovo (a differenza di pochi dei lavori elencati) con una certa superficialità, dedicandomi più al ri-ascolto di pezzi e album usciti precedentemente. Questa è, però, la classifica più sincera che potessi fare:

1. Potere – Luché
2. KOD – J Cole
3. Entropia 3 – Egreen
4. Antigravity – Drimer e Ares Adami
5. Leader – Limon Willis
6. Enemy – Noyz Narcos
7. Playlist – Salmo
8. Kamikaze – Eminem
9. Rockstar – Sfera Ebbasta
10. Ring Talk – YEABOi

Goodidea Style:

La classifica 2018 la dedichiamo all’invasione nazionalista del Rap e un premio al miglior progetto artistico.
La destra nel rap non è una cosa nuova, su questo tema si apre un dibattito annoso sulla collocazione di alcuni messaggi e artisti che sicuramente allontana gli estremi ma non ha mai determinato una vera e propria rottura su due correnti antagoniste, almeno fino ad oggi. Si perché in questi ultimi anni il “cambiamento”, o peggioramento, politico internazionale ha infettato, colonizzato, anche alcuni settori dell’arte come appunto la musica, ma non tutta. Il rap è sempre stato estremamente comunicativo, piuttosto incisivo nei messaggi e se vogliamo dirla tutta, soprattutto in Europa, profondamente schierato contro razzismo e fascismo, basti pensare a quello francese. Ma il problema è dietro l’angolo. Si, perché mai come in questi anni il rap è stato più popolare, in costante ascesa nelle classifiche ed è forse questo il tragico destino che spetta nel mainstream quando l’attenzione sul messaggio diventa di fondamentale importanza per la politica. Così capita che il rapper non allineato venga bersagliato dal politico di turno come è successo spesso in questi ultimi mesi anche qui in Italia, vedi Salvini contro Salmo e Ghali.

Ebbene arrivando a noi. Non è di molto tempo fa la notizia del gruppo di Roma Drittarcore sostenuto da CasaPound/Blocco Studentesco e del suo primo video su Youtube che ha sdoganato di fatto il rap di estrema destra in Italia. Ed è da questo episodio che nasce la nostra classifica, che più che una classifica è un osservatorio, un presidio per fare il punto della situazione e vigilare su ciò che sta accadendo al rap di oggi. Soltanto 4 posizioni, 4 esempi per riflettere insieme;

1 – Russia. Putin lancia il Rap di Stato “Se non possiamo fermarlo allora dobbiamo controllarlo”. Questa è la linea di Vladimir Putin dopo che le autorità russe hanno di fatto censurato e bandito il rap. 14 concerti bloccati, 4 artisti detenuti, decine di video censurati. Anastasia Kreslina, vocalist di Ic3peak ha dichiarato “quello di cui il Cremlino ha paura è una Rivoluzione culturale”.

2 – Thailandia. Rap Against Dictatorship è il video di un gruppo di rapper e attivisti che sfida il governo militare che dal 2014 ha soppiantato lo stato di diritto. Il dipartimento di criminalità informatica thailandese, ha bannato la diffusione del video nel Paese, minacciando chiunque condivida il video con una pena fino a 5 anni di reclusione e 3 mila euro di multa. Non era mai accaduto prima.

3 – USA. Kanye West pro-Trump. Non potevano non aggiungere tra i fatti peggiori accaduti al rap nel 2018 quello che purtroppo rappresenta al meglio o al peggio la schizofrenia da contagio. Un monologo di dieci minuti, un cappellino rosso con la scritta «Make America Great Again», poi abbracci, pacche sulle spalle e la frase «rappresenta il bene e un’America di nuovo unita».

4 – Italia. Anastasio e i “like” a Salvini e Casapound. Anastasio, per chi non lo sapesse è il vincitore dell’ultima edizione italiana di X Factor, per diverse settimane è stato al centro di un dibattito sulla sua posizione a destra riferibile alle sue attività sui social network. La cosa non è passata inosservata a Salvini che non ha perso tempo nel complimentarsi con il rapper per la sua vittoria aggiungendo “La musica non ha colori né confini”. Di certo sappiamo che se a dirlo è il leader di un partito al potere di estrema destra, razzista e xenofobo il significato assume dei contorni estremamente inquietanti.

Infine il premio come miglior progetto artistico 2018 lo diamo a GreyArea del collettivo Subset che dopo aver lavorato dal 2017 alla realizzazione della Carta per la tutela e promozione di arte pubblica hanno raccolto più di 30mila euro in favore dei senza tetto di Dublino con una mostra di street art.

Haile Anbessa:

Sting & Shaggy – 44/876
Never Ending – Beres Hammond
Free Rein – Rebelution
Everyday Life, Everyday People – Slightly Stoopid
Iration – Iration
Still Standing (EP) – Vanessa Bling
Stony Hill – Damian “Jr. Gong” Marley
Forever – Popcaan
Rebellion Rises – Ziggy Marley

Luca Scremin:

Pusha T – Daytona
Brockhampton – Iridescence
Young Fathers – Cocoa Sugar
A.A.L. – 2012-2017
Kali Uchis – Isolation
Janelle Monae – Dirty Computer
Blood Orange – Negro Swan
Teyana Taylor – K.T.S.E.
Colle Der Fomento – Adversus
Tedua – Mowgli
Nu Guinea – Nuova Napoli

Luca Stardust:

1. Musica Per Bambini- Rancore
2. Automata I & II- Between The Buried And Me
3. Mowgli- Tedua
4. Playlist- Salmo
5. Where Owls Know My Name- Rivers Of Nihil
6. Lo Spirito Che Suona- Corveleno
7. Vortex- Toundra
8. Cosmic Blues- Black Elephant
9. Aethra- Gorod
10. Shardana- En?gma

Pietro Mantovani:

1. Jorja Smith – Lost & found
2. Nipsey Hustle – Victory lap
3. A.A.L. – 2012-2017
4. 070 Shake – Glitter
5. Rosalía – El mal querer
6. Fatima – And yet it’s all love
7. Colle der fomento – Adversus
8. Kali Uchis – Isolation
9. Nu guinea – Nuova Napoli
10. AAVV – We out here

Riccardo Primavera:

Anche quest’anno non si tratta di una classifica nel senso stretto del termine, quanto più di un elenco dei progetti che ho ascoltato di più nel 2018. 10 italiani e 10 stranieri, escludendo per ovvie ragioni tutti gli artisti con i quali ho lavorato. Con l’ovvia consapevolezza che qualcosa me lo sto sicuramente dimenticando.

ITA

Potere – Luchè
Mowgli – Tedua
Enemy – Noyz Narcos
Memory – Johnny Marsiglia & Big Joe
Playlist – Salmo
Angelo – Vale Lambo
68 – Ernia
Corpus: l’amore sopra – Axos
Supereroe – Emis Killa
No Comment – Nitro

USA

Daytona – Pusha-T
Astroworld – Travis ScottTesting – ASAP Rocky
Not All Heroes Wear Capes – Metro Boomin
Vacation In Hell – Flatbush Zombie
Championships – Meek Mill
Drip Harder – Lil Baby & Gunna
Kids See Ghosts – Kids See Ghosts
TA13OO – Denzel Curry
The World Is Yours – Rich The Kid
? – XXXTentacion

 

Il resto del mondo (artisti e addetti ai lavori):

Antonio Solinas (Canteen of the Deranged):

Siccome a fine anno stavolta mi sento stranamente buono, provo a fare una top 10 di album/EP rap-oriented che potevano avere maggior rilevanza perché meritano. Magari alcuni di questi hanno avuto più rilevanza di quello che credo io, but regardless…

Solinas’ top 10 of underrated rap stuff in 2018

Action Bronson – White Bronco
Homeboy Sandman & Edan – Humble Pi
Mach Hommy – Bulletproof Luh
Benny – Tana Talk 3
Dark Lo & V Don – Timeless
Elcamino – Walking On Water
The Audible Doctor – Soul Slaps Vol. 4
Knowledge The Pirate – Flintlock
G Perico – Guess What?
Ffiume + Clas K – Underlife

Ape:

1 J Cole KOD
2 Nipsey Hussle VICTORY LAP
3 Everlast WHITEY FORD’S HOUSE OF PAIN
4 Jay Rock REDEMPTION
5 Bun B RETURN OF THE TRILL
6 Pusha T DAYTONA
7 Nas NASIR
8 Jelly Roll e Struggle Jennings WAILON AND WILLIE 2
9 T. I. DIME TRAP

Apoc:

1.MOMA – Blo/B & Gioielli
2.1978 – Ape
3.3MG – Lord Madness
4.Playlist- Salmo
5.Drimer & Ares Adami – Antigravity
6.Focus – JayVas
7. Blakk Tape – Conway
8. Bread- The Alchemist
9. FETTI – Currensy Freddie Gibbs & The Alchemist
10. Lunch Meat – The Alchemist

Avatar (HHabitat Records)

#BestRapAlbums2018, in ordine casuale

• Buddy – Harlan & Alondra
• Nipsey Hussle – Victory Lap
• Anderson .Paak – Oxnard
• Waltaa – Lose Control
• MED & Guilty Simpson – Loyalty
• Mick Jenkins – Pieces Of A Man
• Mac Miller – Swimming
• Freddie Gibbs – Freddie
• Rejjie Snow – Dear Annie
• J Cole – KOD

Blo/B:

1 Pusha T “Daytona”
2 Crimeapple & Big Ghost “Aguardiente”
3 Conway “Blakk Tape”
4 Rome Streetz “Street Pharmacy”
5 El Camino “Walking on Water”
6 Roc Marciano & Dj Muggs “Kaos”
7 Al Divino X Estee Nack “Akira on Acid”
8 The Alchemist “Fork in the pot/94 Ghost Shit” 12″
9 West Side Gunn “Supreme Blientele”
10 Nipsey Hussle “Victory Lap”

Disco ITA 2018: JM & Big Joe “Memory”

Traccia USA 2018: Rome Streetz “2 feet left”
Traccia ITA 2018: Luche “Al mio fianco”

Bomber Citro (Massima Tackenza):

1 dutch nazari – ce lo chiede l’europa
2 johnny marsiglia e big joe – memory
3 blo/b e johnny gioielli – moma
4 noyz narcos – enemy
5 cor veleno – lo spirito che suona
6 salmo – playlist
7 johnny gioielli – ybs
8 la coppia toni meola e alberto gottardo.

Cristiana Fresh Lapresa (La Casa Del Rap / Billboard):

1. Colle Der Fomento – Adversus
2. Cor Veleno – Lo spirito che suona
3. The Carters – Everything is love
4. Cardi B – Invasion of privacy
5. Salmo – Playlist
6. Anderson .Paak – Oxnard
7. Eminem – Kamikaze
8. Johnny Marsiglia & Big Joe – Memory
9. Travis Scott – Astroworld
10. Achille Lauro – Pour l’amour

David Nerattini (La Batteria / RBMA Radio):

Anche per quest’anno ho fatto una playlist di Spotify, la ascoltate qui.

Davide Boifava (Beat Torrent):

Il 2018 che se ne possa dire è stata un’annata fruttuosa per il rap italiano. I ritmi di uscita serrati probabilmente non hanno concesso le adeguate finestre temporali per goderseli e ponderarli uno ad uno. Nonostante le tempistiche attillate ci sono dei progetti a cui mi sono affezionato, che si sono distinti dall’infinita offerta musicale e che ci tengo portare nel 2019:

Italia:
– Tedua – Mowgli
– Ernia – 68
– Johnny Marsiglia e Big Joe – Memory
– Blo/B e Gionni Gioielli – MoMa (bonus slot)

U.S.A:
– J. Cole – KOD
– Nas – Nasir
– Kevin Gates – Luca Brasi 3
– 21 Savage – i am > i was (bonus slot)

Davide Shorty:

Mac Miller – Swimming
Johnny Marsiglia & Big Joe – Memory
SiR – November
Common, Robert Glasper, Karriem Riggins – August Greene
J. Cole – KOD
Joe Armon Jones – Starting Today
Noname – Room 25
Tom Misch – Geography
Anderson .Paak – Oxnard
Cor Veleno – Lo Spirito Che Suona
Smino – NOIR
Children of Zeus – Travel Light
Pusha T – DAYTONA
Nu Guinea – Nuova Napoli
R+R=Now – Collagically Speaking
Nas – NASIR

DJ Leva57 (Rock Steady Crew)

ALBUM:

Q-Unique – The Mechanic
Kool G Rap & 38 Spesh – Son of G Rap
Czarface & DOOM – Czarface Meets MetalFace
Masta Ace & Marco Polo – A Breukelen Story
Evidence – Weather Or Not
A$AP Rocky – Testing
Mac Miller – Swimming
Various – Napoli Segreta Vol.1

SINGOLI:

Amber Mark feat DRAM – Put You On
Amir Issaa – Quando Hai Perso Tutto

Elena Exena (Rapologia):

Classifica in ordine sparso dei miei dischi preferiti usciti nel 2K18:

Apollo brown with Joell Ortiz – Mona Lisa
Colle der fomento- Adversus
Salmo – Playlist
Ernia – 68
Mecna – Blue karaoke
XX tentation – ?
Ape – The Leftovers
Johnny Marsiglia e Big Joe – Memory
Method Man – The Meth Lab
Apathy – Widow’s Son

E per non dimenticare uno dei live più emozionanti dell’anno: Eminem – Revival Tour

Federico Sardo:

SOPHIE – OIL OF EVERLY PEARL’S UN-INSIDES
LOW – DOUBLE NEGATIVE
AUTECHRE – NTS SESSIONS
COLLE DER FOMENTO – ADVERSUS
EARL SWEATSHIRT – SOME RAP SONGS
JULIA HOLTER – AVIARY
SENYAWA – SUJUD
DAUGHTERS – YOU WON’T GET WHAT YOU WANT
SONS OF KEMET – YOUR QUEEN IS A REPTILE
LONNIE HOLLEY – MITH

Filippo Giorgi aka dj Filo:

1) Blood Orange “Negro Swan”
2) 6Black “East Atlanta Love Letter”
3) Bishop Nehru “Elevators: Act I”
4) Black Milk “Fever”
5) Drake “Scorpion”
6) Jorja Smith “Lost & Found”
7) Kali Uchis “Isolation”
8) Masta Ace & Marco Polo “A Breukelen Story”
9) Prophet “Wanna Be Your Man”
10) Stefflon Don “Secure”

Francesco Paura:

1) Tobe Nwigwe – The Originals (+ More Originals)
2) Son Lux – Brighter Wounds
3) Anderson .Paak – Oxnard
4) Teyana Taylor – K.T.S.E.
5) Pusha T – Daytona
6) Blo/B & Gioielli – MoMa
7) Rome Streetz & Farma Beats-Street Pharmacy
8} Jay Vas – Focus
9) Swizz Beatz – Poison
10) Crimeapple & Big Ghost Ltd – Aguardiente

Francesco Zendri (Rapburger):

Mi sono affidato al mio iPod per elencare i dischi che ho ascoltato di più in questo 2018. Di seguito la motivazione per la quale ho scelto i miei dischi preferiti per ciascuna categoria e le rispettive top 5.

Ho scelto Pusha T per il suo rap essenziale e senza fronzoli, strabordante di barre e personalità; i Colle Der Fomento perché hanno realizzato un disco maturo e senza tempo, che mette al centro il rap come esigenza di esprimere sé stessi; Kali Uchis per il suo talento e la sua versatilità; gli Arctic Monkeys perché hanno avuto il coraggio di esplorare nuovi lati del loro stile, creando un disco che stupisce per armonia e classe.

Rap Usa/UK
5) Kids See Ghosts-Kids See Ghosts
4) Mac Miller-Swimming
3) V.A.-Black Panther: The Album
2) Evidence-Weather or not
1) Pusha T-Daytona

Rap Italia
5) Ketama 126-Rehab
4) Johnny Marsiglia & Big Joe-Memory
3) Noyz Narcos-Enemy
2) Luché-Potere
1) Colle der Fomento-Adversus

R&B/Soul
5) Anderson Paak-Oxnard
4) Alina Baraz-The Color Of You
3) Masego-Lady Lady
2) Empress Of-Us
1) Kali Uchis-Isolation

Altro
5) Joan Thiele-Tango (Pop)
4) Nu Guinea-Nuova Napoli (Jazz/Funk)
3) Riccardo Sinigallia-Ciao Cuore (Pop/Cantautorato)
2) Rosalia-El Mal Querer (Pop)
1) Arctic Monkeys-Tranquility Base Hotel Casino (Rock)

Frank Sativa:

2018:
Più di 100 date in tutta Italia
(alcune di queste rimarranno per sempre)
Primo maggio a Roma
Sziget Festival
New York
Barcellona
Parigi
Un disco andato in ristampa
Premio Carlo U Rossi
Premio Tenco
Apertura al socio Anderson Paak
Sono diventato di nuovo “zio”
Conosciuto Artisti e persone davvero incredibili.

Sarà davvero difficile replicare..ma anche sticazzi!
Buon anno a Tutti!

Freshbeat:

Top 10 Album 2018

– Travis Scott – Astroworld
– J.I.D. – diCaprio 2
– Nipsey Hussle – Victory Lap
– Jay Rock – Redemption
– Meek Mill – Championship
– Apollo Brown & Joell Ortiz – Mona lisa
– Cozz – Effected
– TDE – Black Panther The Album
– Flatbush Zombies – Vacation in Hell
– Dave East & Styles P – Beloved

Top 5 Album Italiani

– Salmo – Playlist
– Johnny Marsiglia & Big Joe – Memory
– Ernia – 68
– Tedua &Chris Nolan – Mowgli
– Noyz Narcos – Enemy

Menzione speciale dovuta:

Drimer & Ares – Antigravity

Friz:

Una lista estemporanea e in ordine casuale di una manciata dei dischi che ho ascoltato maggiormente in questo 2018.

Steve Lacy – Steve Lacy’s Demo
King Krule – The Ooz / Live on the moon
Funk Shui Project – Terapia di gruppo
Young Fathers – Cocoa Sugar
Jorja Smith – Lost & Found
Mount Kimbie – Love What Survives
Godblesscomputers – Solchi
Earl Sweatshirt – Some rap songs
Dutch Nazari – Ce lo chiede l’Europa
Puma Blue – Blood Loss EP
Johnny Marsiglia & Big Joe – Memory
Teyana Taylor – K.T.S.E.
Rejjie Snow – Dear Annie
Mac Miller – Swimming
Kanye & Kid Cudi – Kid See Ghosts

Giorgio Valletta (Radio Raheem / Rumore):

1. KALI UCHIS – AFTER THE STORM
2. MOODYMANN – PITCH BLACK CITY REUNION (EP)
3. MORMOR – HEAVEN’S ONLY WISHFUL
4. AMBER MARK – CONEXÃO (EP)
5. APHEX TWIN – COLLAPSE (EP)
6. TIRZAH – GLADLY
7. RICCARDO SINIGALLIA – NIENTE MI FA COME MI FAI TU
8. ROSS FROM FRIENDS – JOHN CAGE
9. SOPHIE – FACESHOPPING
10. LIBERATO – ME STAJE APPENNENN’ AMÒ

Giuseppe Uait Tosto (La Casa Del Rap):

ITA
1- Tedua: Mowgli
2: Sfera Ebbasta: Rockstar
3- Ernia: 68
4: Luché: Potere
5: Johnny Marsiglia & Big Joe: Memory

USA
1: Travis Scott: Astroworld
2: Pusha T: Daytona
3: A$ap Rocky: Testing
4: Kids see Ghosts
5: XXXTentacion: ?

Il Rap è La Mia Strada:

Per questa Top 2018 ci siamo lasciati guidare da Instagram, chiedendo al sito BestNine2018 i 9 post, appunto, che hanno ricevuto più like sul social ormai dominante.
Un campione abbastanza nutrito, con i follower ormai oltre i 100mila e più di 8 milioni di like totali possono dare un’idea piuttosto rilevante su ciò che è piaciuto e ha appassionato durante l’anno appena concluso.

I 9 post, anche a impatto visivo, dicono una cosa solo, anzi, un chi: Salmo.
6 su 9 sono legati al rapper olbiese, per rendersi conto – ce ne fosse bisogno – che il suo è stato un 2018 pazzesco, soprattutto in special modo da novembre in poi.
Due foto di Salmo travestito da barbone, la sua Ho Paura di Uscire rifatta a Radio 105 e poi uscita ufficialmente come remix, un meme ironico, sempre sulla stessa traccia.
Ma soprattutto un video in cui Salmo ricorda le vittime di Corinaldo in un toccante e profondo discorso durante un concerto.

Salmo, abbiamo detto, e poi?
Poi due contenuti sono legati a Eminem, un altro meme ironico e un video editing che scherza su tutti i dissing di Kamikaze.

L’ultimo post è una presa per il culo, invece. Ma ci siete cascati in tantissimi.

Dicevamo, quindi, Salmo ed Eminem. Riassumendo il rap in Italia si potrebbe dire che questo è stato il loro anno.
Il concerto di Slim Shady a Milano ha rappresentato un evento epocale, l’uscita di Playlist, il suo prima e il suo dopo hanno invece indicato chiaramente il potere di Salmo e la bontà, spontaneamente cercata, delle sue operazioni di marketing che a nulla,però, servirebbero senza un album di assoluta qualità come è Playlist.

Manca un decimo post, che però vuole essere un complimento e un augurio a tutte le pagine/siti/realtà di settore.
Ci siamo sbattuti come i pazzi per creare, riportare, far ridere, far commuovere, informare, svagare e intrattenere, senza che ne venga poi in tasca chissà cosa.
Se il rap in Italia nel 2018 ha avuto la risonanza che finalmente meritava, forse, un po’ di questo merito è anche vostro, nostro.
Bravi tutti!

Ill Mure:

1 colle del fomento
2 cor veleno
3 salmo
4 ernia
5 noyz narcos

Koki (Rapburger / Pluggers / Radio Raheem):

Le più belle sorprese del 2018

Gionni Gioielli
Speranza
Massimo Pericolo
Pepito Rella
Kappa O
Tha Supreme
Lele Blade
Venerus
Dola
Gianni Bismark

LNDFK:

Top 10 Album

– Ambrose Akinmusire – Origami Harvest
– Louis Cole – Time
– R+R=NOW – Collagically Speaking
– Nyeusi – Nyeusi
– Joe Armon-Jones – Starting Today
– Mac Miller – Swimming
– Common, Robert Glasper, Karriem Riggins – August Greene
– James Francies – Flight
– Sweet Joseph – Friends Forever EP
– your best friend jippy- BEAT TAPE 20

10 Singoli pubblicati nel 2018 e singoli estratti da dischi di artisti che comunque mi sento di suggerire:

– Davin Morrison – Ayako
– Jerry Paper – Grey Area
– Zack Villere – 190
– Kaiit – OG Luv Kush pt.2
– Alt J, Terrace Martin, GoldLink – Last Year
– MNDSGN, Rejoicer – Purple T Shirts
– Noname, Ravyn Lenae- Mantego Bae (Room 25)
– Saba – CALLIGRAPHY (CARE FOR ME)
– Rejjie Snow, Cam O’Bi- Pink Lemonade (Dear Annie)
– XXXTENTACION – Hope (?)

Macro Marco:

Evidence – Weather Or Not
XXXTentacion – ?
J. Cole – KOD
Pusha T – Daytona
Jorja Smith – Lost & Found
Nas – Nasir
Masta Ace & Marco Polo – A Breukelen Story
Royce da 5’9” – Book of Ryan
Colle Der Fomento – Adversus
Salmo – Playlist

Mad Buddy

Gli ascolti del 2018 in una Top 16. Nessun ordine particolare, fatta eccezione per la prima posizione.

Mac Miller – Swimming
Saba – Care for Me
J. Cole – KOD
SiR – November
Buddy – Harlan & Alondra
Blood Orange – Negro Swan
Tierra Whack – Whack World
The Internet – Hive Mind
Kamaal Williams – The Return
Potatohead People – Nick & Astro’s Guide to the Galaxy
Tom Misch – Geography
Julien Dyne – Teal
Phonte – No News Is Good News
Black Thought – Streams of Thought vol. 1&2
Evidence – Weather or Not
Riccardo Sinigallia – Ciao Cuore

Mastino:

Sparsi per il 2018:

– Ghostface Killa: The Lost Tapes
– Evidence: Weather or Not
– Soul Assassins: El Dia del Asesinado
– Blo/b × Gioielli: MOMA
– Elzhi & Khrysis: Jericho Jackson
– Benny the Butcher: Tana Talk 3
– Pharoahe Monch x Lil Fame: 24 hours
– Masta Ace x Marco Polo: A Breukelen Story
– Johnny Marsiglia x Big Joe: Memory
– Alchemist: Lunch Meat

In omaggio anche la lista dei 10 buoni propositi per l’anno nuovo:

– dedica più tempo a chi ti vuole bene
– chiudi dischi
– impara e studia ogni giorno qualcosa di nuovo
– fatti pagare il giusto
– compra più vinile
– fai di più all’Ammore
– scrivi di più e meglio
– centellina le collabo
– migliora la qualità della tua vita (non ti incazzare, lavora in maniera gratificante, evita la musica demmerda)
– mettiti al primo posto senza lasciare dietro gli altri

Matteo Fini (Hano):

Nonostante quest’anno ci sia stata un’orgia di release mi riesce difficile trovare 10 album da segnalare… ho scorso i miei save in Spotify e segnalo le 12 canzoni che ho ascoltato più di una volta, che già è un bel lusso!
Eccole (in ordine temporale inverso di salvataggio non di preferenza o ascolto…):

Yem – Milky Way
Chadia feat Jake – 3G
Boro Boro – Rapper Gamberetti
Sfera – Pablo
Shade – Irraggiungibile
FDP – D’estate non vale
Gue – Babysitter
Gioielli – Gualtiero Marchesi
Marracash feat Rkomi – Business Class
Gemitaiz feat Gue – Tanta roba anthem
Plaza – Giovane fuoriclasse
Madman – Niente proprio

Matteo Quaresmini (Rapologia):

La classifica dei miei 10 brani preferiti del 2k18.

1. Passione – Johnny Marsiglia & Big Joe
2. Mona Lisa – Lil Wayne ft. Kendrick Lamar
3. Replica – Don Diegoh & Macro Marco
4. Sangue Di Drago – Rancore
5. Niente In Cambio – Cor Veleno ft. Giuliano Sangiorgi & Roy Paci
6. Santeria – Pusha T
7. Nostargia – Colle Der Fomento
8. Iron Maiden – Axos
9. Ottolenghi – Loyle Carner
10. Pretty Little Fears – 6lack ft. J.Cole

Mardoch (Ciemme / Represent su RSI Rete Tre):

Pusha T – Daytona
Nipsey Hussle – Victory Lap
Black Milk – Fever
Nas – Nasir
The Carters – Everything Is Love
Colle Der Fomento – Adversus
Conway – Blakk Tape
Westside Gunn – Hitler Wears Hermes 6
El Camino – Walking On Water
Evidence – Weather Or Not

Moder:

Il mio 2018

La nuova arrivata Adele
J. Cole
Pusha T
Gli Avengers
Under festival 5
J.m. e Big Joe
Il tamburo di latta
La foto con Talib Kweli
Blo/b e Gioielli
L’aver conosciuto i dischi di Russ e Cozz
E aver fatto un pezzo con Forelock e Alien Army
Luché
Il ritorno di Don Diegoh
Salmo e come da sempre Paolo Conte, Leonard Coen, Tom Waits

Nutty Dub (Funk Shui Project):

In ordine sparso ecco i miei dischi preferiti del 2018. Pur non disprezzando appieno il nuovo fenomeno della trap, preferisco altri suoni e mi ritengo molto soddisfatto dell’annata trascorsa, tra influenze funk, hip hop fatto bene, qualche sorpresa nella bossa nova e perché no, qualche colpo di cassa dritta.

James Vickery: Until morning
Mac Miller: Swimming
Tom Misch: Geography
Children of Zeus: Travel light
Westside Gunn: Supreme blientele
Nu Guinea: Nuova Napoli
Durand Jones & The Indications: Durand Jones & The Indications
Masta Ace & Marco Polo: A Breukelen story
Disclosure feat. Fatoumara Diawara: Ultimatum
Jessica Lauren: Almería

Odeeno:

I dischi che più mi sono piaciuti nel 2018:

1: Mac Miller – Swimming
2: Illa j – John Yancey
3:Anderson Paak – Oxnard
4: Cavalier – Private Stock
5: Nas – Nasir
6: Freddie Gibbs – Freddie
7: Kiefer – Happy Sad
8: August Greene – August Greene
9: Noname – Room25
10: Knxwledge – Gladwemet

Paolito / Litothekid:

Substrato Studio
Via d’Oggiono
Frecciarossa
Gamma Institute
Laigueglia
Emma
Cecilia
Matilda
16/12
Tortoreto
DSI Mopho x4

Populous:

Yialmelic Frequencies
“Yililok” Tommy Cash
“¥€$” Planningtorock
“Powerhouse” Low
“Double negative”
Mac Miller “Swimming”

Raffaele Lauretti (Moodmagazine / La Casa Del Rap / Rockit):

Amici miei, quest’anno eccoci con il #LISTONE: non so quanti sono, ma questi sono i titoli che mi sento di suggerirvi senza conflitto d’interessi alcuno.

Jon Hassell – Listening to pictures
Kids See Ghosts – Kids See Ghosts
Calibro 35 – Decade
Beach House – 7
Maisie – Maledette Rockstar
Janelle Monae – Dirty Computer
Richard Russell – Everything’s recorded
Crookers – Crookers Mixtape: quello dopo, quello prima
Kali Uchis – Isolation
Nu Guinea – Nuova Napoli
Robert Glasper x Kaytranda – The Artscience rmxs
Noyz Narcos – Enemy
Asap Rocky – Testing
Luche – Potere
Lou Phelps – 002/Love Me
Yazmin Lacey – When The Sun Dips 90 Degrees
Noname – Room25
6lack – East Atlanta Love Letter
Smino – Noir
FFiume & Clas K – Underlife
Jpegmafia – Veteran
Baseball Gregg – Sleep
serpentwithfeet – Soil
Raffaele Casarano – Oltremare
J Balvin – Vibras
Shuta Hasunuma – 2 tone
Thievery Corporation – Treasures From The Temple
Earl Sweatshirt – Some Rap songs
Against All Logic – 2012-2017

Railster:

Italiani:
Belize – Graffiti
Gue – Sinatra
Calibro 35 – Decade
Dutch Nazari – Ce Lo Chiede L’Europa
Gionni Gioielli – Young Bettino Story
Nu Guinea – Nuova Napoli
Noyz – Enemy
Cosmo – Cosmotronic

Esteri:
1) Migos – Culture II
2) Flohio – Wild Yout
3) Drae Da Skimask – Surrealizm
4) Stefflon Don – Secure
5) The Internet – Have Mind
6) Pusha T – Daytona

Rapmaniacz:

I dieci dischi di Rapmaniacz, in nessun ordine particolare.

Roc Marciano & Dj Muggs – KAOS
Colle Der Fomento – Adversus
Masta Ace & Marco Polo – A Breukelen Story
Rancore – Musica Per Bambini
Blo/B & Gionni Gioielli – MoMa
Pusha T – Daytona
Royce Da 5’9’’ – Book Of Ryan
Evidence – Weather Or Not
Cypress Hill – Elephants On Acid
Skyzoo – In Celebration Of Us

10/bis: i due EP di Black Thought

Silla Dddictator:

Wsg, Supreme Blientele
Conway, Blakk Tape
38 Spesh & Benny, Stabbed&Shot
Benny The Butcher, Tana Talk 3
Jangy Leeon & Weirdo, Eldorado
Lanz Khan, Medusa
Roc Marciano, RR2: The bitter dose
Pusha T, Daytona
Roc Marciano, Behold a dark horse
Knowledge the pirate, Flintlock

Silvia Nasty (Bullz Records / Contaminazione Hip Hop):

2018’s Rookies of the Year (in no particular order)
• Kaiit
• Leikeli47
• Lil Baby
• Maxo Kream
• Massimo Pericolo
• Nicolaj Serjotti
• Sheck Wes
• Silent Bob
• Speranza
• Tobe Nwigwe

Smania Uagliuns:

Kids see ghosts – Kid Cudi & Kanye West
Testing – A$AP Rocky
Virtue – The Voidz
Lil Wayne – Tha Carter V
Little Dark Age – MGMT
Tranquility Base Hotel & Casino – Arctic Monkeys
Cocoa Sugar – Young Fathers
Jack White – Boarding House Reach
Joria Smith – Lost & Found
Anderson .Paak – Oxnard
Prince – Piano & A Microphone 1983
Janelle Monae – Dirty Computer
Muse – Simulation Theory
Mina – Paradiso (Lucio Battisti Songbook)
Yves Timor – Safe In The Hands Of Love


Sonakine:

Voodoo Tapes – Brightest pyre ever
Nas – Nasir
Fatima – And Yet It’s All Love
Nu Guinea – Nuova Napoli
MED & Guilty Simpson – Loyalty
Freddie Gibbs – Freddie
Anderson .Paak – Oxnard
Kamaal Williams – The Return
Various – Napoli Segreta Vol.1
Naif – Flowers

Stefano Eiefzee:

ALBUM CHE FA BENE ALL’ANIMA
Tom Misch – Geography

ALBUM DA ASCOLTARE IN REPEAT
Noname – Room 25

ALBUM FICO CHE TE LA PUOI TIRARE CON I TUOI AMICI PERCHÈ SARAI IL PRIMO A CONOSCERLO
Lucky Daye – I

ALBUM CHE CE NE VORREBBERO DI PIÙ DI COSÌ
Otis Junior & Dr.Dundiff – Cool

ALBUM CHE ANDATE A SENTIRE I FIGÙRA DAL VIVO E COMPRATE I LORO DISCHI
Figùra – Place To Be

ALBUM “VACCABOIA!!”
Dorian Concept – The Nature of Imitation

ALBUM CHE NON CAPISCO PERCHÈ PHONTE SIA COSÌ SOTTOVALUTATO
Phonte – No News Is Good News

ALBUM CHE VIVA L’ESTATE
Kali Uchis – Isolation

ALBUM DI MUSICA CHE TI FA SPALANCARE GLI OCCHI ED ABBASSARE GLI ANGOLI DELLA BOCCA A MO’ DI STUPORE
Potatohead People – Nick & Astro’s Guide to the Galaxy

ALBUM DA ASCOLTARE CON LE CUFFIETTE
Generic Animal – Generic Animal

ALBUM CHE TI FA FARE I BALLETTI SCEMI MENTRE FAI LE PULIZIE A CASA CHE SE LI FACESSI IN DISCOTECA SARESTI IL RE DELLA SERATA
Lou Phelps – 002 / LOVE ME

ALBUM CHE CREDI DI AVER ASCOLTATO SOLO TU E INVECE LO CONOSCONO QUASI TUTTI E SE ALLORA NON L’HAI ANCORA ASCOLTATO TI CONVIENE ASCOLTARLO ALTRIMENTI SAI CHE FIGURACCE CHE CI FAI IN GIRO
Rosalía – El Mal Querer

ALBUM DA FINESTRINI DELLA MACCHINA ABBASSATI E VOLUME AL MASSIMO
Achille Lauro – Pour l’amour

ALBUM DA SALTI SULLA SEDIA E MANI NEI CAPELLI
Anomalie – Métropole Part II

Altri esempi di album molto belli:
Rejjie Snow – Dear Annie
Nao – Saturn
Saba – CARE FOR ME
H.E.R. – I Used To Know Her (The Prelude + Part 2)

Supa Cush (CDB):

01 Testing – A$ap Rocky
02 Kamikaze – Eminem
03 Victory lap – Nipsey Hussle
04 SKINS – XXXTentacion
05 Naga – B.O.B.
06 Millebirre Mixtape – Supa&Kuno
07 Davide – Gemitaiz
08 Crookers Mixtape Quello Prima Quello Dopo – Crookers
09 Enemy – Noyz Narcos
10 The Leftovers – Ape

The Gavdio:

THE GAVDIO OFFICIAL CHARTS ALBUM 2018

USA
1) DAYTONA – PUSHA T
2) SUPREME BLIENTELE – WESTSIDE GUNN
3) HITLER WEARS HERMES 6 – WESTSIDE GUNN
4) BLAKK TAPE – CONWAY
5) TESTING – A$AP ROCKY
6) THE WEEKND – MY DEAR MELANCHOLY
7) SCORPION – DRAKE
8) CRITIQUE O’ JUDGEMENT – KOOL A.D.
9) ? – XXXTENTACION
10) BEERBONGS & BENTLEY – POST MALONE
11) WHITE BRONCO – ACTION BRONSON

ITALIA
1) POTERE – LUCHE’
2) POPSTAR – SFERA EBBASTA
3) SINATRA – GUE’ PEQUENO
4) MOWGLI – TEDUA
5) 20 – CAPOPLAZA
6) MOMA – BLO/B & GIONNI GIOIELLI
7) DARK POLO GANG – TRAP LOVERS
8) MEMORY – JOHNNY MARSIGLIA
9) SICKSIDE – DARK POLO GANG
10) PEZZI – NIGHT SKINNY
11) MEZZANOTTE – GHEMON

Tommaso Biagetti (Undamento):

DISCHIDI? 2018
MAC MILLER – SWIMMING
YOUNG FATHERS – COCOA SUGAR
FRANCESCO DE LEO – LA MALANOCHE
PUSHA T – DAYTONA
CALCUTTA – EVEEGREEN

HITTEDI? 2018
DUNNO – MAC MILLER
SAINT – BLOOD ORANGE
HEROIN CHIC – FRANCESCO DE LEO
KIWI – CALCUTTA
KIDS TURNED OUT FINE – A$AP ROCKY
THE MINT – EARL THE SWEATSHIRT
BEBEY – THEOPHILUS LONDON
MON AMOUR – REJJIE SNOW
NOID – YVES TUMOR
ERRORE ROMANTICO – I CAMILLAS
BURBANK FUNK – THE INTERNET
LADY BOSTON – THE GOOD THE BAD & THE QUEEN

HITTEDI? RIPESCATE DAL PASSATO
WHERE DID YOU SLEEP LAST NIGHT? – WZRD
EVERYBODY’S GOTTA LIVE – ARTHUR LEE
ACCORDION – MADVILLAIN
HOLLYWOOD FOREVER CEMETERY SINGS – FATHER JOHN MISTY
AFTER LAUGHTER (COMES TEARS) – WENDY RENE

ARTISTI DELL’ANNO INDIPENDENTEMENTE DA TUTTO
KID CUDI / KING KRULE / FRANK OCEAN

Toni Meola (Moodmagazine):

ITALIA
Johnny Marsiglia – Memory (cerebrale)
Blo/B – MoMa (coerente)
Gionni Gioielli – Young Bettino Story (contagioso)

RESTO DEL MONDO
Westside Gunn – Supreme Blientele (sprezzante)
Pusha-T – DAYTONA (intenso)
Nipsey Hussle — Victory Lap (autentico)
Evidence – Weather Or Not (rassicurante)
​J. Cole – KOD (esistenziale)

Yojimbo:

I miei dieci dischi dell’anno:

1. 6LACK – East Atlanta Love Letter
2. John Coltrane – Both Directions At Once: The Lost Album
3. Preme – Light of Day
4. Saba – CARE FOR ME
5. Drake – Scorpion
6. Tory Lanez – LoVE me NOw
7. J. Cole – KOD
8. The Carters – EVERYTHING IS LOVE
9. Travis Scott – ASTROWORLD
10. Noname – Room 25

In ordine sparso, le mie dieci canzoni dell’anno (che non sono contenute nei miei dieci dischi dell’anno):

H.E.R. ft. Bryson Tiller “Could’ve Been”
Anfa Rose “I’m Good”
Kanye West ft. Kid Cudi, 070 Shake “Ghost Town”
J.I.D. “151 Rum”
The Internet – il passaggio tra la coda di “Mood” e “Next Time/Humble Time”
August Greene – “Aya”
Kendrick Lamar – “Black Panther”
Lupe Fiasco – “WAV Files”
XXXTentacion “Moonlight”
Eli Sostre “Lml”

Bonus: La versione originale di “APESHIT” con le strofe di Quavo e Offset

Zanko:

Canzoni in ordine sparso

Big Flo et Oli – Demain
Salmo – 90 min
Niska – Wlg
Soolking – Guerrilla

Maitre Gims – Coracon
Jangy Leeon – Payaso ft jack the smoker
Gue – trap phone
Colle der fomento – Sergio Leone
Johhny Marsiglia – Clessidra

Lo dico in modo provocatorio ma non troppo :

La fine del mondo – Anastasio

Zatarra:

10 Dutch Nazari – Ce lo chiede l’Europa
9 Rancore – Musica per bambini
8 Orelsan – La fete est fine (epilogue)
7 Demi Portion – Super Hero
6 Kery James – J’rap encore
5 Johnny Marsiglia – Memory
4 Lucci e Ford78 – Shibumi
3 Cor Veleno – Lo spirito che suona
2 Colle Der Fomento – Adversus
1 Mezzosangue – Tree. Roots & Crown

Related Posts

Powered by Calculate Your BMI