Hollywood Monster 2

by • 17/09/2011 • Rubriche, The Game VaultComments (0)499

Torna la bellissima avventura grafica targata Pendulo Studios in questo secondo capitolo molto ben realizzato. Ci troviamo nella Hollywood degli anni Quaranta, con il cinema che sta conoscendo il suo grande boom, fatto soprattutto di pellicole horror di serie B. La differenza, rispetto alla nostra realtà, è che i mostri non sono attori con maschere di lattice o improbabili tutine, ma esseri in carne, ossa, artigli, squame e qualsivoglia appendice o tessuto organico: lupi mannari, alieni, mostri della laguna, scienziati mosca ecc.Ma un problema si prospetta all’orizzonte: stanno nascendo infatti i film per famiglie, commedie romantiche, musical, con il genere horror e i suoi protagonisti destinati quindi se la vedono brutta. Il gioco inizia durante la cerimonia annuale di consegna dei premi del cinema horror, dove facciamo la conoscenza dei due protagonisti, il giornalista sportivo sbruffone Dan Murray e la giovane e arrembante Liz Allaire, desiderosa di far carriera e di mettere le mani sullo scoop della vita. L’occasione le si presenta quando Big Albert, mostro palestrato e col cervello di un genio, si intrufola di soppiatto nella villa di William Fitz Randolph, il magnate del cinema che ospita l’evento. L’avventura è strutturata in capitoli “interpretati” a turno dai due protagonisti, e si dipana in maniera molto lineare: in ogni istante al giocatore viene richiesto di portare a termine un compito specifico, e uno solo, e non c’è verso di proseguire altri filoni perché magari si rimane bloccati da qualche parte. E qui arriviamo agli enigmi: fedele alla propria tradizione, Pendulo propone anche in questa sua nuova avventura dei puzzle a inventario piuttosto classici, in cui si esplora l’ambiente, si raccolgono oggetti e poi si combinano tra loro, HM2 consente infatti di scegliere tra tre livelli, con il più facile che offre suggerimenti e consente di scoprire gli “hot spot” di una schermata, quello intermedio che visualizza solo i punti cliccabili, e quello difficile che non concede nulla. L’interfaccia punta e clicca è piuttosto tradizionale, senza particolari novità di rilievo, con il cursore che cambia forma quando si passa sopra un oggetto o un personaggio con cui si può interagire; cliccando con il tasto destro si può scegliere l’azione desiderata. Il gioco implementa anche il sistema di “teletrasporto” tipico dei titoli Pendulo, che consente al personaggio di recarsi immediatamente in un punto cliccandoci due volte con il mouse. Il pannello di controllo permette di creare profili diversi di tenere sotto controllo gli obiettivi e di salvare/caricare la partita. Riuscito il cast, che regala due protagonisti piuttosto stereotipati ma che non ci mettono molto a risultare simpatici, ma soprattutto indimenticabili comprimari, dal Professor Mosca al poeta masochista. Buona la sceneggiatura, che mantiene un tono leggero e scanzonato e un buon ritmo, fatto di scambi di battute al fulmicotone e situazioni comiche una dopo l’altra. Per finire, Hollywood Monsters 2 si caratterizza per una produzione artistica di altissimo livello, probabilmente la migliore mai vista in un’avventura grafica: bellissimi fondali disegnati a mano in alta risoluzione su cui si muovono personaggi poligonali in cel-shading, con animazioni molto curate; il confine tra videogame e cartone animato si è fatto davvero davvero sottile. Altrettanto valida la colonna sonora, con sonorità e brani perfettamente adatti alle situazioni di gioco, dalle chitarre flamenco al soft jazz, con incursioni nella classica e nella tradizione orientale. Oltre a un ottimo doppiaggio e una localizzazione ben fatta, il gioco distribuito in Italia da FX Interactive contiene la soluzione completa, un ricco manuale a colori, e il primo Hollywood Monsters. Una vera chicca! Il tutto, come sempre, a 19.95 €. Hollywood Monsters 2 è un’avventura divertente, ben scritta e tecnicamente superlativa, oltretutto arricchita da un’edizione esclusiva per il mercato italiano molto curata e ottimamente doppiata. Nel complesso, un titolo che ogni avventuriero non dovrebbe lasciarsi scappare, e che tutti gli altri dovrebbero provare.

GRAFICA: 8

SONORO: 8

GIOCABILITA’: 8

LONGEVITA’: 8

VOTO FINALE: 8

HOT SPOTS:
–    Ottima produzione a livelli di eccellenza

COLD SPOTS:
–    Alcuni enigmi a tratti un po’ ostici

Produttore: Fx Interactive
Sviluppatore: Pendulo Studios
Genere: Avventura grafica

Related Posts

Powered by Calculate Your BMI