Hip Hop For Children

by • 28/04/2008 • ArticoliComments (0)874

Discutere di diritti dell’infanzia senza scadere nell’imperante retorica del buonismo è impresa ardua e molto delicata. La cosa basilare, secondo chi scrive, rimane tuttavia fondamentalmente una: citando in senso lato una delle più famose massime di Oscar Wilde, l’importante è che se ne parli. Il tema è scottante, drammatico e tremendamente attuale, nelle sue diverse declinazioni; ciò nonostante, nel nostro Paese non riceve l’attenzione che meriterebbe. Il rapporto relativo alle “Crisi Dimenticate”, stilato da Medici Senza Frontiere in collaborazione con l’Osservatorio di Pavia e reso pubblico lo scorso 12 marzo, dimostra la veridicità di questo assunto: riguardo alla malnutrizione infantile, fenomeno che ad oggi uccide oltre 5 milioni di bambini sotto i 5 anni ogni anno (ndr, uno ogni 9 minuti), i principali tg italiani hanno dedicato nel corso del 2007 soltanto 18 notizie, in buona parte relative ai diversi appelli lanciati dal Papa. La sistematica violazione dei diritti dell’infanzia ha ormai assunto lo status di luogo comune.

Per questo l’opera delle associazioni umanitarie assume una valenza diversa; all’attività sul campo si aggiunge una doverosa componente comunicativa, nell’ottica di informare e sensibilizzare il pubblico, quel pubblico che, tendenzialmente, sa che nel mondo esistono dei bambini che soffrono, ma difficilmente conosce nel dettaglio le atrocità loro inferte.
Terre Des Hommes fa tutto questo. Terre Des Hommes è una delle più attive e riconosciute organizzazioni non governative (ONG) focalizzate sulla difesa dei diritti dell'infanzia nei paesi in via di sviluppo, senza discriminazioni di ordine politico, razziale o religioso; agisce in 22 Paesi e 3 continenti, con lo scopo di assicurare i diritti fondamentali dei bambini, in particolare per garantire il diritto al gioco, alla formazione, all'istruzione e alla salute. Nata nel 1960 ed attiva in Italia dal 1994, mira a diffondere questa sensibilità sia presso il grande pubblico che nei confronti delle istituzioni; un impegno particolare viene profuso nei confronti del traffico di minori, fenomeno che ogni anno colpisce 1 milione di bambini nel mondo e che spesso, sbagliando, si ritiene associato esclusivamente a Paesi molto distanti dall’Europa.
Sono attivi un sito internet (http://www.terredeshommes.it) ed un blog (http://www.terredeshommes.it/blog/) dove potrete trovare tutte le informazioni del caso.

Giovedì 1 maggio, presso l’Alcatraz di Milano, Terre Des Hommes e la musica hip hop avranno modo di entrare in stretto contatto grazie a United Relations Agency (produttore esecutivo: Munder Mahdi), che organizza presso il capoluogo meneghino l’unico concerto italiano di Busta Rhymes, in favore delle attività umanitarie svolte da TdH per i bambini di Bagdad.
Ed è significativo pensare che la cultura hip hop, associata nell’immaginario propinato dai media alla violenza, alle armi, alla droga, sarà portatrice di un messaggio così significativo e carico di speranza come quello trasmesso da Terre Des Hommes.
L’opportunità è duplice. Da un lato la possibilità di assistere all’esibizione live di uno dei “mostri sacri” della scena statunitense, quel Busta Rhymes che, in oltre 15 anni di carriera, si è imposto come uno degli mc’s più carismatici ed innovativi sulla scena; dall’altro quella di contribuire ad una causa sacrosanta.

Hip hop è anche denuncia del malessere, cassa di risonanza per le situazioni di disagio, rivendicazione di forte impatto sociale; per una sera, riemergerà forte questa sua vocazione originaria. Mi piacerebbe che potessimo riscoprire tutti quanti il senso dell’ingiustizia, qualora lo avessimo dimenticato; mi piacerebbe che la serata di giovedì, oltre a della buona musica, porti con sé una nuova consapevolezza; mi piacerebbe che tutti quanti ci si renda conto del piccolo contributo che, in fin dei conti, ognuno di noi può dare. Perdonatemi il tono da pubblicità progresso; coltivo ancora la forse utopica convinzione che l’hip hop abbia le potenzialità per rendere le cose migliori.

Related Posts

Powered by Calculate Your BMI