Harry Potter e i Doni della Morte parte 2

by • 23/08/2011 • Rubriche, The Game VaultComments (0)437

Eccoci a testare il nuovo tie-in, quello conclusivo, della magica saga di Harry Potter, sempre ad opera del team di Electronic Arts. Proprio come per la Parte 1, il titolo sviluppato da EA Bright Light si presenta a tutti gli effetti come un third person shooter in stile Gears of War, con Harry, Hermione e Ron contro i malvagi seguaci di Voldemort. Il gioco segue la trama del film in modo fedele, dando parecchio rilievo alle fasi action. Il personaggio che controlliamo, variabile a seconda della situazione, può infatti appostarsi utilizzando un qualsiasi riparo presente negli scenari, e da lì portare i propri attacchi verso nemici sempre più numerosi. Gli incantesimi sono tutti molto ben caratterizzati, vari e spettacolari. All'inizio potremo ricorrere unicamente all'incantesimo Stupeficium, il colpo di luce, successivamente potremo sbloccare tutti gli altri. Il reticolo che determina la nostra mira tende a ingrandirsi e a perdere precisione man mano che "spariamo", dunque la tattica migliore negli scontri è quella delle raffiche brevi. Avremo a disposizione anche l'incantesimo Protego ossia una sorta di scudo che ci ripara dagli incantesimi. L’Expelliarmus, è invece un fulmine molto potente che può anche essere utilizzato semplicemente per "stordire" i nemici per qualche istante, mentre magari li colpiamo con Expulso, una raffica magica di grande efficacia e precisione. La nostra bacchetta magica può addirittura fare le veci di un fucile da cecchino, grazie all'incantesimo Petrificus Totalus, ideale appunto per i colpi dalla grande distanza. Completano il nostro "arsenale" Confrigo, un colpo lento ma dalla straordinaria potenza, e Impedimenta, che funziona in pratica come una serie di tre missili a ricerca. A tutti questi questi attacchi si aggiunge, sul finale, l'abilità di trasformarci in nebbia per raggiungere più velocemente un riparo. Le missioni variano dalla protezione di un personaggio in particolare al raggiungere una zona dello scenario dopo avere affrontato ondate di nemici. Le fasi sparatutto sono molto convincenti in ogni caso. Una volta completata la modalità Storia, è possibile cimentarsi con la modalità Sfida e dunque rigiocare tutti i livelli alla ricerca del tempo migliore. Giocando con il controller per Xbox 360  la mira va regolata tramite stick analogico e dunque i combattimenti possono durare molto più tempo. Il gioco è caratterizzato da un ottimo comparto sonoro, visto che le musiche sono quelle del film e il doppiaggio in italiano è stato realizzato da attori professionisti anche se non quelle del film. La grafica invece è caratterizzata da buone texture, modelli ben dettagliati, numero di poligoni sufficiente e ottimi effetti di luce, che rendono alcuni incantesimi molto spettacolari soprattutto se lanciati all'interno di scenari bui. La saga di Harry Potter chiude quindi in maniera molto dignitosa e certamente farà la felicità di tutti gli appassionati del maghetto creato da J.K. Rowling.

GRAFICA: 7
SONORO: 7
GIOCABILITA’: 6.5
LONGEVITA’: 6.5
VOTO FINALE: 6.5

HOT SPOTS:
–    Gli incantesimi sono tutti vari e spassosi
COLD SPOTS:
–    Longevità piuttosto

Produttore: Electronic Arts
Sviluppatore: Ea Bright Light
Genere: Azione

Related Posts

Powered by Calculate Your BMI