Happy Feet 2

by • 17/12/2011 • Rubriche, The Game VaultComments (0)552

Era il 2006 quando il mondo dell’animazione ha salutato un nuovo personaggio cinematografico, e con lui tutto un mondo, popolato di buffi animaletti polari. Ci riferiamo, naturalmente, a Mambo e agli altri protagonisti di Happy Feet, favola ecologista che, tra un momento musicale e l’altro, proponeva al suo giovanissimo pubblico non solo una morale a tema ecologico ma anche una sull’integrazione, il rispetto e la valorizzazione dei talenti di ognuno, per quanto particolari possano essere. Ora, a distanza di cinque anni, arriva il seguito, in uno sfavillante 3D. Il tempo è passato anche per i pinguini Imperatore, e ora Mambo e Gloria sono degli esemplari adulti, con una famiglia propria. Il loro primogenito, di nome Erik, proprio come Mambo da piccolo, è isolato da molti per via della mancanza di talenti particolari: non è bravo a cantare come la madre e quando prova a ballare riesce solo a rendersi ridicolo. L’unico che sembra ridargli una speranza è il ‘prode’ Sven, un pinguino assolutamente unico in grado anche di volare. Tuttavia, un pericolo incombe sulle lande ghiacciate dei nostri beniamini: una nuova carestia è infatti alle porte, e serve qualcuno che riesca a sistemare la situazione e riportare le cose alla normalità. E, contemporaneamente, assistiamo alle disavventure di una particolare coppia di krill di nome Will e Bill, alla scoperta del mondo e delle sue meraviglie. Il gioco offre un taglio diverso sul tipico gioco Attraverso molti livelli diversi, si incontrano una miriade di personaggi, ma come parte integrante del gameplay, viene richiesto di accumulare gruppi di pinguini. Il gioco ha tre modalità di gioco principali che ruotano attorno al raccogliere note e pinguini quando si attraversano le varie lande, colpire  i pulsanti a tempo con la musica, e scivolare sui pendii ghiacciati con vari personagi. I giocatori seguiranno la trama di base con facilità e immediatezza. Basta toccare il tasto X per il ritmo e raccogliere le numerose note musicali che popolano i livelli. È quindi possibile reclutare più pinguini. Alcuni pinguini richiedono un determinato numero di pinguini nel corpo di ballo prima di poterli reclutare il che significa che spesso ti verrà richiesto di fare marcia indietro per troare più pinguini possibili. L’elemento puzzle è ben implementato nel gioco. A volte vi troverete anche di fronte ad un boss dove per vincere la battaglia dovrete ballare in due. C’è poco movimento entro i livelli del gioco, il che significa che siete presentati con un angolo lontano mostra un più ampio contesto innevato. Gli ambienti minnevati nei differenti momenti del giorno sono molto ben realizzati così come i personaggi specie i pinguini nel loro dettaglio del piumaggio. Le animazioni di ballo sono tutte molto divertenti. Il titolo è caratterizzato da tracce audio che possono essere selezionate a piacimento all’inizio di ogni livello. Potremo anche sbloccarle di nuove con il progresso dei livelli. Ci sono 19 brani tra cui scegliere, e quando si rigiocano i livelli, è possibile salire di livello per aggiungere al totale complessivo. La musica è targata Ozomatli che apporta un eclettico mix di funk, hip hop, rock e latino che si adatta ai pinguini danzanti perfettamente. I livelli di gioco sono più di 30 in totale. Un prodotto nuovo e immediato che da il meglio di sè in gruppo e con bambini attorno. Consigliato per le feste natalizie in famiglia magari dopo avere visto il film.

GRAFICA: 7
SONORO: 7,5
GIOCABILITA’: 6,5
LONGEVITA’: 6,5
VOTO FINALE: 7

HOT SPOTS:
–   Ottimo in gruppo, specie se in compagnia di bimbi

COLD SPOTS:
–    Mancanza di varietà nei livelli

Produttore: Warner Bros
Sviluppatore: Warner
Genere: Family Game

Related Posts

Powered by Calculate Your BMI