Green Hell

by • 01/10/2019 • Rubriche, The Game VaultCommenti disabilitati su Green Hell660

Green Hell è l’ottimo prodotto realizzato da una software house indipendente i cui membri però hanno lavorato a grandi titoli come Dying Light e The Witcher 2. Creepy Jar ha realizzato un grande survival di altissima qualità e dal prezzo budget, elemento che non guasta mai.

Ci ritroveremo fin da subito nel bel mezzo della foresta amazzonica senza troppi aiuti. Avremo a disposizione solo un orologio con bussola incorporata, un walkie talkie e uno zaino. Potremo anche annotare tutto ciò che ci pare su di un taccuino.
Un ambiente ostile e affascinante allo stesso tempo dato che l’ambiente circostante ci metterà sempre in costante pericolo così come potrà proteggerci con efficacia.

La nostra salute psicofisica dovrà essere costantemente monitorata e quindi per sopravvivere è sempre necessario un ottimo bilanciamento tra la salute fisica e il basso stress psicologico.
L’esploratore Jake infatti potrà essere vittima di allucinazioni che ci complicheranno la vita e quindi dovremo sempre riuscire a mantenere un certo equilibrio di base.

Dovremo quindi pensare a come procurarsi fuoco, acqua pulita, cibo e anche variare l’alimentazione per non mangiare troppo spesso un solo alimento, arrivando quindi a scompensi.

Con il crafting potremo realizzare armi, medicazioni e tutta una serie di rifugi per ripararci dalle intemperie. C’è molto realismo in questo senso di sopravvivenza costante che pervade il titolo. Riceveremo poche indicazioni riguardo agli utilizzi delle varie.
Ogni nostra azione avrà delle conseguenze sull’ambiente circostante e quindi dovremo sempre soppesare ogni nostra azione. Dovremo anche costantemente controllare il nostro stato di salute tramite l’auto diagnosi in  modo da prevenire malattie o attacchi di parassiti.

Saremo sempre incentivati a esplorare per reperire maggiori risorse anche se mano a mano che ci espanderemo nella ricerca potremo andare incontro a maggiori pericoli.

Tutto questo in modalità Sopravvivenza mentre in Storia potremo aggiungere anche una trama molto interessante.
Dovremo salvare Mia che si è persa nel territorio degli Yabahuaca. Una storia profonda e godibile che vi impegnerà per circa 20 ore, con tanti risvolti sovrannaturali molto interessanti.

Potremo anche affrontare sfide singole così come presto verrà implementata una modalità in cooperativa molto probabilmente.
Ottimo il comparto tecnico con alcuni scorci della foresta veramente ben realizzati. Buone anche le animazioni. Certo il titolo è ancora da ottimizzare al 100% ma già promette molto bene.  La longevità poi è garantita dai molteplici finali che potremo scoprire di volta in volta.

Uno dei migliori survival in circolazione con tantissimo potenziale che sicuramente crescerà nel tempo diventando uno dei punti di riferimento del genere.

Voto: 8.5

Related Posts

Powered by Calculate Your BMI