Gabriel Knight Sins of the Fathers Remake

by • 22/11/2014 • Rubriche, The Game VaultComments (0)510

gk20th
Quando un classico del passato ritorna di prepotenza sui nostri schermi sono in pochi quelli che non riescono a farsi conquistare dalla magia di cotanta vecchia gloria.

In questo caso stiamo parlando di Gabriel Knight, uno dei veri e propri capisaldi delle avventure punta e clicca e creatura della talentuosa Jane Jansen.

Il titolo uscì nel 1993 per la mitica Sierra e impressionò critica e pubblico per il suo approccio maturo e dalle tematiche serie, tanto diverso dalle atmosfere scanzonate della diretta concorrente LucasArts.
Sins of the Fathers ha come setting particolare la misteriosa New Orleans. Il protagonista è Gabriel Knight, uno scrittore squattrinato e pieno di vizi che insieme  a alla sua fidata segretaria gestisce un negozio i libri usati.
Improvvisamente tutta una serie di omicidi sconvolge la città  e tutto farebbe pensare a assassinii legati al culto del voodoo, molto in voga in Louisiana.
Il caso viene affidato al detective Mosley ma archiviato quasi subito come regolamento di conti tra bande rivali.
Gabriel però, sempre desideroso di arricchire le proprie trame di elementi presi direttamente dalla realtà, decide di dare una mano al suo amico Mosley per indagare e scoprire quindi la realtà che si cela dietro i crimini.

Per questo motivo il protagonista sarà costretto a viaggiare dall’Africa alla Germania per scoprire la verità e quindi avrà modo di crescere e cambiare.
Il sistema di controllo rispecchia quello canonico delle vecchie avventure punta e clicca. Non ci sono in questo caso però comandi testuali ma una icona a schermo che cambierà in base alle azioni che potremo compiere.
L’avventura si dipana su dieci giorni differenti e avremo quindi per ogni giorno tutta una serie di enigmi da risolvere in maniera anche non lineare, tanto il titolo terrà traccia dei nostri risultati per noi.
Gli enigmi non sono tanto basati sull’interazione con gli oggetti quanto piuttosto a delle vere e proprie indagini dalle cui risposte potremo trovare spunti vitali per superare gli enigmi che ci verranno posti di fronte.
Dal punto di vista tecnico il titolo ha subito un ottimo processo di restyling che permette di apprezzare appieno questo classico.
Quello che spicca maggiormente è il sonoro, affidato al grande Robert Holmes.
Un titolo classico che non dovrebbe mancare nella collezione di nessun videogiocatore che si rispetti e che grazie al processo di remake è diventato ancora più imperdibile. Consigliato senza remore!

 

Voto: 9

 

Related Posts

Powered by Calculate Your BMI