Football Manager 2015

by • 04/01/2015 • Rubriche, The Game VaultComments (0)806

football

 

Football Manager è il gioco di gestione calcistica più realistico, dettagliato e coinvolgente in circolazione, che ti mette alla guida di quasi ogni squadra esistente in oltre 50 paesi del mondo, compresi i maggiori campionati europei. Football Manager 2015 ti permetterà di vivere la vita di un vero manager calcistico – decidi tu chi gioca e chi sta in panchina, hai il controllo totale sulle tattiche, discorsi alla squadra, sostituzioni e istruzioni a bordo campo mentre segui la partita in diretta con l’acclamato motore 3D.

Pendere pieno possesso di un club calcistico, come allenatore e manager: è questa l’esperienza che ogni anno ci offre la serie Football Manager di Sports Interactive, da due decenni.

La serie, diventata ormai assoluta dominatrice del mercato dei gestionali calcistici, consente infatti di gestire tutti gli aspetti fondamentali di una squadra, dalla formazione alle tattiche, dal calciomercato ai contratti dei giocatori, fino ai rapporti con la dirigenza, la stampa e i giocatori stessi.

Nonostante il successo, gli sviluppatori proseguono di anno in anno nell’inserimento di nuove caratteristiche e funzionalità. Sebbene le novità siano davvero corpose solo di rado, si assiste a un costante miglioramento e raffinamento degli aspetti principali del titolo.

Una delle modifiche più significative di Football Manager 2015 riguarda l’interfaccia di gioco, che vede il menu di navigazione principale collocato ora sulla sinistra, con tutte le voci che rimangono accessibili velocemente in qualunque momento. Questa novità è volta alla ricerca di una maggiore accessibilità e visibilità delle varie pagine, alcune delle quali, sebbene presenti nelle versioni precedenti, sono state ignorate da buona parte dei videogiocatori, semplicemente perché troppo difficili da raggiungere. In questo senso va anche un’altra novità, la barra di ricerca più intelligente, che mostra suggerimenti automatici in base a ciò che si sta scrivendo, e permette di esplorare velocemente varie categorie di elementi.

A livello di gioco, l’introduzione più interessante è probabilmente l’ampliamento delle caratteristiche del “protagonista” del gioco. Mentre negli anni scorsi il nostro alter-ego era caratterizzato da alcuni dati informativi e da una foto, in questa versione viene richiesto anche di assegnare un punteggio alle diverse abilità di un manager, secondo i parametri già presenti negli anni scorsi per lo staff. I punti totali da distribuire saranno determinati dai livelli di esperienza scelti dal giocatore, ma più sarà esperto il nostro alter ego, più alte saranno le aspettative della società, e minore sarà la pazienza in caso di fallimento. Il giocatore potrà anche decidere se il proprio alter ego sarà più votato al campo di gioco o alla scrivania e ai rapporti con gli altri, lasciando un maggior numero di punti a uno dei due aspetti.

Nel primo ambito rientrano sostanzialmente le caratteristiche dei preparatori, fra i quali praticamente rientrerà anche il nostro personaggio, a cui ora potranno essere assegnate una o più categorie di allenamento per la nostra squadra. L’efficacia dipenderà ovviamente dal punteggio che avremo assegnato nei parametri correlati alla categoria scelta. Il secondo aspetto riguarda invece la capacità di gestire i rapporti con la stampa, la dirigenza, i giocatori (sia nei rapporti quotidiani che nella motivazione per le partite), e la capacità di determinare l’abilità e il potenziale dei calciatori a nostra disposizione. L’alter ego virtuale, piuttosto privo di vita fino ad ora, inizia con queste caratteristiche ad avere un ruolo davvero attivo nella nostra gestione della squadra.

Buona parte delle novità riguarda, come prevedibile, la simulazione 3D delle partite. Per la prima volta si è fatto uso del motion capture, migliorando le animazioni dei calciatori, in particolare nei dribbling e nei tiri. Un visibile miglioramento si nota anche nei movimenti dei portieri. La simulazione in generale resta comunque piuttosto grezza, e l’IA è comunque migliorabile, cosa che potrebbe avvenire anche nei futuri aggiornamenti di questa versione. L’interfaccia di gestione della partita non è cambiata più di tanto, ma è ora possibile comunicare con i calciatori anche durante la partita, senza attendere l’intervallo o le sostituzioni. Oltre ai comandi già presenti, è stato aggiunto infatti un menu di scelta delle “urla” da indirizzare ai giocatori, utili ad esempio per calmare un calciatore troppo nervoso, o per incoraggiare un nostro uomo che non sta dando il meglio.

Sono numerose ovviamente anche le novità minori, come l’aggiunta di moduli tattici e di nuovi ruoli dei calciatori (come l’Esterno difensivo invertito, che cercherà di tagliare verso il centro, oppure il Regista mobile, libero di muoversi per il campo per gestire il pallone in tutte le azioni). È stato rivisto anche il sistema di scouting, con i rapporti degli osservatori divisi più chiaramente in aspetti positivi e negativi del calciatore, e con l’indicazione di un range numerico per certe qualità dei calciatori che è possibile eventualmente analizzare meglio con ulteriori osservazioni, ma che dà comunque un’idea dell’abilità del giocatore.

Ovviamente, non mancano gli aspetti ancora da migliorare, alcuni dei quali presenti purtroppo da più edizioni. Alcuni eventi della gestione dei calciatori e del calciomercato risultano piuttosto inverosimili: spiazza ad esempio vedere Bonucci richiedere a inizio del gioco un trasferimento al Barcelona, e arrabbiarsi dopo un nostro rifiuto ad un’offerta bassa (intorno ai 10 milioni) ricevuta dal club catalano. In molti casi risulta più complesso del normale cedere i giocatori, sia per lo scarso interesse mostrato da altre società, sia per una riluttanza oltremodo ostinata di taluni videogiocatori a voler partire, anche se già messi fuori rosa e di fronte ad offerte contrattuali migliori.
Si può star certi comunque che Sports Interactive lavorerà per migliorare in futuro anche questi aspetti, come è di certo encomiabile come ogni anno il lavoro svolto dai team di osservatori che raccolgono e valutano le caratteristiche dei calciatori. Come già nelle versioni precedenti, con casi come Verratti, Courtouis, Kovacic, Lukaku, capiterà di certo di scovare nel gioco giovani 16-17enni relativamente sconosciuti con un grandissimo potenziale, per poi assistere anche nella realtà alla realizzazione delle possibilità individuate dagli agenti di Football Manager.

Voto: 9

Related Posts

Powered by Calculate Your BMI