Errata corrige: Noyz Narcos NON è in stato di arresto!

by • 18/06/2015 • Copertina, NewsComments (0)1495

noyznarcos_c

Per la serie “anche le agenzie di stampa sbagliano”: pochi minuti fa vi avevamo riportato la notizia di un’agenzia Adkronos che segnalava l’arresto di Noyz Narcos poche ore fa. Noyz, che vive momentaneamente a Milano, si sarebbe trovato in casa sua: stando all’agenzia, “gli agenti del commissariato di Quarto Oggiaro si trovavano di pattuglia nella zona di Salvador Rosa quando hanno avvertito un forte odore provenire da un’abitazione poco distante”. Una volta entrati nell’appartamento, avrebbero rinvenuto sette bustine di marijuana, svariati pezzi di hashish (per un totale, pare, di circa 20 grammi, non molto quindi) e un bilancino di precisione: secondo la legge in vigore si tratta di “materiale atto al confezionamento di dosi per lo spaccio”. Sulla pagina ufficiale di Fritz Da Cat, è riportato un annuncio che spiega che la notizia riportata non è corretta:

Schermata 2015-06-18 alle 11.42.54

 

I nostri amici di Rockit hanno raggiunto telefonicamente il manager di Noyz, che ha spiegato la situazione (qui potete leggere un riassunto delle sue parole). Tiriamo quindi un sospirone di sollievo e vi invitiamo a diffondere l’informazione esatta.

AGGIORNAMENTO #1: Riportiamo qui la nota diffusa dall’avvocato di Noyz Narcos in seguito all’agenzia di stamattina, ripresa (e non ancora smentita) dalla maggior parte dei quotidiani online:

Con riferimento alla notizia, riportata da alcuni organi di informazione, relativa all’arresto di Emanuele Frasca (in arte Noyz Narcos) preciso che in data 17 giugno 2015 il Tribunale di Milano, sezione direttissime, ha ordinato l’immediata liberazione dell’imputato.
 
Nel corso dell’udienza di convalida il Pubblico Ministero ha riqualificato l’originaria imputazione ritenendo che la condotta contestata integrasse gli estremi del “fatto di lieve entità”.
 
L’arresto è stato eseguito a seguito di una perquisizione domiciliare che ha portato al rinvenimento presso l’abitazione del Frasca di un modestissimo quantitativo di marijuana e hashish che l’imputato deteneva per uso esclusivamente personale.
 
In sede di interrogatorio il mio assistito ha chiarito che le sostanze erano suddivise in diverse bustine in ragione della loro diversa qualità e ha altresì precisato che alcuni degli involucri sequestrati contenevano minimi residui di sostanza precedentemente consumata.
 
Il processo è stato rinviato alla data del 21 settembre 2015 e si confida in un epilogo decisorio favorevole per l’imputato.

Related Posts

Powered by Calculate Your BMI